ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 1 agosto 2008
ultima lettura sabato 11 maggio 2019

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

Bounty KIller cap 2-3

di dragonbeast. Letto 869 volte. Dallo scaffale Pulp

Pubblico un altro capitolo di questa mia folle idea di selvaggio west, se a qualcuno fa' piacere inseriro' anche il resto aspetto commenti, un saluto...

Il deserto e’ uno dei posti migliori al mondo per morire, nessun prete in giro con la sua maledetta misericordia, nessun dottore segaossa, insomma… niente aiuti del cazzo, se devi crepare lo fai e basta senza rompere l’anima al prossimo, ci sono solo coyote ed avvoltoi che aspettano il loro macabro pasto, sono animali pazienti non hanno fretta, sanno che nessuno può fuggire di qui,.. maledetti bastardi!

Ma non sarò certo io il vostro piatto forte oggi.

Mi sono perso questo e’ ovvio o almeno ho perso le tracce del mio uomo, perchè la pista che sto seguendo e’ quella giusta e soprattutto e’ l’unica che attraversa il deserto in questa direzione.

Da lontano scorgo una carovana, la tentazione e’ forte, io sono un assassino e sono affamato , loro magari dei contadini indifesi e pieni di cibo, mi avvicino saluto l’uomo a cassetta e’ sulla quarantina un cappello a tese larghe in testa e un vecchio moschetto in mano, lo alza con fare minaccioso verso di me , da queste parti non sai mai chi puoi incontrare, e loro hanno incontrato un demone disperato , la donna e’ piacente avrà circa la stessa età dell’uomo, mi avvicino barcollante sul mio pezzato bianco grigio, l’uomo urla, minaccia, ma mi prendesse un colpo se capisco una sola parola di quello che dice, sono freesoilers diretti ad ovest, d’istinto estraggo la mia colt e sparo , un buco in fronte e l’uomo e’ stecchito, non so ‘ perchè l’ho fatto… la donna strilla ,strepita ,si dispera ma ho un colpo anche per lei, ora tutto tace.

Mi avvicino al carro in cerca di cibo e d’acqua, i federali penseranno ad una rapina , sempre se ritroveranno il carro ,…diavolo ho fatto male i mie calcoli dietro tra lo scatolame ed il marciume c’e’ un bambino avrà 6 anni… miro anche a lui, ma non sparo, anche i demoni hanno un cuore….

-3-

Questo maledetto deserto non sembra avere una fine, la roccia si contorce su se stessa come un animale in agonia, ora capisco perchè gli indiani lo ritengono un luogo magico , c’e’magia in questo posto ma e’ una magia maledettamente nera.

Mi accampo il moccioso non da’ problemi e’ sveglio, ed ha un modo di guardare fisso negli occhi che mette i brividi, i suoi sono uno nero come il carbone ed uno rosso come l’inferno, strascico di qualche infezione mal curata, i genitori erano dei pezzenti bastardi morti di fame, il destino con lui e’ stato clemente con me farà una vita migliore, non spalerà merda ne mangerà vermi.

Un rumore inatteso… il mio uomo sbuca solitario dal sentiero …incredibile….., non penso si sia accorto che lo stavo seguendo ma se anche fosse l’uomo che lo inseguiva era un maledetto bounty killer non un padre di famiglia con tanto di pargolo in gita nel deserto più schifoso d’america.

Si avvicina ci vede mi cade proprio in bocca il fesso, “salve….non avete nulla da temere sono disarmato… posso avere qualcosa da bere o da magiare?”,

babbeo

“ ma certo… noi andiamo ad ovest siamo freesoilers... anche noi come vede non siamo in cerca di guai”.

Socializziamo due anime che si incontrano in un posto sperduto trovano sempre qualcosa in comune, qualcosa di piacevole che le fa sentire vicine ,e poi se lo ammazzo ora dovro’ trascinarmelo fino alla fine del deserto...,

...mi sembra davvero una buona idea ammazzarlo dopo .

Passano due giorni il bastardo e’ anche simpatico, la sua conversazione piacevole, ma lo farò fuori non appena in vista della primo avamposto civile.

Scende un altra notte, al contrario del giorno c’e’ molto freddo ed umidita’, lo sguardo si perde lontano…vedo fuochi all’orizzonte ci siamo, vado dal bastardo lo sveglio “che c’e’?” mi fa’ assonnato, la mia lama lo sventra, un'altra taglia e’mia, la vita può continuare, dal fondo della notte due occhi uno nero ed uno rosso mi fissano ho i brividi lungo la schiena.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: