ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 14 dicembre 2008
ultima lettura martedì 29 ottobre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

lorantichor capitolo 7

di joeyetinny. Letto 838 volte. Dallo scaffale Fantasia

ecco il nuovo capitolo del nostro libro di vampiri....cosa sarà successo ad Andrea in casa Lucard???

DAL DIARIO DI ANDREA DEWARDS

7. Linguaggio del corpo

Dopo essermi ripresa dallo shock e aver convinto mio padre a mandarmi a cena dai vicini ( in realtà non mi ci è voluto molto, gli stanno già simpatici), mi sono posta il problema principale che assilla ogni giovane donna ogni mattina: che mi metto???

Sono corsa verso il mio armadio (sempre strapieno, anche se non riesco mai a trovare niente da mettermi) e ho rovesciato fuori TUTTO. Per prima cosa ho eliminato le felpe e i jeans: non sono adatti all'occasione! Ho passato in rassegna le camicette e ho eliminato anche quelle. Ho ripescato dal mio cassetto tutte le magliette e i maglioncini disponibili e ne ho scelti un po' da provare. Le gonne??? Fuori discussione, le odio! Ho passato in rassegna tutti i miei vestiti e ho scelto di provarmene uno nero di lana che lascia metà della schiene scoperta e arriva fin sopra le ginocchia (molto sopra le ginocchia)...non lo metto molto spesso ( diciamo che non lo metto quasi mai perché IN TEORIA sarebbe di Asya, ma lei stasera non c'è quindi...). L'ho indossato e...inutile dirlo, era l'abito giusto! Ci ho abbinato un paio di pantacollant neri, una cinta di cuoio marrone rifinito e il pezzo forte: i miei stivali di camoscio marrone, alti fino al polpaccio, con otto centimetri buoni di tacco! Non che ne abbia poi tanto bisogno (non sono una cima, ma neanche una nana!), ma quando li indosso mi sento dieci volte più bella ( e a che servono altrimenti i tacchi?!?).

Ho messo i vestiti scelti in ordine sul letto e gli altri li ho rimessi nell'armadio (altrimenti chi se la sente mia madre!?!), poi ho tirato fuori tutte le mie borse. Ne ho una per ogni occasione, stile, colore, umore, ecc...sono una vera patita! Vado matta per borse e scarpe, anche se alla fine uso sempre le stesse!!! Mia madre dice che è sintomo di insicurezza o robe simile, io dico che è sintomo di sensibilità artistico-creativa...mio padre dice che tra me e mia madre non si sa chi si compra più robaccia inutile e costosa!!!! ( per lui, l'unico indumento utile è la tuta da ginnastica; le borse non servono: bastano le tasche e se è nera meglio, così l'abbini con tutto...si può vivere così????)

Comunque ne ho scelta una di marca ( ho implorato mio padre per un mese prima che me la comprasse e come sono arrivati i saldi mi sono fiondata in negozio...c'era pure un bello sconto e mi sono avanzati soldi per un paio di ballerine bronzo con i brillantini che poi ho indossato...ma chi se ne importa, questa è un'altra storia!), insomma, ho scelto la borsa di cuoio marrone in tinta con la cintura: è piccola e per niente funzionale, ma è un amoreeee...

Poi sono passata ad esaminare il secondo problema che attanaglia da sempre la mia vita da giovane adolescente...CAPELLI SCIOLTI O LEGATI???

Visto che li avevo lavati quel giorno e profumavano ancora di albicocca ( è uno shampoo miracoloso che mi ha regalato Anny, lo usa anche lei), ho optato per la prima opzione (sciolti) anche perché non mi andava di ideare qualche acconciatura originale.

Il terzo problema per una giovane donna è la fame in Africa, la povertà in India e la pace nel Mondo ma, fortunatamente, non lo dovevo affrontare quella sera (ho tutta la vita per rendere felice l'umanità, fatemi godere una serata con il tipo che mi piace, almeno!).

Il quarto problema è uno dei più drammatici...IL TRUCCO. Mia madre dice che a quattordici anni il fondotinta è autoprodotto dalla pelle, che ha sempre un aspetto fresco e luminoso...non conosce un mostro chiamato acne?!? Con la mia proverbiale fortuna, sono nata non solo con una pelle di un pallore spettrale, ma anche terribilmente delicata, quindi devo usare una specie di cipria agli estratti di loto e non mi ricordo che altro...la consolazione è che vent'anni fa (come mi ricorda mia madre) certe cose non esistevano e me ne sarei dovuta andare in giro acqua e sapone...M AI!

Poi ho passato la matita nera dentro gli occhi e l'eye-liner (sempre rigorosamente nero) sulle palpebre superiori. Poi, con un tocco di rimmel, l'effetto è garantito! Con gli occhi chiari, d'altronde, basta un po' di trucco scuro per farli risaltare!!! ( me l'ha insegnato Asya, quando facevo i saggi di fine anno di danza mi truccava sempre lei perché è bravissima! È il bello di avere una sorella maggiore...).

Visto che tra trucco, vestiti e pace nel Mondo si erano già fatte le sette, sono uscita di casa e ho bussato alla porta di fronte ( tra casa mia e casa Lucard c'è un tragitto mooooolto lungo e faticoso: sono praticamente attaccate!!!). mi aspettavo di vedere Julian (o almeno Rebby!), e invece mi sono trovata davanti Alexander l'Irritante. Ha emesso un fischio.

"Che schianto! Che fine hai fatto fare alla buona Madre Andrea da Boston?" Ha detto.

"Se non la fai finita dico ad Annabel che puzzi!" Lo so, è un comportamento infantile, ma a mali estremi...

Come credevo si è zittito e mi ha fatto entrare. Andrea lo Schianto :10- Alexander l'Irritante:0! Sono un mito!!!

Rebecca è comparsa fluttuante dal corridoio...e quando dico fluttuante intendo proprio fluttuante tipo medusa, ma più aggraziata e non urticante (almeno spero!).

"Lascialo perdere, dopo un po' ti abitui ad ignorare le sue sciocchezze." Ha detto abbracciandomi. C'è proprio bisogno di salutarmi ogni volta che mi vede, come se fossimo amiche che non si incontrano da dieci anni?

per tutta risposta, comunque, Lex le ha fatto la linguaccia.Poi ho visto Julian. Si è avvicinato.

"Andrea! Sei...sei..." sono...?

"uno schianto?" ha proposto Alexander, ma lo abbiamo ignorato.

"sei bellissima." Ha concluso Julian. Ho sorriso.

"grazie Julian" non so come ho fatto a rimanere calma mentre dentro di me stavo letteralmente facendo i fuochi d'artificio che neanche il capodanno cinese...MI TROVA BELLISSIMA!!!

"Oh mio Dio, che noiaaaa...è tornata Madre Andrea da Boston..." si è lamentato suo cugino...ma che me ne importa di cosa dice quel tipo?!? Julian mi trova bellissima...

Dopodiché ho salutato Valentine (che era alquanto irritato del fatto di non aver potuto cucinare) e Danielle (che invece era entusiasta all'idea di farmi assaggiare la sua cenetta, che dall'odore si preannunciava squisita).

Mentre aspettavamo che la cena fosse pronta, Rebecca mi ha mostrato la casa e ci siamo sedute su una panchina nel grande giardino( i Lucard hanno molti cani) a chiacchierare. Julian e Lex se ne stavano là intorno. Julian non mi toglieva gli occhi di dosso ( che ci posso fare se mi trova bellissima???) e Lex...veramente non mi ricordo che faceva Lex e, sinceramente, non ne sono molto interessata, visto che Julian mi trova bellissima ( me lo sono ripetuto per tutta la sera, inutile dirlo).

Rebecca ha molto apprezzato i miei stivali (lo so, sono una piccola opera d'arte, bisognerebbe custodirli in un museo) e ci siamo scambiate un po' di consigli.

Quando la cena era pronta, siamo andati in salone dove c'era un grande tavolo riccamente allestito. Mi sono seduta tra Valentine e Rebecca. la prima portata consisteva in un invitante pollo al forno. Mentre stavamo per mangiare Danielle ha bloccato tutti e ha detto che Valentine doveva assaggiare per primo. Lui ha dato un morso e dalla sua espressione doveva essere sorprendentemente buono, anche se tutto quello che ha detto è stato:

"non c'è male".

"COSA?!? Ci ho impiegato tutto il giorno!!!"

"è molto buono, infatti, ma io avrei sicuramente saputo fare di meglio"

"COSA?!?" ha ripetuto sua moglie. Evidentemente Valentine si divertiva a fai arrabbiare Danielle!!!che bella coppia...!!! Rebecca rideva di gusto, mentre i suoi fratelli (naturale e acquisito) erano non poco imbarazzati.

"Questa te la faccio pagare!" Ha detto Danielle minacciandolo per finta con una forchetta.

"Dai, tesoro, sto scherzando..."

"Non chiamarmi tesoro e comunque la cena non è finita!" si è finta arrabbiata lei. chissà se stavano improvvisando o avevano architettato tutta questa simpatica scenetta...magari stavano facendo sul serio! Erano davvero carini insieme...

La scena si è ripetuta per ogni alimento in tavola ( tutte le portate erano deliziose, nonostante Valentine le giudicasse con sufficienza), fino al dolce quando finalmente il signor Lucard ha ammesso che lui stesso non avrebbe saputo far di meglio. Danielle si è sentita estremamente soddisfatta e io mi sono chiesta come cucinasse Valentine...era un cuoco? Poi, chissà che lavoro faceva...ma non me ne importa più di tanto, visto che Julian mi trova bellissima (ora basta, mi sto mettendo paura da sola...)!!!

Verso le nove e mezzo ho salutato tutti. Mentre salutavo Lex, lui mi ha sussurrato che dovevamo parlare in privato ...che cosa vorrà???

Sono tornata a casa e le prima cosa che ho fatto è stata...telefonare ad Annabel, ovviamente!!!

"Casa Killian, chi è?" Ha risposto sua sorella.

"Ciao Jules, sono Andrea."

"ohi, ciao, ti chiamo Annabel?"

"Va bene, ma non dirgli che sono io!" dovevo farle lo scherzo del fagiolo d'oro!!!

"Pronto? Se sei Andrea, non mi fare lo scherzo del Fagiolo d'Oro!"

"Uffa!" Ho protestato.

"Mi dispiace, oggi non è giornata..."

"Per me sì, però! Ho appena avuto una serata pazzesca!"

"Sì? Scommetto che c'entra qualcosa il tuo nuovo amichetto..."

"Si chiama Julian e comunque sì!"

"Dai racconta!"

"Uff... non so neanche da dove iniziare..."

"Fa come dico sempre io: inizia dall'inizio" che gioco di parole scemo...ma va bene tutto: Julian mi trova bellissima!

"Okay, allora...stavo facendo geografia con Tina, quando..."

"Che vuoi che me ne importi di Tina?!?! Racconta di Julian!!!"

"Insomma, stasera sono andata a cena a casa sua"

"Wao e chi c'era???"

"Valentine e Danielle, Rebecca, Julian...ah poi c'erano i cani!!! Uno si chiama Fido, l'altro..."

"ANDREA!!!! Mi prendi in giro?!?" sì!

"Sì, sì...c'era anche Lex"

"Waooooo...e che avete detto?"

"Veramente non abbiamo parlato molto...comunque so per certo che gli piaci!"

"Davvero??? Te l'ha detto lui???"

"no, ma Julian ha detto che da quando ti ha vista si comporta in modo strano."

" E a te ha detto qualcosa?"

" No, mi ha detto solo che dobbiamo parlare in privato"

"OH MIO DIO!!! E se si fosse innamorato di te!?!"

"non dire sciocchezze..." l'ho ammonita.

"Come eri vestita oggi?"

"Avevo un vestito..."

"Quello nero di tua sorella con la schiena scoperta???"

"Sì..." (però questa ragazza mi legge nel pensiero!

"Oddio!!!"

"Anny io e Lex non ci sopportiamo a vicenda, non devi aver paura..."

"queste cose non sono mai come te le aspetti! È colpa tua! L'hai sedotto!"

"Ma che cavolo stai dicendo?!?"

" hai usato il linguaggio del corpo !!! ammettilo!!!"

" Annabel, non dire scemenze, lo sai meglio di me che non lo sopporto...e poi Julian ha detto che Lex parla spesso di TE!"

" Lex dice Annabel, ma sicuramente intende Andrea, solo che non può parlare chiaro perché non vuole ferire Julian a cui piaci tu..."

"ti rendi conto che ciò che dici non ha senso?"

"Traditrice!" non riuscivo a credere che dicesse seriamente certe cose.

" Tu sei pazza e comunque a me non interessa niente di Alexander."

" Certo! Tu sei crudele e pensi solo al tuo Julian...gli spezzerai il cuore, povero Lex..."

" Annabel, ti ho detto che ti sbagli..."

"e allora perché Lex ti vuole parlare in privato?!? Lui pensa al cuore di suo cugino perché è buono e dolce e invece TU sei spietata e vai in giro a sedurre i ragazzi degli altri!"

"Io non ho sedotto proprio nessuno! Lex neanche mi piace..." mi sono giustificata. Figurarsi se l'ho sedotto, mi chiama Madre Andrea da Boston...

"Perché non capisci niente e hai gusti schifosi!" non le ho risposto male perché capivo che stava dando di matto e che non si rendeva conto di ciò che diceva, un po' come mia zia Eleonor quando era incinta, che sputava cattiverie addosso a tutti e nessuno riusciva a farla ragionare...

"Annabel, ti prego, torna in te..."

La mia teoria scientifica ormai è una certezza: l'amore adolescenziale danneggia gravemente i neuroni. Per fortuna su di me non ha effetto...e comunque JULIAN MI TROVA BELLISSIMAAAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: