ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato martedì 1 luglio 2008
ultima lettura mercoledì 23 ottobre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Sogora Fajo (Capitolo 26)- Parte 1

di Ciaby92. Letto 598 volte. Dallo scaffale Amore

26"Oh ciao Shkollerman!" rispose con voce estremamente gaia Shkein, esuberante e allegro. "è un mio ex" sussurrò a S...

26

"Oh ciao Shkollerman!" rispose con voce estremamente gaia Shkein, esuberante e allegro. "è un mio ex" sussurrò a Sogora, per poi riprendere la chiamata "Ma certo che mi ricordo di te, sciocchino".

Sogora sospirò, sperava fosse Ashuyuki. Una nostalgia invase l'anima fragile della donna.

"Oh mio Dio! Che cosa è successo?" continuò con enfasi Shkein. Doveva trattarsi di una tragedia. "Ma come hai fatto a spezzarti un unghia? Oddio! Chissà che pasticcio sono ora i tuoi piedi"

Sogora, inorridita dalla tragedia indifferente, diede segno di tagliare l'insulsa conversazione. Shkein, dunque, rispettando l'idea dell'amica disse "Devo lasciarti...No, non in quel senso...in quel senso siamo già lasciati...ma...uh...ok...ci sentiamo"

E riattaccò.

"Stiamo aspettando una chiamata importante!" lo rimproverò la giovane donna, mentre giocava con le sue ballerine sotto il tavolo e mentre addentava un altro pezzo di pizza.

"Lo so" sospirò Shkein seviziando l'okonumiyaki con un coltello "é che per noi gay le unghie rotte sono un orrore!"
"E lui ti ha chiamato, spendendo soldi per delle unghie rotte?"

"Sì...è un poco loquace"

Nell'aria un morbido profumo di frittelle invase tutto e tutti, mischiandosi con le flagranze emesse da pizze, okonumiyaki, piadine...quasi come se tutti quegli odori si fossero riuniti e facessero l'amore, un amore splendido, puro, gentile...come quello che rendeva il cuore di Sogora così felice e puerile. Le voci dei clienti nel fast food si sovrapponevano nel medesimo modo, si invaghivano e fuggivano, intrecciandosi in una sorta di danza ovattata.

Di nuovo squillò il telefono. Finalmente fu Ashuyuki, le informazioni erano state ritrovate. Ansia e timore invasero il cuore di Sogora, che non stava più nella pelle ormai da troppo tempo. Un torpore la sconvolse. Shkein lasciò i soldi sul tavolino come paga del pranzo e entrambi uscirono con passo veloce ed affrettato. La gente schizzava sui loro lati ed erano esseri umani così diversi gli uni dagli altri, che Ehbo sembrava tramutarsi in una sfilata di moda. Bastava notare la camminata enfatica ed un poco esoterica di una biondina vestita in modo decisamente poco consono per rendersi conto della situazione. Pochi passi e raggiunsero l'ingresso del centro aggregazione. L'aria puzzava di piscio di gatto e di rifiuti, era totalmente diversa da quella sublime e deliziosa che impregnava quel confortevole fast food di tenerezza.

Sogora, tutt'ad un tratto, prima di entrare si sentì svenire.

La verità l'avrebbe potuta ferire. Profondamente.

La sua emotività si sarebbe spezzata in mille frammenti.



Commenti

pubblicato il 01/07/2008 21.28.19
MichaelJ, ha scritto: 8-I ...non riuscirò a dormire pensando a come finirà... ;-) mi piace la descrizione del ristoro, e questo personaggio misterioso, questa biondina, il "MacGuffin"!

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: