ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 29 novembre 2009
ultima lettura sabato 12 gennaio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

2012

di NarratoreSilenzioso. Letto 1646 volte. Dallo scaffale Fantascienza

Questo racconto potrà aprire gli occhi a molte persone; farà rendere conto loro come la quasi totalità di quello che gli arrivi alle orecchie o gli pervada gli occhi sia tutto un inganno, un accumulo di menzogne, elaborate da ".....

Questo racconto potrà aprire gli occhi a molte persone; farà rendere conto loro come la quasi totalità di quello che gli arrivi alle orecchie o gli pervada gli occhi sia tutto un inganno, un accumulo di menzogne, elaborate da "qualcuno per arrivare a qualcosa".

Di ciò che ci circonda sapremo sempre poco o nulla, d'altra parte questo fa parte della natura umana, ma non c'è niente di peggio che credere di sapere, facendosi ingannare, vivendo in uno stato di amnesia. Questo è quello a cui mirano i nostri governi, i nostri politici, tutti i partiti politici: controllare la mente umana.

La storia ce lo insegna; secoli di falsità per ottenere con la forza denaro e potere, potere e denaro, e disporne per i propri avidi interessi personali. Questa è la società in cui viviamo, frutto di migliaia di anni di guerre, di contrasti, di sopraffazione.

Ci hanno sempre mentito, lo faranno sempre...

Se si analizzano i bilanci di qualsiasi Stato occidentale, o a maggior ragione dei nuovi stati in via di industrializzazione e i paesi del terzo mondo, risulta sconcertante come la maggior parte delle uscite e di entrate del bilancio pubblico abbia come voce la GUERRA: si parla di compravendita di armi, ingaggio di forze militari, di intelligence, di spionaggio e innovazione tecnologica che ha come unico scopo quello di mantenere l'ordine stabilito, perché questo conviene a chi sta al potere, a chi controlla i mezzi di informazione, a chi ci dirige e a chi comanda. Conviene economicamente, conviene quindi socialmente, per mantenere l'ordine interno e ottenere sempre nuovi mercati come è nella logica "imperialista capitalista". L'economica imperialista funziona quindi come un grande e affamato cancro, che amplifica sempre più le sue ramificazioni, in cerca di nuova domanda che sazi il suo bisogno di esportazione, di commercio.

Questo è l'unico sistema che abbia mai avuto vita sulla terra, quello del capitalismo imperialista che ha come presupposto essenziale e irrinunciabile la divisione fra sfruttatori e sfruttati, fra controllori e controllati, fra assoggettatori e assoggetati, fra ricchezza e povertà, perché dove c'è ricchezza ci sarà sempre e comunque, in maniera proporzionata e determinata, povertà; sempre e comunque. E questa divisione è netta...e lo sarà ancor di più durante gli eventi che travolgeranno la Terra a partire dal 2010.

Già la Terra, il luogo in cui viviamo...Il pianeta che ha reso possibile lo sviluppo del nostro genere, della nostra civiltà, che ci ha dato l'opportunità di sviluppare liberamente, in totale libertà, la nostra vita, accogliendoci come una madre nel proprio grembo, proteggendoci e amandoci. Ed è la stessa Terra che noi stiamo stupidamente punendo per averci dato questa opportunità.

Sfruttandola, avvelenandola, modifichiamo i ritmi naturali che da milioni di anni la regolano. Tutto questo è stato fatto con la cieca convinzione di essere in qualche modo estranei alla natura, come degli spettatori della complessità del sistema Terra. E così l'uomo si è sentito il diritto di prendere i frutti della natura, senza restituirli, senza rispetto, senza moderazione, senza testa e senza cuore, dimenticandosi di essere egli stesso parte di un complessissimo sistema che è la natura, che è tutto ciò che ci circonda, compreso noi.

Ora la Terra è arrivata a uno stato LIMITE.

E quello che ci aspetterà potrà essere letto come uno stato di ribellione della natura all'uomo, una delle sue creature, forse la più avanzata, la più libera, indubbiamente la più STUPIDA.

Potrà essere letto altresì come una punizione per ciò che abbiamo fatto a noi stessi...

Comunque possa essere intepretata, così sarà.

BUONA LETTURA

- Le prime avvisaglie di ciò che aspetterà il genere umano si presenteranno a partire dall'estate del 2011, ma i governi e i potenti della Terra terranno nascosto fino all'ultimo la realtà, ben consapevoli di quello che sta per accadere.

Si verificheranno alcuni eventi naturali che come uomini ben conosciamo perché hanno accompagnato da secoli la nostra storia: uragani, maremoti, terremoti, siccità e inverni gelidi.

Tutte manifestazioni che il nostro pianeta esprime come parte della rigenerazione del proprio essere, perché il nostro è un pianeta in continua evoluzione e cambiamento, è un pianeta vivo.

Ma questi cambiamenti verranno portati all'esasperazione da mutamenti e alterazioni di matrice umana, artificiale.

Inutile dilungarsi sulle immani colpe che gravano sull'essere umano, inutile ripetere la superficialità e talvolta l'arroganza con cui non si è preoccupato di preservare questo splendido pianeta.

Ora ci occuperemo delle conseguenze che questo comporterà.

Aprile/novembre 2011

- L'estate boreale si manifesterà come la più siccitosa e arida che si ricordi; un'estate climaticamente folle, già a partire dal mese di aprile.

In Europa e Nord America si registreranno temperature davvero straordinarie: le uniche piogge cadute per l'intero periodo che va da Aprile a Novembre, saranno quelle della primavera antecedente, le temperature supereranno ampliamente i 50 gradi Celsius su tutti questi territori, anche in zone in cui il clima si mantiene solitamente mite nei mesi estivi, come Scandinavia, Nord Russia e Canada. Sui deserti boreali del Messico, degli USA, del Sahara, della Cina e della Mongolia si registreranno temperature eccezionali fino a 70 gradi, con tempeste di sabbia che sommergeranno grandi megalopoli quali Città del Messico, Pechino, Cairo, Tunisi, Damasco e Gerusalemme.

Questa prolungata siccità porterà il deserto africano ad avanzare verso nord e a scavalcare il limite fino ad allora invalicabile del Mediterraneo, invadendo i paese del "mare nostrum". La lunga siccità arrecherà enormi danni all'economia con conseguenti problemi di approvvigionamento di cibo e forti carestie, specie nelle economie più arretrate dell'Asia, dell'Africa sahariana e del Centroamerica, dove si verificheranno le prime sommosse popolari dettate dalla fame e dalla povertà che in quei paesi dilagherà a ritmo crescente e sempre più incontrollabile.

La situazione si protrarrà fino al mese di Novembre.

Da questo mese cominceranno a sconvolgere la Terra dei violenti uragani e tempeste che non si limiteranno a devastare gli oceani e le coste tropicali, ma toccheranno i paesi dell'Europa e degli Stati Uniti, portandosi a zone fino ad ora estranee a questo genere di fenomeni.

La natura si manifesterà con tutta la sua forza dirompente su una popolazione impreparata e già provata da un estate prolungata e siccitosa.

Verranno devastate le coste dei paesi Caraibici, del Sud-est Asiatico, dell'Africa australe, del Mediterraneo e addirittura degli West coast statunitense e della Gran Bretagna. Anche qui le devastazioni e i danni all'economia saranno incalcolabili, si parla già di decine di milioni di morti e senza tetto.

Ormai l'intero pianeta (se si esclude il continente sudamericano e l'Australia) è sotto scacco e al centro della forza devastatrice di una natura ormai INCONTROLLATA.

Oltre all'essere umano, tutti gli altri animali risentiranno di questo generale "impazzimento" del clima globale.

Dicembre/Aprile 2011

Con l'arrivo dell'inverno boreale la situazione sembra invertirsi fra nord e sud dell'equatore. Se l'emisfero settentrionale aveva subito prima un'estate torrida e successivamente un autunno tropicale, ecco ora che queste calamità vanno a ripresentarsi nell'emisfero meridionale, coinvolto fino ad ora in maniera più marginale (ma non di certo leggera) dagli squilibri climatici degli ultimi mesi.

Infatti da dicembre 2011 le zone interne di Sud America e Australia faranno registrare temperature superiore a 70 gradi su molte zone, tanto da far evaporare i laghi andini.

Violenti uragani sconvolgeranno le coste equatoriali e l'Oceania.

Nell'emisfero nord, quasi come indennizzo per l'estate siccitosa ormai alle spalle, sarà avvolto da un inverno che si presenterà come una NUOVA E IMPROVVISA GLACIAZIONE.

Temperature improvvisamente in picchiata su Eurosia e Nord America, fino a latitudini completamente nuove a tali temperature: fino a -90°C su Canada, Russia e Siberia, Mongolia, Cina Settentrionale e Nord Europa, fino a -50 su Sud Europa, Nord Africa, Medioriente, Cina e Giappone, Stati Uniti e Messico, fino a -20 in India, e Sud Est Asiatico e sulle aree oceaniche.

L'entità del gelo sarà tale da congelare qualsiasi bacino lacustre, il Nord Atlantico fino a Florida e Canarie e il Pacifico fino alla latitudine delle Hawaii !! Le nevicate saranno nell'ordine di decine di metri e sommergeranno senza pietà le città come le campagne, nulla riuscirà a salvarsi da un inverno di simili dimensioni e impatto. Il disgelo sarà lungo e arriverà solo in estate inoltrata.

La popolazione civile uscirà da questi cinque mesi di gelo assoluto dimezzata, le derrate alimentare risulteranno completamente azzerate e l'economia sarà nel baratro.

Ormai il caos è totale. Ovunque si formano squadriglie e milizie militare con lo scopo di accaparrarsi le ultime risorse alimentari disponibili sul pianeta; nessuno è più escluso dalla lotta per la sopravvivenza, che si fa sempre più difficile.

Questi catastrofici fenomeni naturali che scombussoleranno la terra a cavallo fra il 2011 e il 2012 saranno da attribuirsi, oltre al surriscaldamento globale e all'effetto serra (...) accumulatosi negli anni precedenti, a una falla nel complesso sistema di correnti che regola il clima terrestre, in particolar modo ne sarà responsabile la scomparsa della Corrente del Golfo, che ha effetti mitiganti sul clima europeo e del Nord America. Mentre quanto concerne la straordinaria stagione estiva che colpirà la Terra nel 2011, principale causa sarà da attribuirsi a una violenta tempesta solare che investirà a partire da aprile 2011 il pianeta, facendo salire a livelli folli e inimmaginabili le temperature al suolo.

Settembre 2012 organizzazione militari

Ottobre / novembre 2012 guerre nucleari

13 Dicembre 2012 Passaggio Nibiru

21 Dicembre 2012 Rallentamento-arresto, inversione poli e spostamento asse terrestre

22-23 Dicembre 2012 distruzione totale

1 Gennaio 2013 Contatto massivo- nuovo ciclo



Commenti

pubblicato il 29/11/2009 16.25.42
fiordiloto, ha scritto: molto belo e ben descritto, anche se lo scenario è apocalittico. Mi piace il tuo modo di scrivere, sembra di rivedere un film sulla scia di "the day after tomorrow". Complimenti =)
pubblicato il 29/11/2009 18.54.59
duchessa, ha scritto: lavoro interessante ... molto interessante... è molto che scrivi? mi piace il tuo modo di raccontare qualcosa di paranormale con un'avvincenza rara e caratteristica.... bravo!
pubblicato il 13/12/2009 15.13.50
Aristofrancy, ha scritto: Cominciamo bene. Questo non è un racconto è... non lo so bene, ma non è un racconto. A parte le previsioni catastrofiche abbastanza antiscientifiche (se la temperatura si alza arriva la siccità... ma quando mai?), che comunque ci possono stare, un racconto non è una descrizione di avvenimenti futuri preceduta da un pistolotto del tipo "ora vi racconto la verità", descrizione interrotta a metà (a un quarto?) con un breve riassunto guerre nucleari (perché? Chi può pensare di scatenare una guerra nucleare con metà della popolazione morta?) - Niburu che arriva - distruzione totale. Un racconto sarebbe stato tale se fosse iniziato, mettiamo, così: "So che nessuno potrà ascoltare queste parole...." e fosse andato a ritroso. Prego leggere il racconto di A. C. Clarke "Lezione di storia" per avere un altro esempio, sicuramente ottimo.
pubblicato il 13/12/2009 15.15.05
Aristofrancy, ha scritto: Cominciamo bene. Questo non è un racconto è... non lo so bene, ma non è un racconto. A parte le previsioni catastrofiche abbastanza antiscientifiche (se la temperatura si alza arriva la siccità... ma quando mai?), che comunque ci possono stare, un racconto non è una descrizione di avvenimenti futuri preceduta da un pistolotto del tipo "ora vi racconto la verità", descrizione interrotta a metà (a un quarto?) con un breve riassunto guerre nucleari (perché? Chi può pensare di scatenare una guerra nucleare con metà della popolazione morta?) - Niburu che arriva - distruzione totale. Un racconto sarebbe stato tale se fosse iniziato, mettiamo, così: "So che nessuno potrà ascoltare queste parole...." e fosse andato a ritroso. Prego leggere il racconto di A. C. Clarke "Lezione di storia" per avere un altro esempio, sicuramente ottimo.
pubblicato il 03/01/2010 15.32.05
Nefti, ha scritto: Ciao Narratore Silenzioso. Sono appassionata di archeologia non ortodossa ed antico Egitto e quindi mi trovi in parte concorde con quanto scrivi anche se in realtà non credo che nel 2012 si arrivi a tanto. Credo invece che in questi anni ci si accorgerà che la società normalmente intesa come quella attuale subirà delle modifiche incredibili vuoi per colpa dell'economia che non potrà continuare a girare così e vuoi, appunto, per la maledetta mania degli esseri umani di scannarsi a vicenda. Non me la sento nemmeno di escludere qualche nuova malattia fino ad oggi ignorata visto le variazioni climatiche sull'intero orbe terraqueo. Sicuramente siamo vicini anche all'inversione dei poli magnetici, fatto questo naturale, ripetuto e registrato dalla storia. Ci sarà anche la temuta tempesta solare che isolerà i più moderni mezzi di comunicazione e che a detta di autorevoli scienziati dovrebbe durare circa un decennio più o meno però voglio sperare che la cosa accada in maniera lenta ed il più indolore possibile. Voglio credere fermamente che non ci sarà un'Apocalisse anche se i testi più antichi come la Bibbia o le memorie dei nativi americani, gli indiani e gli Indù raccontano ci sia già stata in passato... Insomma spero che la tua "cronaca" sia sbagliata anche se... Ad maiora Narratore Silenzioso ;-))

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: