ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 28 novembre 2007
ultima lettura lunedì 19 ottobre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

La tua aurora per me

di antesputnik. Letto 1052 volte. Dallo scaffale Amore

  La tua aurora per meIl primo lume, debole, incolore, la luce che non è ancora luce, quasi fosse un presagio dell'albore, dalla finestra man a man traluce   e illumina il tuo sonno nella stanza; purtuttavia è con fatica enorme ...

 

La tua aurora per me

Il primo lume, debole, incolore,

la luce che non è ancora luce,

quasi fosse un presagio dell'albore,

dalla finestra man a man traluce

 

e illumina il tuo sonno nella stanza;

purtuttavia è con fatica enorme

e con dispetto della mia anelanza

che, al non più buio, distinguo le tue forme.

 

Lentamente, in secoli d'attesa,

qual all'infante appar l'arrivo dei balocchi,

l'amato tuo bel viso s'appalesa

e dipinge i tuoi tratti nei miei occhi.

 

A man conserte riposi tu tranquilla,

il tuo ritratto perdutamente ammiro

e mentre il mio desire si distilla,

col mio respiro io seguo il tuo respiro.

 

Un duplice miracol dà coraggio:

e mentre ancor nel ciel Venere brilla

del Sole già rifulge il primo raggio,

della mia Bella già s'apre la pupilla.

 

Lo so, son pazzo, ma io lo dico piano:

"a discacciar le tenebre dal mondo

non lo sbocciar dell'astro meridiano,

ma fu il dorato sguardo tuo profondo."

 

Ed or ti volgi un poco trasognata,

ricercan gli occhi tuoi dei miei l'amor,

al collo mio già ti sei abbracciata,

delle tue labbra sfiorar mi fai il sapor.

 

Accoccolata ti sei contro di me,

con la fiducia che provi tu, simplìce,

perché vicine sian le nostre anime,

e poi richiudi gli occhi e sei felice...

 

E in quell'istante il Sol svanì dal Cielo...

Che vi dicevo? la mente mia non erra

e a tutto il Mondo di nunziarlo anelo:

l'oscurità ricadde sulla Terra.

 

L'oscurità che non facea paura

se la tua mano restava nella mia,

nemmeno nella Prova, la più dura,

se nella tua la mia. E così sia.

 

29/4/2007 D 9:00-15:00



Commenti

pubblicato il 07/12/2008 20.19.57
O'SkeZ2006, ha scritto: musicale ed espressiva! bellissima! molto ab ab...

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: