ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 20 novembre 2010
ultima lettura lunedì 27 gennaio 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

ASPETTANDO L'URAGANO

di ArcangeloMellotron. Letto 735 volte. Dallo scaffale Poesia

Normal 0 14 false false false MicrosoftInternetExplorer4 /* Style Definitions */ table.Mso...

Seduta sulla sabbia bagnata

In un posto senza orizzonti,

vedeva l’onda infrangersi ai piedi

movimenti dall’irregolare matrice

che si snoda in acqua ruggente

Vedi? L’intreccio del cosmo

Denota nuove origini

Dalle sibilline profezie

Mentre distrugge il fine arduamente conquistato.

E guardava il fluido mosaico

Ricomporsi,

il cosmo con esso muta e si spande

solo se la mente illuminata porta chiarezza con sé

Ma dura solo un attimo,

niente è sicuro.

ma nessun suono si udiva nell’aria quieta.

Forse, una voce roca

Cantava strane litanie progressive

Le cui parole si perdevano nel vento,

incalzante ed infuriato

sferzava le piante e i lidi lontani

mentre parole prive di cognizione

e di metrica

sferzavano ogni silenzio del mondo.

Ma nel mondiale equilibrio irrisolto,

ogni cosa pareva immobile

Nel susseguirsi di giorni che guardano

Uno indietro all’altro,

E lei docile schiava di Saturno

Intrappolata nella sua eterna tela

A tessere il filo del tempo…

Niente.

Statiche ore, inutili minuti

Lunghi ed immobili

Soltanto disfacimento là fuori,

mentre il Genio s’aggira tra le rovine

senza speranza di trovare la fede

preclusa.

Le pareva di girare lei stessa

E il mondo con ella.

Vento camminerai con me.

Da lontano s’accostava alla vista

Di nomi mai pronunciati

In povere sillabe

Ma nessun riflesso vedeva nell’onda

E allora aspettava

Aspettava a chiamare

L’uragano nell’aria,

aspettava a chiamare

i venti divini

che nuova vita dal nulla e dal caos

avrebbero creato.

Aspettando l’uragano

Che non arriva mai

Aspettando l’uragano

Una donna giace sulla sabbia,

mentre i gabbiani le rosicchiano i capelli

solo le onde vegliano il suo corpo

accarezzandola talvolta.



Commenti

pubblicato il 20/11/2010 15.53.27
tartaruga82, ha scritto: tutti prima o poi aspettiamo il nostro uragano. splendida poesia!
pubblicato il 21/11/2010 6.04.01
ArcangeloMellotron, ha scritto: Grazie mille... è che prima o poi tutti lo aspettiamo, ma non per tutti esso arriva davvero. O non arriva come te lo aspetti, ma è già cosa più comune. E' veramente problematico quando esso si fa vedere da lontano e stop... perché si finisce come la donna sulla sabbia!

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: