ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 14 giugno 2008
ultima lettura sabato 14 settembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

SOLO INCUBI E SILENZI

di charly11. Letto 948 volte. Dallo scaffale Pensieri

ancora un raccinto autobiografico:la mia vita è stata molto intensa, mentre mi avvicini all'occàso della mia vita...

Ho sognato anche stanotte.
Solo incubi allucinanti.
E nessuna parola giunta
alle mie povere orecchie.

I silenzi sono ormai
una consuetudine
per la mia povera vita
abbandonata a sé stessa.

E nessuno comprende
quando sia triste
essere soli
in una guerra perduta.

Non puoi neooure lottare
contro chi non è niente.
Non puoi pinafere
perché sei un uomo.

Puoi solo tacere
esoffrire da solo
pensando ai momenti
più dolci e più belli.

Non supererò mai quei muri
esetti da forze supreme,
anche se la mia forza
sta nell'amore.

E non importa
se lo farò da solo.
Qualcuno mi è vicino
in questo momento.

Lo so ed è l'unica
cosa bella che ho.
Ma non ho altro
avendo perduto l'amore.

Che fare?Che dire?
Tacere soltanto in silenzio.
Un silenzio assordante
fatto solo di incubi.

Ma se un gioeno virrai
io ci sarò.Come sempre.
Vivino e forse un pò afono,
ma sempre vicino.

E non importa neppure
il giudizio su quello che penso.
Non è quello il mio mondo:
appartiene ad altre persone.

Il mio mondo è solo per Lei
e per loro, dolcissime.
E se lei non capirà
continuerà il mio silenzio.

Ma voi che mi capite
e con cui ho parlato
sprecate due righe soltanto
per farmi capire.

Si può perdonare uno sbaglio?
Si può ritornare a capire?
Non so e questo mi rende
terribilmente triste.

Non cercava rime baciate.
Non ho tempo per questo.
Solo il lavoro e la vita
devono i fluire in me.

Ed anche da solo
continuerà la mia guerra,
senza morti né feriti,
ma solo ideali distrutti.



Commenti

pubblicato il 14/06/2008 14.16.36
Reinerart, ha scritto: Quando si perde un amore si crede di essere soli,di non poter vivere,ed è vero, la reazione non avviene'ti lasci andare, ti annienti nella dolcezza di un amore, nei ricordi e nei rimpianti perduti, vedi che non sei solo a soffrire? Allora scrivilio ancora gridalo al cielo e al mondo.non sarai solo.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: