ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 28 novembre 2008
ultima lettura domenica 18 ottobre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Timo, Tato ed i Microciccioli

di nevedispagna. Letto 775 volte. Dallo scaffale Generico

Non sappiamo perché, ma dalla tasca di Timo il giovane,uscì fuori pimpante una strana creaturina dal corpo piccolo ed esigue, ma dalla testa enorme, somigliante vagamente a quella di Burr il pagliaccio......

Non sappiamo perché, ma dalla tasca di Timo il giovane, uscì fuori pimpante una strana creaturina dal corpo piccolo ed esigue, ma dalla testa enorme, somigliante vagamente a quella di Burr il pagliaccio.


“Ciao!”
“Ciao”, gli sorride il giovane Timo.
“Io mi chiamo Tato, sono la figlia di Bromuro e Pamarra .Cosa ci faccio qui?Ieri sera sono andata a dormire e mi sono svegliata in questo coso”
“Io mi chiamo Timo il giovane…Eri nella mia tasca…MMMM che cosa strana.”
“Oh guarda, ho trovato qualcosa”
E gli porse una piccolissima pezza che somigliava tanto ad un pannolino.
Vi era scritto:”Tato, la principessa dei Microciccioli”
“Sei una principessa!”
Tato lo guardò con disappunto…


“Questo lo so, sono la principessa di un grande popolo, I Microciccioli! Sai, sappiamo fare tante cose…Ma cosa ci faccio qui?”
“Non lo so, vorrei aiutarti ma non lo so…”
“Ahhh ahhhh!!!”
“No, non piangere, ti aiuterò!”
“Non sto piangendo, stavo cercando di comunicare con te ad un alto livello.”
“Capisco, ma non sento niente….”


Bha’.


“Aiuto, aiuto, sento un po’ di aria gonfiarmi il pancino, poi potrei fare brutti rumori con la bocca o con…”
“Bene, bene, ora ti posso aiutare io-”
Così il giovane Timo con delicatezza preme lievemente il pancino di Tato veramente rigonfio.
L’esplosione cancello’ all’istante ben oltre al metà dell’isolato, ci guardammo costernati da Helbert, mentre tutto al di fuori odorava di sirene e sangue.

“Gne-gne…Gne-gnè…”, frignava Pamarra agitando la testa enorme.

”Povera Tato, la nostra unica figlia…”
“Era necessario….Dobbiamo dare l’esempio”, mormorò ombroso Bromuro.
E fu così che i Microciccioli iniziarono l’invasione della Terra.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: