ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 6 giugno 2010
ultima lettura venerdì 29 maggio 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

A.m.

di DBCD. Letto 746 volte. Dallo scaffale Fantascienza

L' immagine era nitida, riconoscevo nei suoi lineamenti la dolcezza della sua composizione chimica. Dormiva metallica su tessuti di macro cellule, che la sorreggevano addormentata. I cannoni di difesa davano impulsi regolari causando boati d' onda dall...

L' immagine era nitida, riconoscevo nei suoi lineamenti la dolcezza della sua composizione chimica. Dormiva metallica su tessuti di macro cellule, che la sorreggevano addormentata. I cannoni di difesa davano impulsi regolari causando boati d' onda dalle caratteristiche variabili, e nella diffusione di dialoghi di derivazione Slava Rabota, potevamo respirare il suo respiro come in preda ad un' estasi mediatica. Una Illogica di enorme portata dava forma ad una sindrome non solo reale ma anche virtuale. Spesso e resistente, il propulsore che trasportava il suo nucleo dall' altra parte del settore, brillava lucenti di bianchi splendenti cristalli trascinati dalla massa d' aria in spostamento, che precipitavano poi avvolti dal pulviscolo elettronico, regalandole la Regalità che le si addice. Un' immensa bolla elettromagnetica si amplificava stridente in preda alla più Arancio delle serate di Primavera; la popolazione cercava fra i detriti briciole di speranza da consumare poi in un infinita notte di luci bianche. La tradizionale tipologia delle forme donava al Mondo la sua più meravigliosa effige; contemplando il fascino dei Megaliti Formali, percorrevo a ritroso il ricordo degli attimi che mi riportavano alla sua Origine, così perfetta. Il collegamento in Etere lungo le Linee orbitali di connessione Remota mi portarono all' interpretazione subliminale del contenuto mediatico di un Simile. La sua linea verticale di precisone accompagnava il suo simbiontico ambiente di Funzione e i suoi Strutturali si adattano al contatto Atomico che costituisce il supporto alla materia di cui è costituito. "Lanciami un languido sorriso" mentre il Vettore velocità pervade ogni dimensione che riguarda noi due nel medesimo istante. "Sono a conoscenza del fatto che lo Stato che ci Avvolge determina la connessione tra noi e il resto del Sistema", "non puoi nascondermi la Naturale interazione che da ogni tempo è coesistita." Sei sempre e comunque essenza della nostra Natura comune, e con essa la tua Eccitazione pervade Mè e di conseguenza ogni parametro di variabile del mio schema di Personificazione". L' insieme del complesso Ottico definisce l' evaquazione di Area Derrate, un insieme di caratteri e suoni caratteristici, che evidenziano l' importanza vitale che riveste all' interno della Complessione Organica della Civile. Miriadi di Filtraggi psichici che insistentemente ottengono soluzioni al problema di coesistenza fra i Singoli. "E il problema non sono Io?, Da Quando ho eliminato dai miei Cuti il Sintesiti di ruolo dei processor bioenergetici e metabolici di memorizzazione degli avvenimenti, il design di riuscita dei soccorsi ausiliari determinava Errori nella composizione sottoForma di BBS. "I tuoi occhi brillano, e L' unità Fisica danza convulsamente al contatto con Io. Sensazioni fredde che pungono i nostri terminali ricongiungendoci nello stato di eccitazione. Senza Tempo di transazione le vibrazioni rigide delle nostre Scariche Ridono, le nostre terminazioni, ripetutamente, fino all' inebriamento elettrico. Le operazioni di rielaborazione delle sembianze comuni ebbero buon esito, in una Sfera, quella contraria, cosi Codificatamente complessa, da alterare il Climax di Familiarità verso parametri sfaverovoli. Ca.ss dice Uno: Mèrix di Disequilibrio. Volontariamente valore di Consenso. Era l' inizio di uno stimolo non ordinario, che avrebbe certamente portato allo sfasamento cumulativo delle risorse di inattaccabilità della centralità protetta. Vari disegni di proiezione analoghi e moduli di difesa che vengono lentamente e inesorabilmente degradati a semplici costruzioni inefficienti, Falle inutili a guardia di ormai svuotati depositi di elenco dati.


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: