ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 7 febbraio 2009
ultima lettura lunedì 27 gennaio 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

In città la pioggia non ha odore

di Forsythia. Letto 946 volte. Dallo scaffale Pensieri

Piove.Sono giorni che piove nella mia città. E' tutto grigio, lucido, la sera le luci si spaccano in mille riflessi colorati che mi confondono la vista.Al mattino presto sembra che il sole non debba sorgere mai, e lo riconosco appena, pallido, p...

Piove.
Sono giorni che piove nella mia città.
E' tutto grigio, lucido, la sera le luci si spaccano in mille riflessi colorati che mi confondono la vista.
Al mattino presto sembra che il sole non debba sorgere mai, e lo riconosco appena, pallido, più simile alla luna...
Vista dalla parte del cielo, la pioggia è sempre uguale. Ma le sensazioni che mi dà non sono sempre le stesse: io non odio la pioggia, eppure in questo momento vorrei che smettesse.
Chiudo gli occhi per un attimo, mi concentro e provo ad immaginare...sono in montagna, percorro un sentiero tra gli alberi, e piove. Il rumore delle gocce è diverso a seconda che cadano su foglie, sull'erba, sul legno di una palizzata o su una roccia. Ma la cosa più forte, più unica, è l'odore tipico che si sprigiona dal bosco, dalla terra, quando piove. Muschio, polvere, resina, tutto si mischia e si esalta, potrei stare ore, riparata sotto un albero folto, ad ascoltare i suoni e a godermi l'odore, l'odore della pioggia.
Riapro gli occhi, continua a piovere. Le gocce rigano il vetro della finestra che ho scelto come schermo per la mia riflessione.
Li chiudo di nuovo: sono al mare, su una spiaggia deserta, d'inverno, e piove...Ci sono onde alte che si infrangono sugli scogli, e l'odore che sento è quello del mare, della sabbia bagnata, della salsedine che l'acqua dal cielo in qualche modo lava via riportandola al mare da dove è venuta...
Ecco, ecco qual'è la differenza, ecco perchè mi sembra diversa: in città la pioggia, la stessa pioggia, non ha nessun odore, chiudendo gli occhi mentre cammino in una via del centro posso sentire il rumore della gente che affretta il passo, gli urti degli ombrelli, le frenate delle auto...ma nessun odore particolare, nulla di diverso dal solito smog, dal profumo di dolci che esce da una pasticceria, dell'aroma di caffè da un bar, uguali anche col bel tempo.
Amo la pioggia, ma non nel posto dove vivo, la amo in mezzo alla natura, perchè si fonde con essa e la modifica in maniera percepibile con i sensi, l'udito, l'olfatto. E in quella situazione amo lasciarmi bagnare dalla pioggia, mentre in città resto sotto il riparo del mio ombrello, e impreco contro l'acqua che si infiltra da tutte le parti, per colpa delle pozzanghere, degli automobilisti sbadati, della fretta.
Amo la pioggia e il suo odore, ma in città no, in città la pioggia non ha odore.


Commenti

pubblicato il 08/02/2009 15.32.20
cinzia, ha scritto: Mi piace molto l'attenzione che hai dedicato alle tue riflessioni...
pubblicato il 08/02/2009 16.15.20
Schnier, ha scritto: riflessioni molto gradevoli e condivisibili..

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: