ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato martedì 24 marzo 2009
ultima lettura domenica 15 settembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Midnight- Prologo

di Raveny93. Letto 750 volte. Dallo scaffale Fantasia

Correva rapidissima nel bosco. Tra le sue braccia un minuscolo fagotto scuro, la sua stessa vita. Doveva proteggerlo. Ad ogni costo. Sono alle prime armi, aiutatemi a migliorare con consigli e critiche, sempre ben accette. Grazie!

Corri. Corri più veloce. Devi, devi farcela.

Saettava velocissima, invisibile, tra il fitto sottobosco. Le ombre si susseguivano sotto i suoi occhi ad un ritmo impensabile. I rami delle piante e il terreno sassoso le ferivano i piedi nudi e le gambe robuste, ma non le importava. Nulla la interessava, in quel momento. Niente se non il minuscolo fagottino che stringeva smaniosamente tra le braccia.

Avvolto sotto spessi strati di panno scuro dormiva, sereno, ignaro della tragedia che si stava svolgendo intorno a lui, un esserino tanto fragile quanto importante. Tutta la sua esistenza era votata a lui. Quello era lo scopo della sua stessa vita. Doveva, doveva proteggerlo. E l'avrebbe fatto, a qualunque costo. Non avrebbe permesso che gli accadesse nulla.

Correva a perdifiato, cercando di non pensare alla fatica, al dolore provocato dalle ferite e alle sue forze che stavano per finire. Li sentiva. Erano sempre più vicini, troppo vicini.

Scartò improvvisamente, insinuandosi nelle tenebre della foresta, diventando parte stessa di quel buio, sperando, pregando.

Ecco! Il suo udito acutissimo la avvertì dell'avvicinarsi degli inseguitori. La avevano raggiunta, ormai. Si sforzò di non produrre il minimo suono che avesse potuto allertare i suoi "amici", riponendo tutte le sue speranze in quell'oscurità protettrice e nell'apparente calma silenziosa del piccolo.

Ora questo si era svegliato, e la fissava con due incredibili occhi verde smeraldo. Sul suo volto era dipinta un' espressione tranquilla, comprensiva, quasi come se capisse ciò che stava accadendo. Lei gli sorrise dolcemente e lui le sfiorò il viso con le ditina paffute, per risposta. No, non avrebbe permesso che gli facessero nulla.

Senti suoni, passi, respiri, e poi voci, mischiate ai battiti velocissimi e assordanti del suo cuore. Infine, come in un miracolo, quei rumori si fecero sempre più flebili, più lontani. Se n'erano andati.

Rimase per qualche secondo immobile, con gli occhi spalancati, respirando a fatica. Fu un gemito del piccolo a risvegliarla dallo stato di trance, riportandola alla realtà. Sì, erano andati via, ma non ci avrebbero messo molto a capire tutto e a tornare indietro, condannando entrambi ad un' esistenza di schiavitù e di dolore. Bastò questo pensiero a scuoterla.

Abbandonò il loro rifugio e fuggì in direzione opposta a quella degli inseguitori con una forza nuova, straordinaria.

Corse per un tempo infinito nella notte, evitando i luoghi troppo scoperti. Continuò a scappare il più veloce possibile fino a quando, da dietro i colli verdeggianti, la luce dell'alba non cominciò ad inondare di bianco il cielo.

Corse finchè potè e, quando sentì che le sue ultime energie stavano per esaurirsi, cercò il luogo più nascosto possibile per nascondersi e riposarsi il minimo indispensabile. Penetrò in una spelonca di dura roccia che si apriva nel fianco di una montagna e lì si accasciò, sfinita, lasciandosi avvolgere di nuovo dalle tenebre.

Mentre vagava cieca, cercando invano una via di uscita dalle tenebre che la attanagliavano, udì delle voci. Qualche parola, e poi un vagito. Qualcuno le strappò il fagotto dalle braccia inerti. No! Cercò di ribellarsi, inutilmente.

Glielo avevano portato via.

In un attimo, tutto perduto.

Aveva fallito. Non era stata in grado di proteggerlo. Per la sua incapacità le avevano portato via l'unica cosa alla quale davvero teneva. Le avevano rubato la sua stessa vita.

Sprofondò nuovamente nell' incoscienza, mentre nella sua mente rimbombava un' unica parola. Treys.



Commenti

pubblicato il 24/03/2009 23.25.11
fiordiloto, ha scritto: Splendido davvero, Raveny! Ti avevo promesso che avrei letto il tuo racconto, ed eccomi qui! Devo dire che l'intensità della tua narrazione è incredibile. Aspetto con ansia il seguito, e vorrei anche chiederti un'opinione sincera sui miei lavori. Un saluto, e a rileggerci! Fiordiloto
pubblicato il 25/03/2009 23.55.16
fiordiloto, ha scritto: Cara Raveny, grazie per il tuo commento! Aspetto con ansia il continuo del tuo racconto. E non ti preoccupare, Kain tornerà e avrà un ruolo fondamentale! Un saluto e a rileggerci!
pubblicato il 28/03/2009 20.13.57
aNoMore, ha scritto: Grazie per il tuo commento, sono contento che la storia ti interessi. Da parte mia spero di potermi ritagliare un po' di tempo per continuare, sono diversi mesi che ho in cantiere il nuovo capitolo ma non ho mai tempo di finire, senza contare che sono un po' dubbioso sul come vorrò proseguire la narrazione. Spero di ricevere altri feedback mentre proseguirai nella lettura, anche per sapere quali sono i personaggi che riscuotono successo o che magari andrebbero un po' approfonditi.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: