ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 31 gennaio 2010
ultima lettura venerdì 19 aprile 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Il canto del mare

di Nereidebruna. Letto 596 volte. Dallo scaffale Fantasia

               L'alba... e il mare si tinge di argento. Su uno scoglio spruzzato dall'onda spumosa, mi lascio cullare dal suono perpetuo della risacca che s'infrange balzando alta, per poi ricader...

L'alba... e il mare si tinge di argento.

Su uno scoglio spruzzato dall'onda spumosa, mi lascio cullare dal suono perpetuo della risacca che s'infrange balzando alta, per poi ricadere luminosa come pioggia e rientrando al mare in tanti rivoli cristallini.

I miei lunghi capelli gocciolano di perle preziose che tornano nel loro infinito.

Ascolto il dire del mare... la sua voce inimitabile... il suo mutevole respiro...il suo incessante canto.

Il cielo si rischiara e la tenue luce dell'aurora ne muta il colore. L'argento diventa azzurro intenso, poi verde smeraldo... poi colore dell'oro fuso.

Se potessi, starei ore e ore a fissare la grande distesa marina. È uno spettacolo che non sazia mai ed emoziona sempre.

Dono il mio viso etereo ai raggi del sole. La sua luce mi colpisce e abbasso lo sguardo.

Un pesciolino bruno salta guizzando scherzoso e tanti diamanti brillano nell'aria, sperdendosi.

Un piccolo granchio arancio arranca buffamente sullo scoglio. Alza le chele, ma poi... mi riconosce e le abbassa.

Più in là, la scogliera cede il passo alla riva.

Riesco a scorgere il faro maestoso, simile ad una torre indomita e svettante, all'estremità del promontorio. I suoi potenti raggi ad intermittenza indicano la strada ai naviganti, che troveranno presto il porto.

Mi distraggo piacevolmente nell'osservare l'elegante volo di un bianco gabbiano dal becco ricurvo, che libra leggero ad ali quasi ferme e lancia i suoi stridii acuti. Poco dopo altri si uniscono e insieme si rincorrono... giocano... danzano, creando nel cielo astratte figure geometriche.

Verso orizzonte una grossa nave solca il mare. Pare un indefinibile mostro marino dai colori scuri e tetri. Scivolando muta verso occidente scompare dalla mia vista.

Un piccolo vecchio peschereccio borbotta e, trascinando le reti, si avvicina lento al porto.

Un'altra onda impetuosa, schizzando, riversa un grazioso paguro che, con le sue minuscole zampe, si arrampica sullo scoglio, trascinando una lucida conchiglia bianca. Enormi occhi sporgenti mi scrutano e le antenne tattili si muovono e si incrociano come spade. Le chele si aprono... si chiudono... si aprono... si chiudono. Rimane immobile al mio fianco, a guardare curioso fin dove il cielo azzurro si inchina e tocca il mare, perdendosi nella sua immensità.

L'intreccio di corallo e conchiglia che adorna il mio collo, illuminando il viso di luce perlacea e colore, sfiorandolo, mi desta, riportandomi alla brusca realtà.

Il paguro è ancora accanto a me. Gli occhietti rossi e vispi incontrano i miei, di zaffiro blu.

Per un attimo ho pensato che mi sorridesse.

Un improvviso ricciolo d'acqua lo porta via e... fra i marosi scompare, tornando al suo mondo.

Una brezza soave, come una sinuosa carezza, arruffa i miei capelli che, al sole, brillano di polvere d'oro.

Una lunga ciocca scomposta scende e si fonde con l'argento lucido del mio corpo.

Ad un tratto una voce... Un'ombra scura copre il sole e si fa buio. Là, oltre l'insenatura, una barca spinta dai remi si avvicina.

Il pericolo è imminente!

Scendo piano e silenziosa nell'acqua... Un colpo più forte di pinna e... mi inabisso, lasciando sullo scoglio, un filo intrecciato di bianche perle, scivolato dai capelli.

Stefania



Commenti

pubblicato il 31/01/2010 14.49.05
fiordiloto, ha scritto: Stefania, viaggi a vele spiegate nel mare della narrazione, e del rendere le immagini a parole. Molto brava! Grazie =)

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: