ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 25 dicembre 2008
ultima lettura venerdì 25 gennaio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Sangue infetto

di Shin. Letto 936 volte. Dallo scaffale Fantasia

Tra le ombre dell'oscurità,neanche la luce più chiara potrebbe illuminare il mio volto inesistente.Vago nella notte con lo sguardo basso...

Tra le ombre dell'oscurità,neanche la luce più chiara potrebbe illuminare il mio volto inesistente.Vago nella notte con lo sguardo basso e rubo alla gente i pensieri più bui.Sono solo buona o capite bene che so far piangere altri?Guardo dall'alto la città di notte,mentre nelle case c'è gente che ospita e viene ospitata,mentre bambini giocano a rincorrersi ed io,che sola guardo dall'alto,m'intrufolo in ogni cuore.Rubo anime violente di uomini violenti,punisco i loro desideri selvaggi e l'induco a supplicare perdono.

Quella notte non ero nessuno.Come sempre forse,o come mai.Capace di amare qualcosa che solo io sapevo ch'esisteva era pura follia.Così,col tempo,smisi di nascondermi e di amare.Ero totalmente pazza di me.Adoravo la mia fisicità sexy ed eccitante,la gente mi fissava.Ma io,nelle mie vesti nere e sudice,camminavo sotto la pioggia.Bagnandomi le gote rosee e delicate, di dolore.Dal palazzo di cristallo riuscivo a vedermene bene di ogni essere umano e stringevo i pugni ad ogni soddisfazione e piacere,poi,correvo tra i ghiacciai e prendevo a cazzotti le pareti del mio castello.Arrabbiata.Perchè vedevo coppie amarsi e gente felice.Ed io,che prima sapevo cosa significava,ora,non ero che nulla.Una notte,intenta ad osservare ogni dettaglio,vidi per la strada una figura colpevole.Un uomo,aveva alzato le mani sulla moglie...ed il mio senso di disgusto si era appropriato di me.Scesi velocemente dalla mia dimora per incombere su di lui i peggiori mali.Arrivai lenta,dietro quell'uomo solitario,silenziosa,ma lui si accorse di me e si voltò.Lo vidi amare,piangere,odiare,provare per me tutti i desideri più violenti.Ero bella e porca nella sua mente...e solo questo mi fece schifo."Ciao bella!" disse lui,infangando ancora di più la sua posizione."Che cerchi a quest'ora della notte?"mi chiese portandosi una mano sulla bocca.Vidi nella sua mente i pensieri tetri di violenze commesse.Donne uccise e sverginate...persone trattate male con quelle mani criminali."Cercavo te" risposi calma e provocante.Il suo corpo era caldo,riuscivo a sentire il suo respiro improvvisamente più vicino."Ah ah,Anche io cercavo te" disse lui.I suoi occhi brillavano d'intenso piacere.Ardeva del desiderio di me."Quante volte?" chiesi."Cosa?"rispose"Quante volte ti sei sentito potente?Stringevi in mano la tua preda,povera ragazza,e lei immobile.Tua moglie che sapeva e stava zitta.Eri ricco e felice nel tuo Mondo approfittatore...non capivi quanto facevi male a quelle persone che ora,per riprendersi in mano la loro vita,hanno rimosso anni.E tu che sin da piccolo eri stato educato al bene.Questo è il ringraziamento di anni di sacrifici,di amore che ti è stato dato...."mi avvicinai lentamente alle sue labbra,facendolo eccitare ancora di più.Era spaventato dalle mie parole.Aveva capito che non sarei stata la sua prossima preda,ma lui la mia.Dalle labbra passai alla guancia.Gli tirai i capelli all'indietro facendogli emettere un gridolino dolorante.Avevo rabbia dentro di me....da dover sfogare.Mi avvicinai lentamente all'orecchio.Lui m'implorava,ora piangeva,ora pensava a quanto male aveva causato.Ora sapeva per certo che era la mia preda,all'orecchio gli sussurrai lentamente"...ed io,mio caro,t'invidio!"

Un altro grido feroce dalla vittima...

Mi tirai su in tempo per fuggire....

Il suo corpo lacerato a terra,il dolore gli sgorgava assieme al sangue,la sua espressione non era più tanto prepotente.

Lo lasciai lì,trascinai con me la sua cattiveria.L'avevo tra le mani....non volli darle nemmeno un'occhiata.La bruciai al castello....

Chissà del suo corpo cosa ne fu....

Ma la mia anima continuava ad invidiare insistentemente questa gente amata.... che non amava.



Commenti

pubblicato il 25/12/2008 23.00.30
Muse90, ha scritto: Un racconto davvero ben scritto. Possiede un fascino oscuro che incanta.
pubblicato il 25/12/2008 23.05.55
Shin, ha scritto: Per chi ama il genere fantasy non è il massimo...Penso che però possa rispecchiare una sana verità.....
pubblicato il 26/12/2008 13.36.02
Schnier, ha scritto: senza dubbio Shin, la rabbia cieca contro certi abusi..
pubblicato il 26/12/2008 14.31.47
fiordiloto, ha scritto: Davvvero ben scritto. Si respira un'atmosfera che lascia senza fiato. I miei complimenti!
pubblicato il 29/12/2008 12.44.01
Medea88, ha scritto: Stupendo: pieno di metafore e poi ambientato in un ambiente oscuro e freddo come oscuri e freddi sono i pensieri di questa gente (non ti nascondo che provo un profondo odio per chi violenta le donne e aggiungo i bambini)
pubblicato il 09/01/2009 13.43.14
DavideCibic, ha scritto: Interessante l'idea di qualcuno che possa catalizzare la negatività altrui e disfarsene a piacimento. In questo caso chi viene spogliato della cattiveria, come la chiami tu, è già defunto, e questo di per sé è inquietante. Esistono anime di individui morti adatte ad appestare l'aria del male commesso da quell'individuo quando era in vita? Il tuo racconto mi suggerisce questo. Per il resto, come già sottolineato, è decisamente uno scritto che esercita un fascino oscuro. Ciao . Davide

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: