ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 16 gennaio 2009
ultima lettura lunedì 10 giugno 2019

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

perv parte 1

di cerimor. Letto 1325 volte. Dallo scaffale Pulp

Serata positiva stasera in Gloucester Road; Erin era già ubriaca alle 6 del pomeriggio, e da buon bastardo scopereccio approfittatore, nel raggiungerla mi portai denaro necessario per stordirci benbene entrambi.Iniziammo con del whisky delle iso...

Serata positiva stasera in Gloucester Road; Erin era già ubriaca alle 6 del pomeriggio, e da buon bastardo scopereccio approfittatore, nel raggiungerla mi portai denaro necessario per stordirci benbene entrambi.
Iniziammo con del whisky delle isole, per brindare a noi, liberi fottuti senza pensieri della terra di nessuno, e proseguimmo con birra di varie sfumature e gradazioni alcoliche. mangiammo schifezze in un sushi take-away sulla strada principale: consumando il pasto, ridevamo e scherzavamo col freddo cemento come due barboni, l'alcol scaldava il sangue e i nostri umori e riflettemmo sulla sfortuna di nascere.
A lei piaceva sentirsi al centro d'attenzione, io la guardavo come si guarda un miracolo, e la pregavo di correre con me nel fuoco, prima di ritrovarci troppo vecchi e bianchi o stanchi, o annoiati e sarebbe stato troppo tardi per tutto e per tutti e due, e avremmo potuto non avere più lacrime da versare.
A nessuno parve opportuno chiederlo espressamemte, e così ci ritrovammo sulla porta del suo appartamento; mi baciò con passione infinita e mi sussurrò in un orecchio che non era da sola in casa;
"per te è un problema?" la spinsi verso la porta con le labbra, baciandola esageratamente, come nei film porno, volevo ostentare un minimo di violenza: cazzo, leggeva Bukowski e forse gli sarebbe piaciuto essere trattata da puttana, da vera donna troia, avrei potuto darle anche uno schiaffo ; in ogni caso la mia erezione rispose per me.
Mi sorrise.
Il trucco le si stava sciogliendo in viso, e la smorfia di piacere pronto ad ardere che assunse mi sparò in un viaggio alla velocità della luce nel mondo delle perversioni: quell'indefinito universo così astratto, onirico e paranoico dei piaceri della carne, da modellare a forma di uomo e donna e passione cromosomica, oh com'è bello il peccato quando non è impuro!


Commenti

pubblicato il 19/04/2009 18.30.21
fiordiloto, ha scritto: Geniale, diretto e intuitivo. Insomma, un lavoro che vale la pena leggere. Non scrivo racconti di questo genere, ma ciò non m'impedisce di apprezzare il tuo lavoro. Bravo davvero!

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: