ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 23 agosto 2008
ultima lettura mercoledì 25 novembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

4 Gennaio 2008 - Dal Dottore

di Arale. Letto 1778 volte. Dallo scaffale Umoristici

Da casa mia allo studio del dottore è il tempo di Natale di De Gregori, se c'è un semaforo rosso si riesce ad ascoltare invece anche qualche nota di Rimmel.

4 Gennaio 2008

DAL DOTTORE

Da casa mia allo studio del dottore è il tempo di Natale di De Gregori, se c'è un semaforo rosso si riesce ad ascoltare invece anche qualche nota di Rimmel. Prima delle 16.00 poi il parcheggio si trova facilmente per cui fino lì fila tutto liscio. Quando entro però trovo la stanza adibita all'attesa piena di gente, come sempre, e solo dopo diversi turni riesco a conquistare una sedia. Stranamente stanno tutti in silenzio e non c'è neanche la musica di sottofondo. E' quasi ora di chiusura e il dottore chiude la porta d'entrata, così piano piano la folla di gente comincia a diminuire. L'ultimo ad entrare è stato un signore di circa cinquantacinque anni. Un signore distinto, con tanto di cappello marrone a falda larga elegante. Non ha neanche occupato la sua sedia che già ha aperto bocca, rivolgendosi ad una bambina di otto anni che mostra famiglia cristiana alla mamma seduta alla sedia di fronte: "Non metterlo in bocca, non avvicinarlo proprio perché ci sono i microbi, con tutta la gente che lo ha toccato". La bimba lo guarda di traverso e infastidita risponde: "non lo sto mettendo in bocca", e subito la mamma arriva in soccorso del signore distinto per evidenziare che anche lei concorda e forse le avrebbe proprio detto la stessa cosa se lui non l'avesse preceduta: "ha ragione, tienilo lontano". Poi il signore distinto prende a maneggiare il suo cellulare e la bambina comincia ad unire i puntini per completare un gioco nelle ultime pagine del giornale. Dopo un po' il dottore alza il volume della musica. Radio Ciao trasmette le solite canzoni moderne, ironicamente parlando, e il signore distinto riapre bocca per canticchiare a monosillabi: "bo, bo bo bo". Io e un'altra ragazza ci guardiamo sorridendo e cerchiamo a stento di trattenere una risata più fragorosa. La signora con la bambina intanto finisce la visita e va via ed entra la ragazza. Restiamo fuori io, il signore distinto e una signora dal giaccone viola che siede proprio alla sua destra, lei ha i capelli corti ed un'espressione apatica e persa nel vuoto da ormai più d'un ora. Radio Ciao trasmette un tg locale e alla fine il signore distinto riprende di nuovo la parola: "mai che parlassero di lavoro". La signora dal giaccone viola continua a guardare nel vuoto, forse sta pensando all'arrosto o alla cena da preparare, ai figli da sfamare, al marito che torna da lavoro. Allora il signore distinto rincara, stavolta rivolgendosi proprio verso la signora: "parlano di quelli che sò andati in Canada, di quelli che hanno fatto il gemellaggio, di quelli che hanno fatto festa .....e basta". La signora a questo punto si sente coinvolta dallo sguardo del signore distinto che la fissa in attesa di risposta e non può tirarsi indietro a questa conversazione e annuisce con la testa, mentre una parte di sé forse sta ancora pensando alla cena. Il signore allora pensa di aver gettato il seme per una conversazione culturale volta alla salvaguardia dell'economia locale e continua a parlare. La signora che invece sembra più propensa a salvare il suo arrosto si volta verso di lui e dice solo: "infatti". Il signore distinto è ormai partito in quarta, è fatta: "questa valle avrebbe tanto da offrire soprattutto tecnologicamente......", in quel momento si apre la porta del dottore, esce la ragazza, e la signora dal giaccone viola, senza voltarsi neanche verso il signore distinto, si alza di scatto, entra velocemente lasciando il signore con la frase a metà sul suo palchetto immaginario. Il signore rimane di stucco ma fa scivolare il tono della voce, come se in effetti lui avesse veramente finito, non è così, ma è sicuramente meno imbarazzante farlo credere. A stento trattengo una risata. Cosa può l'economia locale contro un'arrosto da preparare?



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: