ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 16 maggio 2009
ultima lettura lunedì 19 ottobre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

stelle, vi prego coricatevi in fretta

di gianmarco. Letto 762 volte. Dallo scaffale Amore

stelle, fraterne compagne di mille pensierisolo voi ancora io guardo stanotte nella vegliavi chiedo! coricatevi in fretta vi pregoche quest' oggi subi...

stelle, fraterne compagne di mille pensieri

solo voi ancora io guardo stanotte nella veglia

vi chiedo! coricatevi in fretta vi prego

che quest' oggi subito diventi ieri

ed io possa finalmente correre a lei

luna che oggi non ti vedo nascosta a me

dalle velate nubi che hai scelto a sottana

luna mia prego allora te! discendi in fretta

il cuore della notte e dai spazio alla luce

cui anela emozionato il mio cuore

a chi dunque chiederò consiglio in questa veglia

di infinita attesa che culla il desiderio

che posa non da al palpito per lei

e che ancora mi farà sentire nato ora?

nel dolce silenzio del pensiero mio per lei

miei adorati astri più non vi scorgo

scorgo lei nel vostro brillar che vedo lontano

e quella fatua luce che prima eccheggiava

ora irraggia soave ogni mia attesa

ed infine la supera per spingermi a lei

ed io, io allora infine non sarò solo io

ma nel germinare del nostro incontro

rifiorirò io con te rifioriremo insieme

tu mia me stessa ed io tuo te stesso



Commenti

pubblicato il 16/05/2009 10.25.23
marisan, ha scritto: Un dono all'amata,un grande desiderio,come deve essere perchè due anime che aspettano l'alba per ritrovarsi.Un saluto
pubblicato il 18/05/2009 20.04.00
FrancescaMariaSole, ha scritto: questi versi sono meravigliosi. immagino lei dormire, e tu presente ma discreto vegliare il suo sonno come un guardiano. Chi saprà svegliarla dal pesante torpore dell'anima? nessuno sa; chissà se i tuoi versi da Cirano de Bergerac potranno spezzare un giorno questa "infinita attesa che culla il desiderio" suscitando il suo e riportartandola alla vita?
pubblicato il 19/05/2009 22.53.33
gianmarco, ha scritto: ti ringrazio Marisan per la tua delicatezza nel cogliere quello che è appunto un dono in versi. E ringrazio tantissimo anche te Francesca che hai saputo rovesciare nella tua lettura l'ordine dei protagonisti mettendo in primo piano lei, la dolce aspettata. L'attesa davvero può essere infinita quando culla il desiderio, che non è fine a se stesso ma si apre alla felicità di tutti e due, che credo e spero verrà . Il richiamo a Cirano poi mi regala un'emozione inaspettata. grazie ancora

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: