ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 20 marzo 2003
ultima lettura martedì 20 ottobre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Depressioni dello scrivano. .

di Nonno Enzo. Letto 1253 volte. Dallo scaffale Generico

Depressione dello scrivano, 04.02.03 o delle motivazioni . di nonno Enzo Sono giorni ormai che, la penna s...

Depressione dello scrivano, 04.02.03 o delle motivazioni . di nonno Enzo Sono giorni ormai che, la penna sonnecchia, è stata assalita da una strana forma di depressione che le impedisce di incidere sul foglio pulito. Chiudo gli occhi e vado con la fantasia, vedo due folletti che spuntano dalla carta bianca e con atteggiamento irriverente , ridono a crepapelle e sembrano volermi dire: ai, ai, ai! Signor grafomane presuntuoso, hai dato fondo al tuo , già limitatissimo bagaglio di letterato da quattro soldi, sei in panne, non sai più con chi prendertela , forse è giunto il momento per rientrare nei ranghi di una esistenza dove non hai più bisogno di spremere le tue poche risorse intellettualmentali per dire o scrivere cose che poi nessuno , o guasi nessuno, legge. Ma, io mi conosco, qualcuno dice che, sono di testa dura perché, nelle mie vene scorre una buone percentuale di sangue abruzzese e questo spiegherebbe la mia angustia, il mio desiderio di domare la depressione che ha colpito la mia penna. Riapro gli occhi e penso, è vero sono dieci giorni che non trovo lo spunto idoneo per riflettere scrivendo, perché è questo che realizzo quando scrivo, metto sulla carta le mie riflessioni personali su idee , fatti, e misfatti, dichiarazioni messe in circolo da personaggi che spesso dicono delle cose senza farle passare attraverso il filtro del cervello oppure, raccolgo le speranze le aspettative di chi non vuole arrendersi allo sfascio che si sta propagando nel nostro Paese, malgrado il coraggio , la resistenza la voglia di partecipazione di molti. Impugno la penna con rinnovato vigore e velocemente trascrivo tutto quello che ho pensato finora per proseguire poi con una rapida carrellata alla ricerca di qualcosa di interessante nei giornali degli ultimi giorni : - Cesare Salvi si rivolge a Sergio Cofferati e gli dice " Sergio perché non parli " - --- D'Alema si rivolge a Sergio Cofferati e Moretti dicendo:" no! a diverse sinistre ". --L'Ulivo annuncia "si allarga la coalizione a Rifondazione, ai Movimenti, a Di Pietro. --La Cassazione dice no al trasferimento dei processi Previti-Berlusconi da Milano a Brescia con buona pace della legge Cirami . Sarebbe il caso di dire che hanno fatto la figura dei pifferi di montagna che andarono per suonare e furono suonati. --Berlusconi, molto educatamente, molto sportivamente, molto democraticamente, con tutto il suo personalissimo spessore di grande , moderno, liberale statista, si incazza come un comunissimo , normalissimo, mortale cittadino al quale è stata recapitata una lettera di licenziamento, ma questa non è una notizia, oggi tali lettere sono di moda. 33 --Una manica di grandi economisti ha modificato il "paniere" per poter emanare il grande annuncio, l'inflazione è calata dello 0,01 in percentuale. --Tremonti sembra stia lavorando notte e giorno, qualcuno dice ancor di più del Cavaliere per preparare un condono elettorale. --Berlusconi , con una cassetta registrata, anche se non lo dice, fa capire dalla sua espressione facciale priva del sorriso doc, che non riesce a digerire la decisione della Suprema Corte di Cassazione che ha vanificato gli effetti della Cirami tanto cari al Cavaliere e ai suoi scudieri, quindi si rifà ad una vecchia canzone che dice "…nessuno mi può giudicare , nemmeno tu ….." e si capisce che c'è la con la magistratura, anche se poche ore prima il suo portavoce, Bondi, aveva affermato: "qualunque sarà l'esito di questa decisione, qualunque sarà la scelta dei giudici, non succederà nulla. Noi la rispetteremo, come tutte le sentenze dei massimi magistrati di Cassazione "(27.01.03) --Bossi sentenzia. "con una condanna di Berlusconi, si vota ". --Gli Alpini vanno in Afganistan , non si sa ancora bene con quale ruolo, la questione rimane aperta, anche se qualcuno della maggioranza berloscuniana ha detto in video il 04.02,03 " oggi la situazione non è più quella di quando prendemmo la decisione di inviare gli Alpini". --La navetta spaziale americana si disintegra in fase di rientro. Morti i sette cosmonauti. --Lionel Jospin torna a farsi sentire e parla di un ritorno al Socialismo, una idea che può essere utile per una riflessione collegiale di tutti coloro che guardano a sinistra. Staremo a vedere e a sentire. --Comizio di Bossi a Torino, calci e maltrattamenti ad una giornalista inviata dalla RAI regionale . --Baghdad minaccia la carta dei kamikaze. --Hammas fa sapere " difenderemo l'Islam, migliaia di martiri pronti ". --La Corea del Nord chiama alla battaglia sacra contro gli USA. --Il New York Times, rivela i piani del Pentagono: " la notte dell'attacco, tremila bombe su Baghdad, dopo i bombardamenti, l'invasione dei marines. --Guerra per bande in casa Formigoni. In Lombardia resa dei conti nel Centro Destra. --Afganistan. Allarme terrorismo per gli Alpini. Gli Usa ci fanno saper: gli Alpini vanno a combattere. --Finalmente! Fassino e Cofferati, insieme per il nuovo Ulivo " facciamo il programma insieme" D'Alema: " lavoriamo fianco a fianco, partiti e nuovi movimenti" era ora! Incertezze nel Correntone. E te pareva? --Berlusconi va a prendere un caffè da Putin che gli comunica " la guerra può attendere , più tempo per gli ispettori " Berlusconi gelato e non solo per il freddo. 34 --La strage dell'auto blu non è reato . Prosciolti il generale Tria e l'appuntato: causarono l'incidente (quattro morti) sulla via del Mare a Roma. I parenti delle vittime: "è scandaloso". --Epifani : "Art:18 , la CGIL non può votare no ". --Galiani rinviato a giudizio per frode fiscale, ma che importa, prima o poi arriverà un condono globale. --La Destra dichiara guerra all'ambiente, l'obiettivo è depenalizzare i reati per abusivismo, inquinamento, ecc. Però, a pensarci bene, devo ammettere che non sono gli argomenti e le motivazioni che mancano . Forse sta venendo meno la convinzione sulla utilità del mio scrivere. La domanda non è del tutto priva di ragione. Forse è il momento, non di rientrare nei ranghi di una esistenza piatta, priva di stimoli di fantasia , ma di fare uno sforzo per recuperare il gusto della polemica , dell'ironia, del voler dire la mia, indipendentemente dal fatto che, poi quello che scrivo sarà letto o meno da qualcuno, giudicato interessante o meno dagli altri. Quando, poco più di un anno fa, ho iniziato a scrivere, l'ho ritenuto un fatto straordinario, divertentissimo, e anche utile e credo proprio che seguiterò a farlo con la consapevolezza che possono esserci momenti di stanchezza . Passeranno. Intanto per adesso ho già deciso quale sarà il prossimo pezzo, parlerò del Premier in cassetta.


Commenti


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: