ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 26 maggio 2008
ultima lettura mercoledì 4 dicembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Risveglio

di ireneprandini. Letto 1138 volte. Dallo scaffale Sogni

Sento di avere un gran mal di testa. Sono sdraiata a letto ma non riesco a muovere nessun muscolo volontariamente. Tento di aprire gli occhi ma sembra come se milioni di spilli infuocati cercassero di farli esplodere e, quindi, meglio tenerli chiusi. N...

Sento di avere un gran mal di testa. Sono sdraiata a letto ma non riesco a muovere nessun muscolo volontariamente. Tento di aprire gli occhi ma sembra come se milioni di spilli infuocati cercassero di farli esplodere e, quindi, meglio tenerli chiusi.

Non so se ciò che mi ha svegliata si possa definire più rimorso o paura. Quello che so è che non dovevo fare quello che ho fatto. Ah, se solo lo scoprisse...! Che ne sarebbe della stima, dell'affetto, della fiducia... In un momento tutto crollerebbe come un castello di carte, lasciando solo le macerie.

Mi sono addormentata sperando che, al risveglio, tutto sarebbe scomparso e, invece, gli spettri di Claudia e del suo bambino sembra perfino che stamane mi sorridino beffardi, belli, nei loro vestiti colorati, fermi sulla soglia della mia stanza. Mi tendono addirittura la mano.

-Dai, alzati, noi ti vogliamo bene.- Sembra che dicano, ma io non ci credo, non credo più alle loro parole perchè loro non sono mai esistiti se non nella mia testa, frutto della mia fantasia.

E lui, l'uomo del quale Claudia si è innamorata, invece esiste, eccome se esiste. Ogni tanto vorrei che i ruoli fossero invertiti e che fosse lui ad essere irreale. Sarebbe tutto più semplice, di gran lunga.

Mi sforzo di alzarmi dal letto, anche se la stanza gira vorticosa intorno a me e ignoro le due figure che mi bloccano l'uscita, tanto non sono vere. La cucina è deserta, anche la caffettiera è smontata, in sciopero quasi e non mi resta che decidermi: uscire e affrontare il mondo, oppure rinchiudermi e impazzire.

Decido di uscire... Ora che mi sono svegliata.



Commenti

pubblicato il 26/05/2008 19.42.29
Mario Vecchione , ha scritto: buon esordio, benevenuta!

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: