ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 27 febbraio 2011
ultima lettura sabato 16 novembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Storia di volpi

di silvia. Letto 1701 volte. Dallo scaffale Fiabe

C'era una volta una comunità di volpi che viveva in un bel bosco, verde e profumato. Le volpi sono animali affettuosi ma astuti e vanitosi. L...

C'era una volta una comunità di volpi che viveva in un bel bosco, verde e profumato.

Le volpi sono animali affettuosi ma astuti e vanitosi. Le femmine poi lo si sà per esperienza fanno sempre a gara a chi ha il pelo più lucido o la coda più lunga.

Un giorno una volpe giovane, molto bella, si aggirava nel branco con fare altezzoso, per far bella mostra di se con le altre. Nessuno voleva girarsi a guardarla perchè era conosciuta come vanitosa e soprattutto cercava sempre di denigrare gli altri a vantaggio suo.

Molte volpi a causa sua avevano pianto lacrime amare, si sà gli anni passano per tutti e il pelo è ogni giorno più opaco e rado, i colori con l'andar del tempo perdono brillantezza, gli occhi si appannano leggermente. Diciamolo non è proprio una bella condizione la vecchiaia!!

Lo sapevano le volpi non più giovani, era un percorso che ognuno faceva senza troppo pensare.

Ma la volpe vanitosa sembrava fatta apposta per esaltare solo i difetti altrui. Amava compiacersi di lasciare le altre a bocca aperta, quando strusciava sotto i loro denti la coda fulva.

Altezzosa e sorniona ma infelice. Pur essendo pienamente convinta della sua bellezza, che portava in giro come un trofeo, non era felice. Evitava sempre di dar mostra delle proprie infelicità perchè non voleva dimostrare agli altri le sue debolezze.

Solo il bosco conosceva le sue lacrime. Sembrava che i fiori di un piccolo prato, dietro un filare di alberi, fossero innaffiati dal suo pianto.

Si era creata il personaggio della bella ed era terrorizzata di essere soppiantata un giorno da un'altra più giovane di lei.

Eh si lo sapeva che gli anni sarebbero trascorsi e anche il suo pelo si sarebbe fatto opaco e rado, la sua coda sciatta, per questo fuggiva nel bosco, per non far conoscere ad alcuno la sua paura di diventare brutta. Si.. brutta come le vecchie volpi che si aggirano per il villaggio trascinando le zampe stanche, con le loro code spelacchiate. Non si spiegava la giovane e bella volpe come mai lei piangeva sempre, non appena smetteva di far invidia alle altre, mentre queste vecchie sdentate passavano la giornata a ridere insieme, magari anche delle loro disgrazie.

Si decise un giorno ad interrogare una di queste vecchie e con il suo solito tono sprezzante le disse:

" Ma che hai, oh vecchia volpe, che hai da ridere, ma non vedi che ti son caduti i denti? Dovresti stare a bocca chiusa, la coda tra le zampe e magari trascinarti nel bosco, visto che sei vecchia meno ti si vede in giro e meglio è" la vecchia volpe la guardò e per qualche istante non rispose, poi quando la bella credeva di aver avuto la meglio parlò: " Vedi figlia cara, tu hai ragione, sono vecchia e il mio pelo come finanche la mia coda perdono peli e il colore è scialbo, i denti poi a furia di cacciare sono caduti, è vero, ma vedi anche io come te da giovane ero bella e passavo la giornata a lisciarmi il pelo e a far mostra di me con gli altri. Non ero affatto felice, non avevo amiche, in quanto essendo molto vanitosa e altezzosa, nessuna si unica a me e spesso passavo la mia giornata nel bosco a disperarmi della mia solitudine e piangevo, fino a sembrare di annaffiare il piccolo prato nascosto tra gli alberi. Oggi che non posso più far invidia a nessuno, passo la mia giornata in compagnia delle altre volpi e del pelo scolorito o dei denti caduti non me ne importa più nulla. Ti dirò se non fosse per il dolore alle ossa potrei ben affermare di non essere mai stata tanto felice." La giovane volpe rimase di stucco, la vecchia volpe sembrava conoscesse la sua storia, provò allora una sensazione di forte disagio, in quanto le sembrò che gli occhi delle altre leggessero i suoi pensieri. Per non dar mostra di essere stata ferita levò altezzosamente la coda e fece per andarsene senza profferire parola ma, la vecchia volpe salutandola le disse: " Bella la mia volpe non perdere la gioia di vivere per paura di perdere la tua bellezza. Il tempo scorre ed è inesorabile, spesso ci accorgiamo di quanto ne è trascorso solo quando ci cade il primo dente, allora ci rammarichiamo di aver versato lacrime inutili, solo allora riscopriamo il gusto di ridere sulle nostre debolezze, perchè solo allora le abbiamo accettate ed amate. Allora di cuore ti auguro di amare i tuoi difetti, di amare il tuo corpo che sfiorisce, solo questa è la ricetta della vera felicità" detto questo la vecchia volpe tornò a ridere con le sue brutte e sdentate compagne.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: