ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 11 dicembre 2009
ultima lettura martedì 13 agosto 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

sopra ogni cosa ( capitolo 1 )

di nennecloe. Letto 785 volte. Dallo scaffale Fantasia

l'affascinante storia di una bambina che viene strappata dalla sua realtà per essere trasportata in un mondo fantastico sopra alle nuvole.Sofia...

l'affascinante storia di una bambina che viene strappata dalla sua realtà per essere trasportata in un mondo fantastico sopra alle nuvole.

Sofia è una bambina di 6 anni, che nella sua vita sono accadute cose tremende, ma adesso non importa da dove viene e cosa l'è accaduto, ora noi andremo in un mondo fantastico, che porterà una dolce vita alla nostra Sofia, che per la prima volta, si troverà a prendere delle decisioni molto importanti, per lei e per i suoi nuovi amici.

quella sera si addormentò come ogni notte nel suo letto con affianco il suo piccolo orsacchiotto, per poi lasciarsi portare via dai suoi sogni e dalla potenza della notte.

ma quella notte qualcosa di diverso stava per accadere, ne buoi della sua camera sotto le sue rassicuranti coperte, il letto prese il sopravvento e cominciò a fluttuare per la stanza per poi uscire dalla finestra, e viaggiare nella notte oscura.

il letto volava in mezzo alle stelle vicino alla luna, sopra le case, sopra alle città che dormivano beatamente senza sapere che lassù c'era una bambina che presto sarebbe scomparsa da quel mondo.

adesso una cosa che di solito mi chiedo io è il perché se ne è andata dalla sua realtà, ma io non ve lo dico, perché lo dovrete scoprire da soli, usando la vostra immaginazione, usando il pensiero, perché fra poco non sarete più nelle vostre stanza, nelle vostre case, ma in un nuovo mondo tutto da scoprire.

Sofia si svegliò nel suo letto morbido, mettendo piano piano un piedino sul pavimento anch'esso morbido.

Sofia non se ne rese conto subito ma, appena aprì bene gli occhi, vide davanti a se una distesa di nuvole colorate, con fiori che sembravano fatto di zucchero filato, e poi davanti a se ergeva una grande città colorata, e felice.

si sfregò più e più volte gli occhi per credere a tutto ciò, ma non succedeva niente.

l'unica cosa da fare era entrare in quella città.

cominciò a camminare senza perdere di vista i suoi piedi sopra le nuvole, per paura di cadere giù; una volta arrivata ai pressi della città Sofia vide che le case erano colorate con sopra dei bellissimi disegni di animali e persone, e le macchine erano fatte di cioccolata bianca, fondente o al latte, i fanali erano di ciambelle e le maniglie di sfogliatine.

con suo grande stupore vide anche il primo essere umano ( se si può chiamare così ) avevano la faccia blu e alcuni avevano gli occhi verdi, azzurri, gialli, rossi, rosa, viola e neri.

alla prima vista Sofia si mise ad urlare, ma uno di quegli esseri la prese con se per portarla in una di quelle casette così invitanti.

entrarono in una bellissima casa, che all'esterno era azzurra con dipinti dei bellissimi cani e gatti in mezzo ai prati.

una volta entrata Sofia si ritrovò davanti dei bellissimi quadri di prati e di fiori, ma un quadro la colpì particolarmente: la sua città.

i mobili che noi chiameremmo di legno erano in realtà dolci torte che a seconda avevano lo zucchero a velo o meno.

in pochissimo tempo Sofia si ritrovò seduta su una sedia di pan di spagna, con davanti uno di quegli esseri per lei mostruosi.

- salve Sofia, benvenuta a Dolcina, città dei dolci e delle meraviglie. parliamo ora di come sei finita qui, insomma sono più o meno 20 anni che un essere umano mette piede nelle nostre terre. molto evidentemente tu hai qualcosa di speciale, che nella vostra terra non si può vedere. dunque mi puoi dire come ci sei finita qui? -

Sofia guardava con occhi grandi di stupore quell'essere blu dagli occhi verdi, con un po' di coraggio rispose:

- Salve, io ieri sono andata a dormire, e quando mi sono svegliata mi sono trovata sulle nuvole. -

- Oh no no tu sei sopra ad ogni cosa, le nuvole sono molto molto più in basso, tu sei immersa nello zucchero filato. comunque, ora è tutto più chiaro, ti ricordi che cosa hai sognato?-

- si certamente, mi trovavo nel mio letto, e poi questi ha cominciato a sollevarsi e poi ha volato in mezzo al cielo nero della notte.-

- Oh mia piccola bambina, quello non era un sogno, quella era la realtà.- l'uomo sorrise.

- Oh santo cielo e adesso come faccio a tornare a casa? e voi come vi chiamate? e chi siete? -

- Calma, calma. allora prima cosa: non puoi tornare a casa perché qualcosa di brutto potrebbe succedere, tu sei stata cancellata dalla mente di tutti i terrestri. seconda cosa: noi ci chiamiamo Blursti. terza cosa: io mi chiamo Rondi. -

Sofia ascoltò attentamente, anche se una piccola lacrima, calda le scese dal volto.

- Vieni ti porto alla tua camera dove troverai un essere umano come te. -

ora io devo andare ma la storia avrà un nuovo capitolo, la continuerò questa è solo la prima parte Ciao a tutti



Commenti

pubblicato il 11/12/2009 12.04.41
fiordiloto, ha scritto: Io sono incantata dal viaggio in questo mondo. Spero di saperne presto di più e poter viaggiare di nuovo con Sofia! =)
pubblicato il 11/12/2009 14.34.31
anais, ha scritto: veramente bello..complimenti

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: