ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 11 ottobre 2010
ultima lettura lunedì 23 novembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

VENTO

di lilant. Letto 635 volte. Dallo scaffale Poesia

E' il vento che mi urla contro e si sfracella urtando i vetri per sfidarmi. Vince chi mi fa più male. Bevo il tempo come ambrosia, ma è ...

E' il vento che mi urla contro
e si sfracella urtando i vetri
per sfidarmi.
Vince chi mi fa più male.
Bevo il tempo come ambrosia,
ma è solo assenzio
quel verde putrido dei miei occhi,
mentre la primavera gocciola
ancora timida, ancora viva,
senza che io possa vederla
perché ho la tua immagine iniettata nel cervello.
Posso ancora sentire il lavorio, però,
della dinamo nel mio petto,
che tu hai innescato in ore ancora invernali.
Sterili e ridibili indizi,
ma l' anima sublima
ad ogni contatto,
librando foglie di lana
che il vento mi infuria contro
perdendo ogni loro cellula di dolcezza.
Nessun eden é il mio asilo
se non il tuo.
Ovvio...Vince sempre lui: il vento.

Sono graditi commenti di qualunque tipo.Grazie.



Commenti

pubblicato il 11/10/2010 22.48.40
giordanogiordani, ha scritto: io avrei voluto sentire il vento urlare nella tua poesia, ma non l'ho sentito

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: