ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 10 settembre 2008
ultima lettura domenica 4 ottobre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

MI AMAREGGIA ...

di Libera Càrpino. Letto 1092 volte. Dallo scaffale Pensieri

Mi amareggia ... "Gli occhi di un gatto sono finestre che ci permettono di vedere dentro un altro mondo". ...

Mi amareggia ...

"Gli occhi di un gatto sono finestre che ci permettono di vedere dentro un altro mondo".

(proverbio irlandese)

La Cina non è l'unico paese nel mondo dove si uccidono gatti e cani per mangiarne le carni, ma senza ombra di dubbio resta il paese più disumano nei confronti della specie animale; un paese a cui l'occidente si piega accontentando ogni capriccio, perdonandogli ogni orrore.

Eppure in un passato molto lontano i cinesi credevano che i gatti avessero il potere di scoprire gli spiriti malvagi e metterli in fuga, tanto che a tale scopo sui muri esterni delle case o sotto le grondaie vi erano manufatti di argilla raffiguranti gatti seduti con gli occhi spalancati.

I gatti venivano anche impiegati per proteggere i bachi da seta da minacce quali topi o altre calamità; e ancora pare che i cinesi avessero un dio gatto, un certo Li Shu, adorato dagli agricoltori affinché proteggesse il raccolto dalla minaccia dei roditori.

Credo che il presente si regga sul passato e che il futuro si costruisca sul presente e credo anche che la riconoscenza per il bene fatto, dai gatti in questo caso, non vada riposta nell'oblio.

Mi amareggia quel detto cantonese che recita: i cinesi mangiano tutto ciò che vola tranne gli aeroplani, tutto ciò che ha 4 gambe tranne i tavoli e tutto ciò che nuota tranne i sottomarini.

Mi amareggia perché ahimè la cronaca ci riporta esser vero.

Mi amareggia l'atto criminale, perché di questo si tratta, che un governo possa incentivare i propri cittadini all'abbandono e all'uccisione dei felini; che permetta che le loro carni come anche quella di cane vengano consumate nei ristoranti.

Mi amareggia sapere che una povera vecchietta tutta sola dia ospitalità nella sua dimora a un centinaio e più di gatti, prendendosene cura nonostante il costo e nonostante la possibilità di venir punita perché va contro il volere delle autorità cinesi.

Il gatto possiede la capacità di ritrovare il suo padrone e di far ritorno al precedente domicilio. Ci sono storie di felini che hanno percorso migliaia di km per ritornare, smagriti, sporchi e feriti ma felici, a quella loro vita fatta di sicurezza e calore e allo stile di vita del proprio padrone al quale il gatto è riuscito con intelligenza ad adattarsi grazie al linguaggio e al timbro della voce con cui ci si comunica e al gesto. Arrivano a cogliere il malessere che può disturbare il proprio padrone ne avvertono anche l'arrivo di questo, dai passi sull'asfalto o sulle scale o dal rombo del motore dell'auto e del motorino. Sarebbero in grado anche di sentire la morte prossima di un essere umano. Pare che vadano sui letti dei malati che moriranno nel volgere di poche ore ma, più triste e sentire la propria morte che si avvicina e non poter far nulla come nel caso in cui subiscono quella tortura che farà di loro un succulento piatto da servire al ristorante.

Agosto 2008



Commenti

pubblicato il 10/09/2008 15.09.01
monidol, ha scritto: MI amareggia sapere di bimbi che muoiono di fame mentre qualcuno predica in difesa dei gatti (che io adoro).
pubblicato il 10/09/2008 16.11.29
MichaelJ, ha scritto: Perchè..monidol? Pensi che solo i bambini patiscono la fame? Solo perchè vengono messi nella vetrina della tv, ad impietosire, non significa che siano solo loro a soffrire di quelle condizioni. Ho vissuto anch'io un momento brutto nella vita, molto tempo fa, da bambino denutrito..e non per questo ora, punto il jolly solo sui bambini. Qualsiasi paese, penso, ha i suoi poveri.. gente che fa un solo pasto al giorno, ad esempio. Li ho conosciuti, non facevano vedere il loro disagio, ma non erano che persone normali, con la sfortuna semmai di un impiego di "basso livello", il che per me è ridicolo, dato che credo in stipendi equi per tutti. Comunque.. i gatti sono una questione che Libera Càrpino ha sollevato, ed essendo anch'io un fan dei gatti, condivido lo sdegno di queste sevizie e la fine che subiscono, come specialità culinarie asiatiche. Ma, i bambini non ne vedo per niente l'ombra.. metti tu un post sul problema; qui, il campo è libero.. (scusami se rispondo dallo spazio dei commenti alla tua opera, Libera Càrpino).
pubblicato il 10/09/2008 18.57.54
redheadlove, ha scritto: credo che spesso si abusi dell' immagine dei bambini che muoiono di fame. e tutti gli altri allora? non muoiono di fame vecchi, uomini e donne? forse bisognerebbe andare alla radice del problema, se veramente si vuol risolverlo. ma si dovrebbe parlare di ignoranza, di chiesa e di preservativi.... sarebbe un po' lunghetto come discorso... penso invece che abbia fatto bene a sollevare la questione, gli animali, al pari dei bambini sono indifesi, l'uomo in genere li sfrutta, il cinese in particolare non ha pietà per loro ( e neppure per i suoi simili). documentati su come vengono uccisi gli animali da pelliccia e non in cina, cerca su google "fattorie della bile", se avrai il coraggio di leggere scoprirai che si tratta di orsi, fatti vivere dalla nascita alla morte dentro a gabbie di due metri per uno, con un catetere infilato nella pancia, da cui esce a gocce la bile, che secondo la "saggezza" della medicina cinese sarebbe una panacea... lo sai in cina, e chiudo, chi uccide i gatti impiccandoli con dei lacci dentro alle gabbie? i bambini.....
pubblicato il 11/09/2008 10.41.02
monidol, ha scritto: Giusto! Allora uccidiamo tutti i bimbi cinesi questi bastardi che uccidono i gatti. Anche quelli veneti se li mangiano i gatti che credete? E chiedete ai vostri padri e ai vostri nonni in tempo di guerra quanti gatti e cani c'erano in giro (chissa perchè eh), ucciderei anche chi li castra però per avere un bel soprammobile in casa, o chi non li fa vivere da animali, e anche chi uccide le galline, il mio animale preferito. Anche io da bambina aiutavo mio padre ad ammazare i conigli per mangiarli.... potete uccidere pure a me....non sono carini con quelle belle orecchiette all'insù? E gli occhioni di un vitello? Ma approfondiamo! Come? Con i servizi splatter su internet senza prendere in mano un libro e capire la storia di un popolo (con quello che hanno passato), ma che ci frega "Da quando conosco gli uomini amo sempre più gli animali" Non è così lo slogan? Tanto tutti bastardi sti Cinesi eh... Non fraintendetemi, se potete, amo tantissimo gli animali, ne vivo circondata, dentro e fuori casa (e non per mangiarmeli, non sono un'allevatrice) ma io credo che stiamo esagerando inveendo contro un popolo intero in condizioni difficilissime per altro, dove se sbagli a parlare o se rubi un arancia il governo ti fa trapassare la testa con un proiettile... .. non è che c'è ancora un po' di strada da fare prima di pensare ai gattini cinesi? Vedere un bambino africano che muore di fame può essere strumentalizzato certo . . . e queste campagne animaliste non fanno forse dimenticare e mettere in cattiva luce paesi in cui si perpetuano ingiustizie enormi verso gli esseri umani appoggiate per interessi comemrciali dai super governi occidentali?
pubblicato il 11/09/2008 12.34.47
kirikù, ha scritto: Non è questione di fare di tutta un'erba un fascio, ma per me neanche che prima dobbiamo pensare a questo e poi a quello. Aveva proprio ragione Gandhi a dire "la civiltà di un popolo si vede da come tratta i suoi animali. " Ognuno tiri le sue conclusioni.
pubblicato il 12/09/2008 22.56.25
Libera Càrpino, ha scritto: Nn mi sembra di aver ucciso nessuno! Nn merito qsto fiume di parole. A Monidol voglio dire ke sono: ex educatrice d'infanzia, ex dark . Spesso la xsone come me (pagane) vengono accusate di uccidere sia gatti sia bambini. Il mio lavoro nn kiede tributi di sangue!!! Cerchiamo di capire ...
pubblicato il 13/09/2008 10.48.01
Schnier, ha scritto: si puo' parlare di qualcosa senza essere accusati di aver tralasciato questo o quello ? spero di si, altrimenti ewriters diventerebbe troppo simile a tanti noiosi forum di discussione..

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: