ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 25 ottobre 2007
ultima lettura venerdì 21 febbraio 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Vuoto

di sharpiolina. Letto 1224 volte. Dallo scaffale Filosofia

Ha senso riporre fiducia nel mondo e nelle persone?! A quanto pare noi uomini ci fidiamo degli altri e ci aggrappiamo ad essi, perchè abbiamo un grandissimo bisogno di non sentirci soli.  Ma se non ci riusciamo? Quando non si riesce ad a...

Ha senso riporre fiducia nel mondo e nelle persone?!

A quanto pare noi uomini ci fidiamo degli altri e ci aggrappiamo ad essi, perchè abbiamo un grandissimo bisogno di non sentirci soli.

 Ma se non ci riusciamo?

Quando non si riesce ad aggrapparsi a nessuno si precipita.E c'è qualcuno che dice: " L'uomo solo è un uomo saggio."

Sarà vero?

E la saggezza è giusto che porti tristezza?

Perchè alla fine sentirsi soli non è bello, e si arriva anche ad odiare quello che molti considerano un pregio.



Commenti

pubblicato il 05/02/2008 12.35.03
umbsxx8, ha scritto: il saggio sarà tale solo se nn considererà più la solitudine come fonte di tristezza; in fondo il male recato dall'uomo è maggiore d quello recato dall'assenza di esso
pubblicato il 28/04/2008 10.13.28
SeinUndZeit, ha scritto: mi chiedo se sia universalmente vero che la saggezza porti solitudine, solitamente la solitudine- conseguenza della saggezza pare essere piuttosto qualcosa di ricercato...chi si pensa saggio automaticamente si pone più in alto degli altri giustificando la sua Solitudine col suo essere "alto", diverso ed incompreso...e forse questa attenuante viene usata anche da chi, non saggio, si trova solo, senza persone al suo fianco a sostenerlo...afferma di essere diverso e per questo isolato dagli uomini comuni, normali li chiamerà nel tentativo di apparire Solo perchè troppo diverso dalla massa, ma lo farà con orgoglio. Andando oltre questa prospettiva, vista soprattutto da un punto di vista soggettivo, ritengo importante affermare che ogni essere umano è nato per vivere a contatto con i suoi simili, con quella che è la storia del suo popolo, per crescere, e formarsi come individuo indipendente, ed interagire con il resto della comunità, mai sentito parlare di zoon politikon?

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: