ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 18 ottobre 2007
ultima lettura domenica 27 ottobre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

LA SCALA DELLA SCUOLA

di DOMENICO DE FERRARO. Letto 1245 volte. Dallo scaffale Fiabe

LA SCALA DELLA SCUOLA Vai dove ti porta il cuore diceva un vecchio adagio in fondo a questa strada troverai in mezzo alle nuvole una grande scuola bianca simile ad un tempio . Una scuola frutto d’un antico sogno dalla lunga scala , sospe...

LA SCALA DELLA SCUOLA Vai dove ti porta il cuore diceva un vecchio adagio in fondo a questa strada troverai in mezzo alle nuvole una grande scuola bianca simile ad un tempio . Una scuola frutto d’un antico sogno dalla lunga scala , sospesa nell’aria, dove chi la sale impara tante cose chi la scende diventa un po’ ignorante. Lassù puoi imparare a leggere le parole del vento, il linguaggio degli angeli . In compagnia d’alcuni maestri puoi conoscere ogni cosa che ti piace , matematica ,geografia , l’ arte e la storia di popoli antichi e lontani , usi e costumi sconosciuti . Ogni classe è una casa , una discoteca ,un aula di tribunale un parco giochi , ogni banco su cui poggiare i gomiti ed ascoltare l’ insegnante la sua lezione un morbido cuscino di fiori , ogni seggiola un culla dove rammentare dolci momenti . E mentre fuori piove puoi vedere un papà al lavoro tagliare, inchiodare asse di legno sopra le travi di qualche grattacielo, vendere e comprare qualcosa , discorre di giustizia e civiltà. Oggi in classe nell’ora di lezione di musica è successo una cosa assai strana un birichino burattino e saltato fuori dal libro delle favole dopo aver fatto marameo alla preside e al bidello aver spaventato la maestra con un linguaccia e scappato via scendendo di corsa la lunga scala della scuola insieme a due discoli scolari per andare nell’isola che non c’è dove si dice che puoi diventar sapiente senza studiare nessuna cosa, ma io a questa favola confesso non ci credo .


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: