ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato martedì 30 ottobre 2007
ultima lettura lunedì 25 novembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Fortuna

di vittorio baccelli. Letto 1432 volte. Dallo scaffale Fantascienza

A Lucca Comics[1] (allora si chiamava “Salone dei Comics”), alla fine degli anni ’70 nel corso di un’intervista nella quale gli si chiedeva perché non pubblicasse mai autori italiani e perché le storie di fantasc...

A Lucca Comics[1] (allora si chiamava “Salone dei Comics”), alla fine degli anni ’70 nel corso di un’intervista nella quale gli si chiedeva perché non pubblicasse mai autori italiani e perché le storie di fantascienza non erano mai ambientate in Italia, Carlo Fruttero che all’epoca assieme a Lucentini era curatore d’Urania, per esprimere efficacemente il concetto che la fantascienza italiana mai avrebbe avuto la possibilità di competere con quella americana e, per proclamare una sorta d’incapacità congenita da parte degli scrittori italiani ad essere buoni autori di fantascienza, dichiarò pubblicamente che un disco volante avrebbe plausibilmente potuto atterrare a New York, a Londra, a Pechino, a Mosca, ma a Lucca mai!

Fu così che in risposta a quanto affermato da Fruttero scrissi il racconto “Il furto” ove un disco volante atterrava proprio a Lucca! Questo racconto fu subito pubblicato da Bruno Baccelli su “Re Kong” e su “La rivolta degli straccioni” che allora editavo. Successivamente vide la luce su “L’anima delle cose” (di Baccelli e Bocconi, Tipografica Pistoiese, Pistoia 1980) ed ebbe pure una traduzione in inglese apparsa non ricordo dove.

Venti anni dopo rimaneggiai il testo che assunse il titolo di “Fortuna” e apparve su le mie “Storie di fine millennio” (ed. Prospettiva, 2000 Civitavecchia) ristampate anche dall’OLFA di Ferrara e dal “Progetto Siderurgiko” di Rionero sempre nello stesso anno, e poi trasformate in un e-book ancora scaricabile da diversi siti in rete. Inoltre Fortuna, sempre nel 2000 apparve nella “Antologia di Autori Lucchesi”, edita dalla “Cesare Viviani”e infine nella raccolta “Scaglie Dorate” (Nicola Calabria Editore, Patti 2003).

L’attuale versione, che ho l’ardire di riproporre ancora una volta, è stata da me accuratamente rivista e apparirà su “Fantastica Lucca” di imminente uscita e già prenotabile al portale www.lulu.com

Da ricordare che l’editore PERSEO LIBRI ha pubblicato anni addietro un’antologia di autori italiani di sf dal titolo “A Lucca mai!

FORTUNA

F

ortuna era appena atterrata col suo disco e l'elaboratore iniziò a fornirle le coordinate essenziali.

Man mano che i dati le pervenivano la mutazione procedeva. L'entità vibrante di sesso femminile, chiamata Fortuna, cominciò ad assumere una forma per lei insolita.

Non appena il corpo si fu reso concreto e la sua nuova mente addestrata per quel pianeta che i suoi abitanti chiamano Terra, nazione Italia, città Lucca, zona delle Mura Urbane, data 15 febbraio 2021, l'elaboratore iniziò a provvedere a tutto il resto: microgonna, camicetta trasparente, maxicappotto, guanti, occhiali da sole, stivali con tacco alto, calze a rete, reggiseno anch’esso trasparente, tanga, borsetta completa di portafoglio, carta d'identità, denaro, accendino, sigarette, ecc.

La parte vibrante di Fortuna, rimasta inutilizzata guardava intanto con divertimento la trasformazione di se stessa operata dall'elaboratore.

Ecco, era pronta, mancava solo l'espropriatore, con tutta calma aprì il pacchetto di sigarette (da poco materializzato) n’estrasse una e l'accese; molto probabilmente l'elaboratore incontrava qualche difficoltà nell'organizzare la materializzazione dell'espropriatore. Era comunque contenta che su questo pianeta l'es si potesse tranquillamente mimetizzare con qualche oggetto comune, si ricordava ancora con un divertito imbarazzo quando su Molzx dovette incorporarlo nel proprio apparato sessuale. Infine si materializzò una macchina fotografica giapponese munita di tutti i più sofisticati accessori: era l'es, l'elaboratore ce l'aveva fatta!

Iniziò a passeggiare nel prato, l'erba era umida, un sole modello G.21 riscaldava appena: un barbone sdraiato su una panchina lì vicino strabuzzò gli occhi davanti all’inaspettata apparizione - ne era sicuro, un attimo prima lì non c'era nessuno - e rimase un bel po' a bocca aperta a guardare quello schianto di turista mezza nuda che s'allontanava.

Fortuna prese a sondare il territorio e individuò altri due vibranti ma a più di trenta verev di distanza, regolò allora dal modulo agli apparati di mimetizzazione e s'accertò che non l'avessero individuata.

Terra era, infatti, protetta e solo il personale di controllo poteva scendere, ovviamente senza farsi notare e senza minimamente intervenire, gli abitanti erano tra i pochi sopravvissuti alla caduta del Grande Impero (ma loro non ne erano al corrente), strane entità biologiche, molto intelligenti, ma predatori con un coefficiente di violenza così spaventoso da consigliarne la protezione.

Aveva deciso di non uscire da quel parco, non se la sentiva di affrontare la confusione che regnava intorno, con il territorio infestato da quegli assurdi primitivi mezzi meccanici di locomozione a combustione interna, maleodoranti e rumorosi.

Cominciò dunque ad armeggiare con la macchina fotografica: inquadrò prima una siepe, poi un abete, poi fu la volta di un cestino colmo di rifiuti e alcuni merli che saltellavano su l'erba.

Ad ogni clic!, il soggetto inquadrato silenziosamente svaniva, un bastardissimo cane le venne incontro scodinzolando... clic!... si dissolse nel nulla.

Fu in quel preciso istante che il segnalatore del modulo entrò in funzione in maniera intermittente: - Cazzo! - esclamò in perfetto italiano-terrestre - I controllori m'hanno rilevata!

Si dissolse e rientrò precipitosamente nel disco, conscia che era solo questione di attimi, vibrò attorno ai comandi, rischiando un po' e contravvenendo a tutte le leggi galattiche, si rifugiò istantaneamente nell'iperspazio confondendosi tra le pieghe delle infinite realtà parallele e delle combinazioni temporali. Il segnalatore si disattivò: anche questa volta l'aveva fatta franca.

L'elaboratore iniziò a fornirle tutti i dati dell'ultima operazione: aveva perso solo un millesimo di se stessa (1000,3 per l'esattezza) che era rimasto abbandonato sul pianeta, l'es era stato integralmente recuperato e aveva trattenuto ben 110 soggetti commerciali, in quanto a lei aveva commesso 379 infrazioni che, se individuata, le sarebbero costate il sequestro del disco, il ritiro a vita della licenza di pilotaggio e una multa da capogiro.

Nonostante la fuga precipitosa, l'incursione era andata bene: il valore dei soggetti carpiti dall'es era, al mercato illegale, di ben 7000 crediti...veramente una bella sommetta, poteva finalmente permettersi un modulo dell'ultima generazione.

Intanto il millesimo di sé che era rimasto sulla Terra, privo d'informazioni, staccato dall'elaboratore e, con forti distorsioni nel settore mnemonico, non sapeva proprio che pesci prendere, era però cosciente che doveva trovare una soluzione, e in fretta. Analizzò l'oggetto che aveva dinanzi e modificò la sua struttura fino a divenirne un'identica copia.

La zona fu perlustrata qualche istante dopo da un vibrante che l'attraversò sfrecciando in forma di nebbia: non rilevò niente d'anormale e passò oltre.

Dopo alcune ore giunse una squadra d'addetti ai parchi, poi alcuni impiegati dell'ufficio tecnico comunale.

Mancavano dodici alberi e un’intera siepe, al loro posto c'erano delle buche profonde alcuni metri nel terreno, ma la cosa veramente assurda era la colonna commemorativa in marmo, identica a quella del prato lì vicino, che s'ergeva nel bel mezzo del vialetto.

Dopo aver recintato in tutta fretta la zona, con la scusa dei lavori in corso, dopo alcune riunioni concitate in Comune e in Prefettura, furono prese le seguenti decisioni: copertura delle buche, sostituzione degli alberi e della siepe mancante, sistemazione di un nuovo e meno antiestetico cestino dei rifiuti, modifica del tracciato del vialetto, spostato tra le due colonne.

Tutto fu così sistemato, ma il barbone, che da anni prendeva il sole e dormiva su quella panchina nei pressi della colonna, si trasferì dalla parte opposta delle Mura.

Fortuna intanto, soddisfatta per l'incursione, stava depolarizzandosi al caldo sole di un pianeta alla periferia di un’antica galassia.



[1] [1] Per l’esattezza, è dal 1966 che Lucca ospita manifestazioni sul fumetto. Fino al 1994 la rassegna si chiamava “Salone Internazionale dei Comics” ed era organizzato dal Gruppo immagine (Traini e Comics Art). Dal 1995 il “Salone” si è trasferito a Roma e Lucca è divenuta la sede dell’attuale “Lucca Comics and Games”.



Commenti

pubblicato il 18/03/2015 22.34.07
AleV, ha scritto: Breve ma interessante! Complimenti!

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: