ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 16 giugno 2010
ultima lettura mercoledì 18 settembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

INVINCIBILI STREGHE

di akire. Letto 957 volte. Dallo scaffale Fantasia

"Allora, fatemi capire bene".Dopo la Grande Sfida e, in ordine, la Grande Rivelazione erano tornate a casa in un dapprima silenzio carico ...

"Allora, fatemi capire bene".

Dopo la Grande Sfida e, in ordine, la Grande Rivelazione erano tornate a casa in un dapprima silenzio carico di tensione e poi crash, la diga era crollata e ne riversate accuse, parole pesanti, il rischio di un'amicizia che si incrina magari per sempre. Dall'altra parte c'erano state scuse, spiegazioni giustificazioni sincere finchè anche Erica non aveva alzato la voce. Silenzio. Sulla strada verso casa non avevano più toccato l'argomento, anzi non avevano più spiccicato parola se non per mettere al corrente Joanne che, fra l'altro, le aspettava in piedi davanti alla porta di casa.

E ora stava tentando di rielaborare tutto. "Voi siete andate da sole nella casa dove ci risulta abita una congrega di streghe malvagie perchè avevano rapito il vostro amico. E' così?".

Annuirono.

"E dato che non lo lasciavano andare avete dapprima combattuto contro di loro stracciandole e poi avete..deciso di combatterle all'ultimo plenilunio, e recuperato Robert, è così?".

Annuirono.

"Cosa vi è passato per la testa in quel momento?". Si alzò vagando irrequieta per la stanza e fermandosi poi davanti al caminetto acceso. Si voltò verso di loro. "No davvero, cosa? Avete la più vaga idea dei guai in cui vi siete cacciate? Vi siete condannate da sole. Da sole".

In qualsiasi altra occasione Erica avrebbe mostrato un minimo di contrizione ma non quella sera. Ricordi sgradevoli del passato e un piano suicida rendevano quella un'occasione speciale. "No, questo no" disse. Guardò Joanne. "Questo mai".

"Sei stata tu ad avere l'idea" mormorò la donna. "E hai fatto in modo che accettassero. Ma perchè, Erica? Perchè?".

"Ho i miei buoni motivi".

"L'odio" disse Sara. "Tu le odi da sempre, per quel che ne so".

"Ma non solo. Quando le abbiamo battute..è stato troppo facile, l'hai notato?".

Aveva ragione. I membri della congrega avevano impiegato il loro potere, la loro magia contro loro due e adesso ne pagavano le conseguenze. E all'origine, all'origine di tutto c'era il fatto che stavano morendo inesorabilmente: le streghe nere di Blacknight erano ormai dirette a un destino senza ritorno. Ma si sarebbero lasciate dietro quanti più caduti potevano, entrambe lo sapevano.

"Erica". Joanne si sedette accanto a lei e le prese una mano fra le sue. "Non so bene cosa ti hanno fatto quelle streghe, e intuisco che dev'essere stato qualcosa di terribile, di crudele. Odiarle in questo modo..come fai tu, farà in modo che tu le distrugga ma ti consumerà, divorerà la tua vita senza scampo. Capisci questo?".

La giovane annuì col capo. Una lacrima solitaria brillò in un occhio ma lei non la versò. "Si, capisco. E so anche quello che vuoi che faccia. Ma non posso, non ora" rispose. Si alzò. "Vado a casa adesso, sono stanchissima".

S'alzò anche Sara. "Ti va di restare?".

La sua amica aveva già raggiunto la porta. "No, meglio di no". Se ne andò senza aggiungere altro.

• • •

Camminò lentamente verso casa sua contemplandola da quella distanza. Da quando i suoi erano morti le era sempre sembrata troppo grande per lei ma mai come in quel giorno particolare. Adesso aveva la sensazione d'incamminarsi verso un mostro pronto a inghiottirla e farla cadere in un vortice di ricordi e autolesionismo. Ma era pur sempre la sua casa, e proseguì senza esitazioni, senza badare troppo alle lacrime che ora scivolavano copiose sulle sue guance.

Si fermò sotto al portico per prendere le chiavi e si accorse della figura ferma là come in attesa. Anche se nell'ombra lo riconobbe comunque. Robert. Non disse niente, preferì che prendesse lui l'iniziativa.

Il cacciatore le si avvicinò e l'espressione torva del viso si sciolse subito non appena si accorse dei segni delle lacrime sul viso di Erica. S'addolcì, nella sua manifesta preoccupazione.

"Non è niente" minimizzò Erica. Si asciugò la faccia col dorso della mano. "Cosa volevi dirmi?".

Adesso sembrava disorientato. "Beh, io ero venuto per quella faccenda di Yasha, sai..".

"Oh si, quella. Mi dispiace tanto Robert, credimi, non l'avrei mai fatto se non fos-se stato assolutamente necessario. Era per Sara, lui le ronzava come intorno e io so che razza di mostro è, io lo conosco bene..". Non finì la frase, colta da un altro singhiozzo. Non sapeva come ma si ritrovò fra le braccia forti di Robert che saggiamente non disse niente, le accarezzò i capelli lasciandola sfogare.

Erica alzò la testa. Era così bello, così gentile..e così tremendamente vicino. Sentì il fischio del volo di un macigno che stava per frantumarsi a terra. "Robert".

"Cosa?".

"Ti amo".

Lui non disse niente. Si staccò da lei guardandola sbigottito e sbaglio o le sue pupille si stavano dilatando? Rimase così per un attimo poi come pentito la riafferrò e la strinse a sè prendendole il viso in una mano. E senza esitare e chiedersi perchè le sue labbra si posarono su quelle di lei in un tenero irruente passionale bacio.

Da quando l'aveva visto per la prima volta Erica sperava in quel momento ma adesso.. Rimase inerte per la sorpresa e ripensandoci poi aveva temuto di cadere distesa rovinando tutto. Ma non accadde mai. Le sue labbra si schiusero per ricevere quelle calde e accoglienti di lui, estranee eppure le sembrava di conoscerle da una vita, di conoscerlo da una vita. E in quell'attimo eterno le sembrò di librarsi in volo come in una notte di magia, di viaggiare in un cielo color bianco panna e di non poter udire altro suono se non quello del suo cuore che riempiva ogni cosa ogni superficie ogni angolo di mondo. Fu breve eppure lungo, fu intenso eppure delicato, fu l'epilogo perfetto di quel giorno che non voleva finire.

Non l'avrebbe dimenticato mai più.



Commenti

pubblicato il 19/06/2010 23.08.05
mirketo, ha scritto: Oh mio dio a quanto pare la storia è finita...mi è piaciuta moltissimo,e adesso che farai?
pubblicato il 19/06/2010 23.14.56
akire, ha scritto: La storia non è finita!! Al momento l'autrice ha qualche probleme d'ispirazione ma ti assicuro che niente si conclude qui..
pubblicato il 20/06/2010 0.11.43
mirketo, ha scritto: Ah menomale...Allora aspetto con ansia il prossimo Capitolo e ti auguro di trovare un bel finale per questa storia che ha appassionato tanti lettori
pubblicato il 22/06/2010 11.17.36
gotica, ha scritto: ho letto tutti i capitoli,bellissimo mi piace molto complimenti

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: