ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 18 novembre 2007
ultima lettura mercoledì 20 novembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

La gioia immensa -10-

di ilbarlengo. Letto 1238 volte. Dallo scaffale Sogni

Via Pasubio era ormai quasi alla fine.-Allora dove vi porto?- sogghignò il tassista.-A Mesiano...- continuò il figuro.-Ma che Mesiano e Mesiano. Si fermi subito per favore- Il tassì inchiodo a due passi dallo stop. -Ma dove vai...?...

Via Pasubio era ormai quasi alla fine.
-Allora dove vi porto?- sogghignò il tassista.
-A Mesiano...- continuò il figuro.
-Ma che Mesiano e Mesiano. Si fermi subito per favore-
Il tassì inchiodo a due passi dallo stop.
-Ma dove vai...?-
-Vattene a fanculo tu- Ed Enrico uscì.
-Ringrazia Dio che non t'ho gia strangolato, perché sono beneducato-
-Ah vabbé...- fece il pazzo figuro finto triste. Poi sorrisone
-Comunque io c'ho questi...- e la sciagura di figuro sventolò in faccia ad Enrico il suo portafoglio ed il suo cellulare.
 Enrico ebbe allora quel classico istante in cui tu sì, potresti
maciullare e squartare con le tue mani chi hai di fronte. O meglio, colui il quale ti ha portato in quello stato di totale esasperazione che lambisce ed occhieggia alla furia omicida che alberga in ognuno di noi. Quel classico stato da "sceriffo di Nottingham che dopo l'ennesima inculata presa per opera di Robin Hood ha la pulsione immonda di strappargli il cuore dal petto con un cucchiaio da zuppa", per intenderci.
"Ma perché proprio il cucchiaio, e non un'ascia per esempio?", risponderebbe il cugino cretino dello sceriffo.
Ma la domanda in quel caso era impropria, perché Enrico non aveva cucchiai con sé.
E poi, il ragassuolo sentiva che doveva prenderlo quel taxi, e mettere da parte, almeno per ora, istinti o pulsioni omicide verso chicchessia.
Dopotutto, c'erano Jenny, Bicio ed Elisa che l'aspettavano a Mesiano. E la macchina adesso come adesso, Enrico non poteva certo andarsela a riprendere.
Senza contare che era in uno ritardo mostruoso...
Meglio sopportare dunque ancora per cinque minuti quel pirla di figuro, e vedere quello che ancora poteva succedere, o subire le ire funeste di Jennifer?
Enrico risalì nel tassì e chiuse la portiera.
-E dammi questi tu...- strappando di mano al ladro di figuro il suo portafoglio ed il suo cellulare.
Dopotutto, stava proprio iniziando a divertirsi...

 -Allora dove vi porto?- sghignazzò quel sempre più stronzo di
tassista.
-A Mesiano a Mesiano...-
-Ok... ah ah....- sgommando ancora e facendo fischiare le ruota subito dopo, ormai sinistra routine, senza neanche guardare se passavano macchine.

"Oddio ma questo è pazzo. Dove cazzo ha rubato la patente, a Forlimpopoli???!!!"

Mentre il poggiamano dal lato di Enrico per poco non si staccò dalla portiera, causa tensione eccessiva.

 Intrapresero la Fricca. "Puah... la strada più lunga di già..."
Il figuro, intanto, si guardava beato il paesaggio fuori dal finestrino.
Enrico prese il cellulare. Un rivoletto di sudore gelido gli tagliò allora la tempia.
"E mo' chi la mette nome con Jennifer?", pensò terrorizzato. Al solo pensiero di ciò che la sua ira avrebbe potuto fargli...
Già s'immaginava un cosmo immenso, nutrito da un'ira furibonda, espandersi a dismisura intorno a lei, prima di creare un pugno gigantesco di pura energia che avrebbe puntato dritto alla testa del povero Enrico.
Ed al grido
-COME HAI OSATO RITARDARE COSI' TANTO E FARMI ASPETTARE SOTTO IL SOLE PER BEN UN'ORA E VENTI A SUDARE COME UN DROMEDARIO??? COME HAI POTUTO MANCARMI COSI' TANTO DI RISPETTO, STOLTO, MASNADIERO, STROOONZZOOOOOOOOOOOOOOO- Quel pugno si sarebbe scagliato contro la testolina del povero Enrico, fracassandogli il cranio.
-NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO- avrebbe allora avuto solo il tempo di dire il povero ragassuolo, prima di affogare negli zampilli del suo sangue caldo che sarebbe uscito intanto a flutti e frangi dalla sua testa in fiamme.
 Ed infatti, quando ebbe il cellulare fra le mani e guardò il display,
Enrico ebbe la definitiva, catastrofica conferma dell'orribile presagio d'un istante prima.
La batteria era scarica...

"NOOOOO!!!! ED ADESSO COME FACCIO AD AVVERTIRE JENNIFER E GLI ALTRI??? SPIRITO DI PEGASUS, ATHENA, AIUTATEMI!!!"

E poi si dice che i cartoni non fanno male... 

ilbarlengo.splinder.com



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: