ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 25 settembre 2010
ultima lettura mercoledì 13 febbraio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Professor Formica ...Spiegazione del Tic e del Tac- "2a -edizione

di vennyrouge. Letto 682 volte. Dallo scaffale Fantasia

Professor Formica ...Spiegazione del Tic e del Tac- "2a -edizione rivisitata-tagliata 13.07.2011- ripristinata il 13/04/12....tagliata ancora il 27/06/2013..

Premessa


Ad un ipotetico osservatore posto lontano, rispetto la fonte, la cosa potrebbe porsi semplicemente come un piccolo suono: Tic-Tac. Se questi spinto dal desiderio o dallo spirito d’osservazione si collocasse verso la direzione d’origine, comprenderebbe che nella fattispecie l’effetto creato, è, così com’è dato, derivante dalla risultante acustica, causata dello scontro di corpi solidi.

Ricerca del Tic


Per meglio intuire, il fenomeno occorrerà dar per scontato che trattasi di tali entità. Diversamente non si sarebbe generato che un suono diverso dal Tic e dal Tac. Altre sì, necessita supporre di essere alla presenza di un’atmosfera, gas o di un liquido, affinché vi sia oppure possa esservi propagazione acustica. Finanche, ragionando, non c’è dato per il momento sapere se trattasi di scontro tra due o più corpi solidi. Ad ogni modo ed anche in questo caso, va osservato, avremo comunque quale risultante specifica acustica sempre quanto detto. Per cui, possiamo tranquillamente prescindere dalla considerazione su quanti siano i solidi a collidere numericamente e dalla loro forma. Meglio applicandoci, sulle successive ipotesi e correlazioni, oggetto dello studio.

Mancanza del Tac e intuizione circa la sua esistenza - ricerca del Tac tramite il Tic


Sviluppando con ordine, quindi. Sempre se il nostro sperimentatore, in ipotesi, potesse oppure volesse valutare anche un altro suono che chiameremo "Tac". Di cui per ora ipotizziamo solo l'esistenza. Potrebbe distinguere facilmente che tra i due o più solidi venuti a scontrarsi il secondo corpo, dopo avere inizialmente resistito all'urto, cede ora, sotto l’azione ricevuta da quest'altro. Generando così, un’onda acustica che chiameremo ''Tic''. Ricavando l'esistenza del Tac necessariamente quale fatto successivo al Tic. -A tale supposizione, potremmo giungere, anche solo comprendendo che questo secondo suono si generi per il principio d’azione e reazione che avete già ben noto. Il problema della osservazione diviene quindi aperto ora sul tema ''Tac'', avendo noi, per certo, udito il ''Tic''. Effetto di trasmissione della cui esistenza, noi scienziati valutiamo esser certi.

Ricerca teorica del Tic e del Tac – spiegazione delle dinamiche del moto


Se, il nostro compiacente osservatore, si volesse e potesse avvicinare ancora di più al punto d’origine del rumore, per vedere di persona. Supposto che ne abbia sentore e mezzi necessario. Ivi tecnologici. Quale telescopio, cannocchiale, lente d’ingrandimento, microscopio, ecc. Finanche semplicemente abbia ad agire con moto proprio e doti d’intuizione della fisica, delle quali non difettiamo. Dopo avere postulato, che l'effetto sonoro iniziale e quello successivo, sono fenomeni fisici ed acustici tra loro stessi correlati e che quindi debbano esistere in coppia. Si rammenta.

Questi potrebbe con rigore scientifico assumere ulteriormente che il Tic e il Tac distano tra loro un miliardesimo di secondo. Tale tempo, d’ampiezza infinitesimale nell'Universo è in realtà lunghissimo se rapportato alle cose che specificamente lo riguardano. In questo spazio temporale possono verificarsi, infatti, un’infinità d’eventi. Quali schiacciamenti, rotture superficiali, eccetera... Ed io sarò lieto di concordare con lui, nella giustezza delle cosa esposta. Mi duole molto, per onestà mentale e rigore scientifico con me stesso e con la mia specie, riconoscere che nel caso in esame il suono "Tic" è il risultato emesso nel primo istante sonoro dello scontro tra i due corpi solidi. Il quale, di fatto è avvenuto, tra la Terra e la Luna. In pratica, un fenomeno d’importanza, inimmaginabile. Al quale non eravamo preparati. E' giusto per ciò, spendere parole ed effettuare ogni ricerca utile e chiarire l'evento e il perché noi esseri laboriosi, intelligenti e dediti, non si sia preveduto, e non si sia saputo ben comprendere e valutare prima.

Spiegazione sulla mancata valutazione


Comprenderà l'ascoltatore quindi, che noi formiche in quella situazione non potemmo che aver udito il Tic: e solo quello. Essendo state sbalzate, fuori dell’atmosfera certamente dopo il Tic ma prima del Tac. Dovremmo noi, a questo punto, lasciare lo studio e la comprensione del fenomeno ''Tac'' all'uomo. Quanto essere meglio deputato ad analizzarlo in natura. Se ne fosse rimasto qualcuno, direi. Ma anche che ve ne sia rimasto taluno, insistendo e volendolo procedere noi sole; potremmo proprio per quanto sin qui detto, ovvero per la comprensione del fenomeno specifico in se o in genere, procedere teoricamente. Correlando l'accaduto, necessariamente al punto di vista dal quale si affronta il problema. -Solo così giungeremo in maniera molto rapida alla scientifica spiegazione. Seppur realizzata con mezzi di fortuna e in una sede altrettanto arrangiata...

Perdonami. Dal 26.06.2013 il racconto è entrato a fare parte di una raccolta pubblicata su lulu. Puoi scaricare per qualche tempo gratuitamente tutto il libro in pdf. Cercalo- Damn Village di Veniero Rossi



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: