ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 28 giugno 2008
ultima lettura sabato 21 novembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

ti ho permesso

di franz piran. Letto 749 volte. Dallo scaffale Pensieri

ti ho permesso di sognare,mentre i tuoi occhi chiusi senza espressione,mentre il tempo giocava con le illusioni,mentre tu pensavi ai tuoi giorni migli...

ti ho permesso di sognare,

mentre i tuoi occhi chiusi senza espressione,

mentre il tempo giocava con le illusioni,

mentre tu pensavi ai tuoi giorni migliori...

ti ho permesso di giocare,

con le arterie del mio cuore

che tiravi come se fosse un aquilone,

a caccia come un aquila

nell'aria a volteggiar

in cerca del suo padrone...

ti ho permesso di urlare

i tuoi dolori dentro i miei,

le delusioni,

i vecchi amori

mali strani, passioni perverse

in questa vita che fa a gara

con le persone perse..



Commenti

pubblicato il 28/06/2008 17.09.32
LifePhilosofyStyle, ha scritto: hai permesso di... ..hai dimenticato qualcosa o è tutto? permetti ora che la vita,come il vento in autunno spazzi via ogni cattivo o malinconico ricordo affinchè possa gioire in pieno di ogni battito del tuo cuore per la vita! la Tua Vita! No,non parlo da egoista ed il mio nome non è Narciso, so solo che mai un amore ha ucciso! e come Lucio Dalla... ..."caro amico ti scrivo,cosi' mi distraggo un po.." spazia il tuop scrivere in ciò chè sei,in ciò che hai dentro il tuo pugno forte! Chi è forte si ferisce ma di dolore non perisce!
pubblicato il 29/06/2008 11.17.25
volevoessere, ha scritto: quanto mi piace questo poeta!quanto è umano ! continua a NEGARE che la sua penna è dicata a lei-e così per orgoglio ogni volta ripone i suoi lavori nello scaffale sbagliato:che c'entrano pensieri e parole con quel che scrive? lui continua ad ANNEGARE ,pur sapendo nuotare. No Life ,ho come l'impressione che non vorrà sentir parlare di vento d'autunno....perchè la sua nostalgia è come una spada conficcata nel cuore,ferita profonda che non smette mai di sanguinare. Ma sa bene e sappiamo bene tutti che se solo provasse ad estrarre la spada da dov'è,il suo cuore smetterebbe di battere...

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: