ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 6 aprile 2008
ultima lettura venerdì 22 marzo 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Sangria

di Reinerart. Letto 891 volte. Dallo scaffale Poesia

Bevemmo,Sangrìa,per l'ultima volta,lo sentimmo amaro,negli occhi e nel cuore,dopo che tu avevi nascosto il tuo seno,al mio sguardo,e nuovi torm...

Bevemmo,Sangrìa,per l'ultima volta,

lo sentimmo amaro,negli occhi e nel cuore,

dopo che tu avevi nascosto il tuo seno,

al mio sguardo,

e nuovi tormenti ti disintegravano l'utero,

ormai sterile di figli e di sensazioni.

Ricordai così,di averti amata intensamente,

di averti strappato al mare e alla sua linfa,

alla terra e alle sue radici,

ad un altro e al suo odio

per rincorrerti,lasciarti,ritrovarti.

Sentimmo,lontano,nelle risonanze,

nenie di Siviglia,

e in queste malìe credetti di riconoscerti,

nell'insieme di materie e cose amorfe,

nei sistemi linfatici del mio corpo pulsante.

Bevemmo Sangrìa,in silenzio,

dopo che tu,avevi lanciato al vento,la tua chitarra,

e nuove sensazioni,velavano i tuoi occhi,

disperatamente fermati da ricordi irreali.



Commenti

pubblicato il 06/04/2008 19.33.09
Leonardo Colombi, ha scritto: Ciao! Uno scritto sicuramente suggestivo il tuo, che si legge volentieri. Di certo non è molto felice nei toni, un po' rassegnato e stanco, a descrivere un passato, un sentimento che ora non c'è più. Andato. Perduto. C'è forse la tendenza alla prosasticità, però ugualmente il testo riesce a colpire. Una pecca comunque è il titolo, secondo me: pensavo di trovare altro...
pubblicato il 06/04/2008 21.31.17
Reinerart, ha scritto: Ciao leonardo innanzitutto pacere di conoscerti,ti ringrazio per il tuo commento,fatto col cuore e le dovute, constatazione critiche,constato che sei un attento lettore con appropriate riflessioni. Sai,io non ricordo il tempo quando ho composto questa poesia, la fine dell'amore narrato, implica angosce incontrollabili,momenti in cui e difficile ricercare le fra si con i toni adatti. Ricordo una cosa la poesia è nata dal titolo,se fosse stato diverso,non sarebbe esistita.ciao e grazie.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: