ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 18 dicembre 2008
ultima lettura lunedì 18 febbraio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Voci Di Dicembre

di DOMENICO DE FERRARO. Letto 625 volte. Dallo scaffale Fantasia

 Al gran ballo di fine d’anno gli endecasillabi si unirono in dialettici ritornelli. Impettito l’ apostrofo baffuto si presentò ben vestito in compagnia d’una musa assai sapiente che forbite le varie favelle fece migliorare..

VOCI DÌ DICEMBRE

Al gran ballo di fine d'anno gli endecasillabi

si unirono in dialettici ritornelli.

Impettito l' apostrofo baffuto si presentò ben vestito

in compagnia d'una musa assai sapiente che forbite

le varie favelle fece migliorare i vari interloquire .

C'è tanta gente che vaga per strada alla ricerca d'un bene

senza problemi e cose varie disse la donnina sorridendo .

Non siamo tutti identici nella logica delle cose.

Disse l'uomo senza occhiali alla guardia senza baffi.

La dialettica nasconde sempre molte debolezze ed incertezze.

Mio caro amico rispose quest'ultima.

Un vecchio albero di natale in mezzo alla grande piazza

decorato con mille luci pieno di ninnoli e stelline con tante palline

colorate luccicanti nel buio , palpitanti piccoli mondi su cui vivono

innumerevoli extraterrestri.

Quella sera di dicembre in molti non erano preparati

ad avere un dialogo teologico filosofico incentrato

sulla fine dell' arte con un asceta scrittore di fantascienza.

Il mondo è frutto della volontà e della rappresentazione.

Disse il filosofo apostrofando se stesso.

M' incitarono ad andare avanti ed io l'avrei fatto sé non m'avrebbe

fatto pagare a me il conto di questa vita nauseabonda .

La luna nuda tra le nubi venne applaudita

da mille passanti che continuavano a camminare

infreddoliti sotto le stelle.

In silenzio tra la folla con l'animo in frantumi.

Il freddo congela la spirito delle polemiche,

le conclusioni affrettate, i numerosi problemi quotidiani.

Tutto passa e invecchia velocemente mentre viene

svuotato il secchio colmo di neve pieno di verbi usati.

Uscendo di casa sotto la pioggia in pantofole e pigiama

ignaro del domani e di ciò che pensa il prossimo.

Il piccolo uomo pensò:

Il tempo inganna e ti cambia inesorabilmente .

Nei lumi ideali di mille ricerche etimologiche .

Gianna filava la lana in un giorno diverso ,fatto solo di sesso.

La ragione insegue il sogno. La notte il vecchio amore.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: