ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 14 aprile 2011
ultima lettura mercoledì 13 novembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

MANICOMIO

di michael santhers. Letto 640 volte. Dallo scaffale Poesia

Ho detto cose eccentrichema sempre più o meno riscontrabilie tutti mi hanno derisopreso per pazzo Un uomo vestito di neroal mio paese, tutti i giorniparla del regno dei cieliche nessuno ha mai vistoe tutti in silenzioriverenti gli credono Ho imp...

Ho detto cose eccentriche
ma sempre più o meno riscontrabili
e tutti mi hanno deriso
preso per pazzo

Un uomo vestito di nero
al mio paese, tutti i giorni
parla del regno dei cieli
che nessuno ha mai visto
e tutti in silenzio
riverenti gli credono

Ho imparato a mie spese
che è meglio dire bugie
talmente grosse
non riscontrabili
e non verità che vanno
un po' fuori dagli schemi

Mi hanno messo in manicomio
solo per aver chiesto con insistenza
per appagare una curiosita'
... quanto costava un monolocale
sospeso nel regno dei cieli

Sapete mi è venuto spontaneo
avendo io vissuto
in un buio seminterrato
dove oltre a non vedere il mare
che ci può stare
ma caspita.... il cielo
bha... m'è costata cara
solo domandare di esso
-----------
Da :Voci Scomode
www.santhers.com



Commenti

pubblicato il 14/04/2011 12.39.41
serialwriter, ha scritto: Il regno dei cieli è più piccolo di un grano di senape, disse Gesù, che dà vita a una pianta così grande da poter ospitare tanti uccelli. Per "regno dei cieli deve essere inteso il Centro di tutte le realtà dell'universo. Centro che, come si sa, non è esteso ed è privo di forma, allo stesso modo di un punto. Eppure l'estensione, che è il modo che ha lo spazio di essere, prende avvio dalla distanza infinitesimale che separa due punti privi di durata e forma. Trascinata, la retta che si ottiene dà origine al piano che darà modo al solido del tuo esserci di essere. Tu, come ogni altra cosa, devi la tua forma a un inizio che forma non ha. Quindi si deve dire che il regno dei cieli è la matrice di tutte le cose. Il regno dei cieli è anche nel monolocale che abiti, e sta a te saperlo riconoscere dandogli il senso che ha. Fino a quando crederai che il non essere grandi e pesanti significa essere una frottola... il tuo monolocale non lascerà soddisfare il tuo poter essere libero, anche dalle frottole.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: