ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 7 marzo 2011
ultima lettura lunedì 16 settembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Il Maniho è chi teme d'esser.

di Metastasi. Letto 763 volte. Dallo scaffale Fantasia

Vi propongo uno stralcio di un racconto pensato da me come tale. Kavel combattuto tra la verità ed il momento giusto per essa; il Maniho, la Carneficazione del Bene, e la sua paura: scoprire chi è attraverso la pozza d'acqua. Spero vi piaccia!..

Resto.

Sono un resto filiforme tra tanti altri.

Il mio corpo è arcuato su un ramoscello d'erba, assuefatto da esso, lo osservo.

Più in là, poco distante da questo prato fiorito v'è un piccolo stagno, una pozza d'acqua in cui sovente gli animali abbeverano le loro stanche membra.

A quale classe posso reputarmi appartenente?

Il mio corpo agile non si rispecchia nell'esteriorità della sua composizione; di anni pochi, ma mente vecchia, son dotato.

Sospiro.

-Kavel, tu, cosa pensi io sia?- la domanda mi salì sulle labbra spontaneamente, quasi come se già scritto da altri ella si prestava ad un gioco circenze.

Inarcò lievemente il sopracciglio e poi mi rispose, nonostante sapesse bene che il responso sarebbe stato uguale a quello del giorno primo in cui ci eravamo incontrati.

-Mi poni ogni anno, al calar del sole del giorno di mezzo, la stessa identica domanda.- iniziò sicuro. -Ad ogni nuova Luna il tuo aspetto si modella e di conseguenza tu credi d'esser chi non vuoi. Tu sei Maniho, la Carnificazione del Bene. Non sei creatura cattiva, non lo sarai mai. Ora coricati, domani dovrai specchiarti alla fonte.- concluse con aria stanca.

-Domani saprò chi sono.- affermai sicuro, poi mi coricai.

©Metastasi.



Commenti

pubblicato il 07/03/2011 22.34.03
libellula25, ha scritto: Sempre perfetta. ;)
pubblicato il 07/03/2011 22.36.13
Metastasi, ha scritto: Grazie mille :)

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: