ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 7 dicembre 2008
ultima lettura venerdì 15 febbraio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

lorantichor capirolo 5

di joeyetinny. Letto 851 volte. Dallo scaffale Fantasia

DAL DIARIO DI ANDREA DEWARDS5. il Dio dei Vicini di CasaIeri durante l'ultima ora (geografia...bleah!), Tina, la mia compagna petulante, non la smet...

DAL DIARIO DI ANDREA DEWARDS

5. il Dio dei Vicini di Casa

Ieri durante l'ultima ora (geografia...bleah!), Tina, la mia compagna petulante, non la smetteva di guardare fuori della finestra.

"Ohi, ma si può sapere che hai?!?" Le ho sussurrato visto che mi stava irritando.

"C'è un tipo da paura qui fuori!!! È stupendo!"

"sì, come no..." ho detto io.

C'è da dire che i gusti di Tina sono abbastanza discutibili, quindi non mi fido molto di lei...però, vedendo che non la smetteva, mi sono incuriosita e ho dato un'occhiata fuori. Mi sono affacciata e...chi ho visto?!? Julian! Stava camminando avanti e indietro il cancello. Chissà cosa ci faceva lì...che fosse venuto per...???no, Andy, non farti illusioni!!!mi ha detto la Vocina del Buonsenso ( spunta fuori quando sai di star facendo qualcosa di sbagliato e cerca in tutti i modi di farti sentire in colpa...è irritante!!!non ho idea se la sentano tutti o sono io che sono pazza...).

"Chissà chi è?!?" ha detto Tina. Allora io, tanto per farla morire un po' d'invidia, ho fatto:

"Io lo conosco."

"DAVVERO?!?non ci credo..."

"Se non ci credi peggio per te" ho detto con aria di superiorità.

In quel momento la Decrepita (la mia professoressa di Lettere), si è accorta della nostra discussione e ha fatto:
"andrea e tina, perché non continuate la conversazione FUORI da questa classe?".

Già mi odia così, ora ci si mette anche questa...TUTTA COLPA DI TINA!!!

Comunque, anche se eravamo state buttate fuori, Tina non ha perso la curiosità e ha continuato a fare domande.

" Ma come si chiama?"

"Julian"

" e siete amici?"

"è il mio vicino di casa." Ho spiegato.

"no...intendo, siete SOLO amici?" CHE RAZZA DI DOMANDA è? Che impicciona...

"Sì, anzi, neanche lo conosco molto bene"

"ma..."

Per fortuna è suonata la campanella, che mi ha salvato dall'interrogatorio di Tina. Mi sono fiondata fuori dalla scuola, per evitare un'ulteriore raffica di domande. Non ho neanche aspettato Annabel all'uscita, perché sapevo che era rimasta a casa. Mi sono diretta verso il cancello (più che altro verso Julian). Lui è sembrato sorpreso di vedermi.

"Oh, Andrea...non sapevo venissi a scuola qui..." ha detto. E dove dovrei andare a scuola, scusa???

"veramente è l'unica scuola che c'è in zona."ho spiegato.

"ah..."

"e tu cosa ci fai qui?" Ho chiesto.

"io? Ehm...niente, passavo di qui..." CHE COINCIDENZA!!!

"ah..." intanto era calato un silenzio penoso.

" e ora dove vai?" mi ha chiesto. MA DOVE CAVOLO DOVREI ANDARE?!?

" A casa." Ho detto.

"Io anche!" Si è mostrato sorpreso. Però, lui è l'uomo delle coincidenze...se ci si mette il destino!!!

"Perché non andiamo insieme?" ha proposto. Ci siamo avviati, ma eravamo troppo imbarazzati per dire qualsiasi cosa...TI PREGO FATTI VENIRE IN MENTE QUALCOSA DA DIRE!!!gridava dentro di me la famosa Vocina del Buonsenso. Sembra facile...

"Come sta Lex?" ho chiesto. Non che mi interessasse qualcosa riguardo a quell'antipatico (mi stava ancora più antipatico dall'ultima volta che li avevamo incontrati, perché Annabel non aveva fatto altro che parlarmi di lui...).

"ehm...bene, diciamo bene..." ha detto preso in contropiede.

" Perché diciamo?" ho chiesto. Aaaaaaaaah, andy cambia argomento!!!

"È un po' strano, credo sia innamorato". MA CHI SE NE IMPORTAAA...aspetta, aveva detto innamorato?!? La cosa si fa interessante...

"ah sì?"

"sì, sai da quando ha visto la tua amica sragiona..." sì, lo stesso succede per Annabel...

"Ma và? È curioso..." ho commentato fingendomi interessata.

"senti, Andrea, come mai tutto questo interessamento per Lex? Non ti piacerà, spero..."

"EH?!?" ma come diavolo gli veniva in mente?!? Probabilmente era l'unico che non aveva visto il cartello che diceva " Andrea si è presa una cotta per il suo vicino di casa"...insomma, l'hanno visto tutti pare!!!

"no,no...che hai capito!?!" mi sono affrettata a dire.

"Facevo così, per parlare...sai, ieri Annabel non ha fatto altro che parlarmi di lui..."

"Però, allora un giorno di questi dovremmo farli incontrare..."

"Perché no?" ho detto, anche se non ero propriamente entusiasta alla prospettiva: Anny sembra un'altra persona quando parla o pensa a Lex...figuriamoci se ci esce insieme!!! Questo mi riporta a formulare ancora la teoria dell'amore adolescenziale e dei neuroni danneggiati...ovviamente i miei neuroni sono in perfetta salute quando parlo con Julian...sì, come no, è per questo che arrossisco e il discorso migliore che mi viene in mente riguarda suo cugino (che, tra l'altro, mi sta anche antipatico)!!!

Eravamo ormai a qualche metro dal portone del nostro palazzo, quando un odorino delizioso ha colpito le mie narici.

"Mmm..." ho detto assorta...mi stava venendo l'acquolina in bocca!!!

Julian ha sorriso nel suo modo speciale ( che posso dire??? È una specie di Dio dei Vicini di Casa...) e ha detto:
"è Danielle che cucina...sai, questa è la prima vera e propria cena nella nostra nuova casa e lei vuole fare le cose in grande; veramente voleva cucinare mio padre, ma ha perso alla morra cinese e quindi Dany avrà questo grande onore...quelli che ci guadagnano siamo noi (in entrambi i casi...)!!!" Si giocano alla morra cinese il compito di cucinare?!? I miei, semmai, giocano l'onore di starsene sul divano mentre l'altro cucina...in questa famiglia le cose vanno tutte al contrario!

"Scusa, non la chiami mamma?" Ho chiesto.

"no...lei è semplicemente Danielle!" Ha detto sorridente. Quindi non è sua madre? O semplicemente la chiama per nome? O...oddio! Mi sta venendo il mal di testa non ci capisco niente! Dopo chiederò a mia sorella che sa sempre tutto di tutti...

"Aspetta un secondo...come fa a essere la vostra prima cena? E ieri non avete cenato in casa?!?" Ho domandato.

" Sì...ma...ecco...non era una cena molto ortodossa..." ha detto imbarazzato ( o almeno un po' più imbarazzato di quanto lo era stato per tutto il tragitto...).

Ho immaginato i Lucard seduti a terra a mangiare gli involtini primavera oppure il riso alla cantonese del ristorante del signor Chang (specialità della casa: pollo alle mandorle e fettuccine al ragù...che razza di ristorante è???) direttamente dal cartone e a imbrogliarsi con le bacchette! Chissà se Julian sa usare le bacchette cinesi...ma sì, lui è il Dio dei Vicini di Casa...!!! E poi, meglio per lui se lo sa fare perché io sono un'appassionata di cibo giapponese e visto che dobbiamo passare la vita insieme...calma, Andrea, torna con i piedi per Terra...maledetta vocina del buonsenso un giorno ti estirperò per sempre!

"Hey a che pensi?" Mi ha chiesto Julian. Stavamo sulle scale.

"Al cibo giapponese"(e a come liberarmi del mio buonsenso...) è rimasto un po' incuriosito (ovvio, gli ho dato una risposta idiota:sincera, ma idiota!!!).

" Bleah!" COSAAAA??? Possibile che il cibo giapponese non piaccia mai a nessuno???

"Si da il caso che io ne vada matta!" Ho detto.

" Mmmm...guarda che esiste molto di meglio!" ha replicato. So benissimo che esiste molto di meglio...esisti tu! Andrea non fantasticare!!!

"Tipo?"

"Stasera vieni a cena a casa mia, poi mi dirai..." ha detto e poi è entrato in casa, mentre io sono rimasta lì a fissare il vuoto davanti a me...

Era...era...ERA UN INVITO QUELLO?!?



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: