ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 25 settembre 2010
ultima lettura lunedì 18 novembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Riflesso

di LunaPiena. Letto 770 volte. Dallo scaffale Generico

Stasera vagando per casa mi sono soffermata su un'immagine. Era un giovane donna, dagli occhi stanchi. Forse avevano pianto molto in passato, un velo di tristezza nascondeva un gran dolore. Lo sguardo, dopotutto era pieno di speranze e nuove gioie. La ...

Stasera vagando per casa mi sono soffermata su un'immagine. Era un giovane donna, dagli occhi stanchi. Forse avevano pianto molto in passato, un velo di tristezza nascondeva un gran dolore. Lo sguardo, dopotutto era pieno di speranze e nuove gioie. La giovane donna tendeva il viso in un'espressione di ironia. I capelli arruffati e le guance rosee ricordavano i tratti di una bambina, quella piccola bambina che rimaneva ancora assopita dentro di lei. D'un tratto allungò la mano magra dalle unghie multicolore e un attimo prima che mi potesse toccare la mano si fermò, non potendo più continuare. La fatica fu riconoscermi in quel riflesso.


Commenti

pubblicato il 25/09/2010 10.50.07
biancaneve, ha scritto: C'avrei scommesso fin dall'inizio che eri tu..il tuo riflesso non può toccarti, ma tu puoi fare qualcosa per te stessa, sorridere e ridare vita a quegli occhi..bella introspezione, perchè è di questo che si tratta...e approfitto per ringraziarti dei commenti..inizio io: un sorriso..
pubblicato il 14/10/2010 18.07.15
tartaruga82, ha scritto: a volte basta poco per trasformare le lacrime di dolore in lacrime di gioia e gli occhi non si stancano per queste ultime. per le une senza le altre non possono esserci, cos come non si pu avere speranza per il futuro se prima non si ha sofferto. ti auguro che nel tuo prossimo riflesso tu possa vedere la te che vuoi!

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: