ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 27 giugno 2007
ultima lettura sabato 18 maggio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Il mare che non ti aspetti

di Mayra G Louis. Letto 1143 volte. Dallo scaffale Viaggi

Forse fu allora che, stretta al mio albero, giurai che per tutta la vita avrei inseguito i miei sogni e che alla fine, io e l'albero della mia n...

Forse fu allora che, stretta al mio albero, giurai che per tutta la vita  avrei inseguito i miei sogni e che alla fine, io e l'albero della mia nave, come una cosa sola, li avremmo raggiunti.

Diedi un nome al mio sogno. Lo chiamai il raggiungimento della felicità.

Sognavo di farlo proprio così: stretta al mio albero. Sola, come i vecchi marinai del porto dell’isola di Procida, sarei tornata un dì, anch’io giù al porto. Avrei raccontato la mia storia ai bambini. Una storia  non ancora mai narrata…Innerlight_450x600

Viaggiavo  rincorrendo sempre la curva del mare. Ritornavo in me, verso “casa” seguendo il dito di  mio nonno, che immaginavo continuasse a guidarmi ,tracciando in cielo dei segni, che indicassero la rotta del “ritorno”. I miei unici compagni erano: fede-speranza-carità

Salpai l’ancòra, lasciando dietro di me le spoglie di adolescente.

Attraversai il mare senza conoscerne la vastità

Incontrai la paura di essere sola

Toccai le sponde dei miei limiti

Accolsi come amici  gli spettri dei miei dubbi ed incertezze

Per poi lasciarmi scomparire laggiù, dove i sogni incontrano le balene, oltre la grande curva del mondo…

Un segno di ciò che si preparava, il destino l'aveva lasciato: le  gru e la loro forma in volo mentre si dispongono disegnando in cielo un angolo acuto. Un simbolo, chissà, una lettera greca Y, la lettera di Pitagora…

Teoremi indefiniti da  risolvere. Teorie da incastrare. Vento da ingabbiare nelle vele fin  su la cresta dell’onda… nell’infinità di blu, fra mare e cielo…

Arrivò quel giorno inaspettato. Lasciai la scotta della randa, e l’albero poggiò verso le mede luminose del porto interiore. Quanto tempo era trascorso, non so. Quanto all'invecchiare, il quadrante della mia vita era ritornato indietro. Il viaggio, però, non era ancora finito.

Sentivo il desiderio di ritornare nel luogo in cui tutto era cominciato.

Ormeggiai allo stesso palo di cedro piantato sulla riva all’ombra del mio primo passo.

I marinai raccontano storie meravigliose nei porti. Sono storie di ritorni, di conquiste, di terre lontane, di esplorazioni ai confini del mondo… sotto la tutela immediata del cielo. L’uomo non sa da dove vengano il vento e l’onda, poiché la barca è nelle mani di Dio”.

C’è un mare poco conosciuto, che racconta storie fuori dal comune.
Storie di delfini che si spiaggiano,
di tartarughe ferite, di incontri inattesi,
di squali, pesci luna e megattere.
E’ un mare meno noto, insospettato,

teatro di incontri fra uomini animati da una passione
e inconsueti animali marini.

E’ un mare che non ti aspetti.Marco Affronte



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: