ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 27 dicembre 2009
ultima lettura venerdì 19 aprile 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

sopra ogni cosa ( capitolo 3 )

di nennecloe. Letto 825 volte. Dallo scaffale Fantasia

Sofia piano, piano cominciò a capire, e la sua vita le passò davanti agli occhi. Si accorse che i suoi genitori non le volevano bene, ma per loro lei era solo un impiccio.  Calò un silenzio profondo su Sofia, ma a interromperl...

Sofia piano, piano cominciò a capire, e la sua vita le passò davanti agli occhi. Si accorse che i suoi genitori non le volevano bene, ma per loro lei era solo un impiccio. Calò un silenzio profondo su Sofia, ma a interromperlo fu Lara che disse:

- Ascolta se vuoi puoi non chiamarci per adesso mamma e papà, ma Lara e Marco.-

Sofia annuì, poi con voce fioca chiese:

- Ma qui c'è una scuola? Lara mi porti a fare un giro per Dolcina? -

- Si la scuola c'è solo che la lingua e la scrittura è diversa. E si ti porto a fare un giro, e già che ci siamo ti porto da Mreca che ti farà inparare in meno di 10 minuti la lingua. - Lara disse tutto questo sorridendo dolcemente.

- come imparare la lingua in meno di 10 minuti e poi scusa ma Rondi parlava la nostra lingua. - Se prima Sofia era frastornata, ora lo era ancora di più.

- Rondi sa tutte le lingue che si possono sapere. E Mreca ti metterà in una macchina dove penetreranno nel tuo cervello tutte le parole che ci sono nella lingua dei Blursti. La lingua si chiama Blarist. - A dire tutto ciò fu Marco.

A quel punto Lara tese la mano a Sofia, e quest'ultima la prese incerta.

Questa volta Sofia varcò il portone della casa con qualcun'altro.

Lara teneva stretta la mano della nuova figlia, e camminava a testa alta. Pochi minuti dopo a essere usciti di casa Lara prese la parola:

- Sai casa nostra è un po' fuori da Dolcina, siamo al confine con Librolandia. Quindi ora prenderemo la dolcistrina che ci porterà in centro. Faremo un po' di shopping, ho visto ieri un negozio molto carino, dove mi piacerebbe portarti. -

Sofia guardava il volto felice di Lara, ma lei aveva talmente tante domande in testa che non sapeva quale formulare per prima, così decise di chiedere che cos'era la dolcistrina. A quella domanda Lara sorrise ancora di più, e disse che era un pullman.

Poco dopo Sofia si trovava in una docistrina: dove i posti erano morbide torte alla panna, in più ci si poteva appendere a barre di cioccolato al latte. La docistrina era un pullman fatto di gelato all'esterno con i fanali di crem caramelle e le ruote di ciambelle. Una cosa sorprese Sofia: quando Lata le disse di sedersi, per un attimo Sofia esitò, non voleva sporcarsi; ma alla fine dovette cedere, scoprì che la panna non sporcava, era indurita, ma morbida.

Dopo 10 minuti scesero in centro. A quel punto una blursti salutò Lara, che rispose. La lingua che usava era davvero strana.

- Allora Sofia. Lo vedi quell'edificio fatto di caramelle che ha la porta di lecca lecca? -

Sofia annuì.

- Bene, lì ci aspetta Mreca, che ti insegnerà la lingua. -

Sofia non disse niente, e seguì Lara.

Si trovarono davanti a una bellissima casa colorata, con un portone di lecca lecca. Lara non esitò e portò dentro Sofia.

A quel punto una Blursti dai lunghi capelli rossi e dagli occhi verdi sorrise a Lara.

Quella blursti era Mreca, e senza dire niente prese Sofia e la portò in una stanza dove la rinchiuse.

Sofia si mise a piangere, ma Lara da dietro al vetro le sorrideva.

Mreca schiacciò un bottone. Sofia vide che le pareti diventavano gialle poi verdi e poi blu, e da esse tante parole in una scrittura incomprensibile cominciarono a staccarsi dalle pareti. Sofia cercò di uscire, sbattendo i pugni contro i vetri, ma quelle parole la raggiunsero. Se prima c'era silenzio, ora nella testa di Sofia c'era un gran rumore, tanti versi si sovrapponevano, e alcuni di questi Sofia li comprese. Ma troppa confusione c'era nella sua testa, e la piccola svenne.

Continua...



Commenti

pubblicato il 27/12/2009 17.15.23
anais, ha scritto: è molto bello..al prossimo..
pubblicato il 27/12/2009 17.22.51
fiordiloto, ha scritto: A parte il fatto che mi vien fame a sentir parlare di tutti questi dolci =) ti ringrazio tanto per averci portato in giro con Sofia nel mondo creato dalla tua grande fantasia! Bellissimo davvero! Aspetto il prossimo =)

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: