ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato martedì 23 giugno 2009
ultima lettura sabato 16 febbraio 2019

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

The Bitch Raped By Her Feelings (Capitolo 1)

di Ciaby92. Letto 1012 volte. Dallo scaffale Pulp

Una ragazza che vive in una famiglia alla deriva, comincia a pianare la sua vendetta sui cinque yakuza che all'età di tredici anni hanno abusato sessualmente di lei. Quando si vendica del primo, un suo amico decide a sua volta di vendicarlo uccidendo il f

Stazione di Shinjuku, Tokyo.

21 giugno 2009. Ore 2.34 di notte.

Asami Nomura era una ragazzina di sedici anni, snella e piuttosto alta per la sua età. Portava i capelli lunghi e scuri, facendoli cadere sulle spalle con estrema cura ed eleganza. Quella notte il suo letto era rimasto vuoto, questo perché si trovava alla stazione deserta di Shinjuku, vestita di un semplice abitino chiaro e corto, che le copriva appena appena il pube. Un tocco di rossetto sulle scarne labbra. I tacchi alti. Sembrava proprio una piccola puttanella, eppure non sapeva che nel suo cuore si sviluppava il germe della vendetta. Dietro il suo visino da dolce liceale si nascondeva il male.

Stava ascoltando la musica nel suo i-pod rosa, immaginando che la sua prossima preda si fosse avvicinata a lei, come incantata ed estasiata dalla sua bellezza.

Asami aveva un ricordo nel cuore che non poteva dimenticare. La violentava con raptus e ingordigia. Qualcosa che neppure un lavaggio del cervello sarebbe riuscito ad eliminare.

All’improvviso, nella stazione deserta, un tipo piuttosto losco si avvicinò a lei.

Era uno yakuza e lo si vedeva lontano un miglio. Solito tipo snello e smorto, con una sigaretta al lato sinistro della bocca, in gessato grigio, con camicia nera e cravatta viola.

“Ciao” le disse, con un sorriso sbieco

“Ciao” rispose lei diffidente

“Ci conosciamo”
“Forse”

“Allora chi sei?” le domandò accendendosi l’ennesima sigaretta, con l’intenzione di portare quella ragazzetta indifesa nel suo letto matrimoniale.

“E tu?” rispose la ragazzina prendendogliela di mano e accendersela, per poi fumarsela con destrezza

“Ehi…quella era la mia sigaretta!”
“Appunto…era!”

“Chi ti credi di essere? Sei solo una puttanella!”

“Io? Una puttanella” Il tono di voce di Asami era completamente cambiato. “Beh…in effetti lo sono, o per lo meno alcuni mi trattano come tale. Come per esempio sei ragazzi che diverso tempo fa mi sfruttarono come una troia, sprofondando nelle mie intimità senza il mio permesso”
“Cosa stai facendo? Ti masturbi?”

Nel puro silenzio totale, Asami prese un coltellino svizzero che teneva nelle mutandine e lo tirò fuori, facendolo scoccare. Lo yakuza sussultò “Che cazzo fa?”

“Sei tu Ryuji Kusano, non è vero? Quello stronzo che con altri quattro ragazzi mi violentò all’età di tredici anni, non è vero”

“Tu…tu…tu sei quella troietta…Asami”
“Esatto” sorrise Asami beffarda, piantando il coltello dritto nell’ombelico di quel sadico yakuza senza cervello.

“Puttana!” sussurrò l’uomo, con l’arma contundente che gli trapassava l’intestino. Una macchia di sangue si formò sul davanti della camicia, colando sino ai pantaloni. Asami riprese la sua arma, mentre Kusano cominciava ad annaspare e zac, un’altra pugnalata dritta nella tempia.

Il sangue iniziò a colare dolcemente dalla ferita appena aperta “Questo è il prezzo per aver usato la mia fica”. Emoglobina schizzò a fiotti dalla tempia fino a cospargere il visino dolce e angelico di Asami e il suo bellissimo abito bianco “Muori, stronzo”

Il tizio non mollava, sembrava quasi immortale. Si faceva sempre più debole, sempre più, fino a stramazzare a terra sotto il colpo fatale di Asami, dritto in gola, a squarciare quell’ugola che fino ad allora aveva emesso solo parole aspre e dure.

“Fanculo, non sai neanche morire in modo igienico” sussurrò Asami pulendosi il volto con il polso, osservando quel corpo senza vita alcuna, felice e soddisfatta come sempre, mentre il sangue si propagava sul pavimento. Finalmente la vendetta era cominciata.



Commenti

pubblicato il 23/06/2009 22.28.40
anais, ha scritto: mi piace il tuo scritto...al prossimo..
pubblicato il 23/06/2009 22.46.44
fiordiloto, ha scritto: Un altro centro, Ciaby!! Wow che effetto! Non vedo l'ora di leggere il seguito! Bacio! =)
pubblicato il 06/01/2010 16.32.40
Roxane91, ha scritto: complimenti, è interessante! :)

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: