ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 20 settembre 2007
ultima lettura lunedì 23 novembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

La macchina del tempo

di Giovanni Giuliano. Letto 1703 volte. Dallo scaffale Viaggi

Nicole e' tornata a Fossano,città subalpina per gustare:assaporare le Olimpiadi invernali,attualmente frequenta la Columbia University di New York.Cos...

Nicole e' tornata a Fossano,città subalpina per gustare:assaporare le Olimpiadi invernali,attualmente frequenta la Columbia University di New York.Cosmopolita eccentrica.E' venuta a Fossano dall'AMERICA per studiare la storia del Castello:vasto edificio circondato da mura e torri,spesso anche da una fossa.Edificio nel quale vivevano i signori del tempo.Il ponte non esiste più, ma lei immagina,lo stesso,di salire su di una mastodontica macchina del Tempo presa al MIT di Boston. Collabora alla surreale storia per far apparire diversa la storia del castello della città di suo nonno.Nicole Capriati sta viaggiando col pensiero:si stacca dal reale e atterra nell'immaginario e surreale.Unione cosmica.Subsonica platonica emozione.La macchina del tempo la porterà al 1300.Prima però incontrano alcuni personaggi fantasiosi che si dileguano prima del loro arrivo.In tasca ha il cd di Laura Pausini "From the inside",dal quale sentono "surrender".Ad attenderla c'é Filippo d'Acaja,esterefatto che non sa cosa sia un cd.Orecchia la musica cosmica soave e inebriante della cantante e la porta a vedere l'edificazione delle mura e del castello. Archibugliera,baluardo,barbacane,rivellino,... è la sequenza di termini che Filippo elenca che riguardano il piccolo vocabolario della terminologia militare.Siamo nel 1324,Internet è un'utopia lontana,remota possibilità di dialogare con più soggetti di tutto il pianeta sferico.L'America è lontana,ma resta sempre nel cuore.... Il tempo è la successione illimitata dei fatti o degli eventi umani.L'estensione della durata temporale dipende da Nicole e dal suo modo di programmare la macchina del tempo.Filippo d'Acaja ha ordinato di erigere il castello per chiudere il sistema difensivo della città.Nicole e Filippo stringono amicizia:il loro è un'amore platonico;sequenza sentimentale che delinea beltà e splendezza arrippante.Non vanno oltre un abbraccio.La loro amicizia è un'alternarsi di eventi misteriosi,inafferrabili.Non sappiamo il nome dell'autore del castello,ma doveva trattarsi sicuramente di un tecnico di casa Savoia.Salgono di nuovo sulla macchina del tempo e si recano nel Duemila:non si è trattato di un viaggio breve,un susseguirsi di tempi compresi tra la Rivoluzione d'Ottobre e la caduta del Muro di Berlino.La storia non è finita con il crollo del comunismo:è stato un secolo dai mille volti,che ha visto due guerre mondiali e le aberrazioni dei totalitarismi, il disfacimento di edifici imperiali,profonde trasformazioni economiche e sociali.Eccezionali conquiste tecnologiche.Il viaggio del tempo necessita di una maggiore calibrata riflessione. Ma adesso si recano alle Olimpiadi:maratona di sport invernali.Esse rappresentano tutto il genere umano:alchimia di atleti.Incontrano il filosofo Angelo che li illumina sullo sport d'elite.Filippo è sorpreso nel vedere tanta gente gareggiare.Osserva il pc e rimane esterefatto:che mondo sarebbe senza tecnologia?Parlano in dialetto,senza che nessuno possa capirci niente.....prendono il metrò e vanno a Porta Nuova(rimessa a nuovo per l'evento olimpico).Sequenza cosmorama d'arte umana e sportiva.Connubio tra storia e misticità.Vince l'Italia:entrambi sorridono ed esultano.Incontrano Jenny,americana,e' tutto un susseguirsi di equivoci ,scrosciante sequenza di sentimenti e passione. Vanno nella Vigna ad Asti,assaporano l'uva e il Vino.Supremo,roboante elisir fantasioso.La realtà li fa sentire su di giri,li rende consapevoli dei loro limiti fisici e intellettuali.Ascoltano il cd "Resta in ascolto" di Laura Pausini,musica orecchiabile che parla di sentimenti che naufragano nel mare in tempesta.Soli e infelici assaggiano un Kinder.Corri e vola con la fantasia. Ripartono sulla Ferrari per Torino per gustare lo spirito olimpico:amano lo slittino,sport superbo.Gareggiano in tanti,le loro sfumate ombre si innalzano sul bagliore del cosmo celeste.Assaggiano un Pocket Coffee gusto prelibato,mentre ascoltano la musica e danzano.Capolavoro dell'arte dolciaria e della Pausini.Ondeggiano:camminano senza camminare,vagano col pensiero.Nicole esterna il suo modo di pensare,delineando una dolce simmetria cosmica.Tendente all'infinito.Razionale,sconfinato,inesauribile e incircoscritto spazio geometrico.Le cose astratte non sono percettibili dalla mente umana prescindono dalla concretezza dei fatti:è come muovere uno sciatore sulla pista....Ondeggia per prevalere sugli avversari.Campione olimpico,fulmine:paladino delle libertà fisiche. La Fiat azienda manifatturiera,fautrice della realizzazione estetica: rivoluzionaria.Sta risalendo la china.Sta risorgendo con Schumi e la Ferrari.Che primeggia nel mondo,cittadini dell'universo olimpico. E' sera tutti si recano al Cinema, sperando nel futuro,misterioso domani...


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: