ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.228 ewriters e abbiamo pubblicato 73.029 lavori, che sono stati letti 46.444.615 volte e commentati 54.903 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 24 maggio 2002
ultima lettura venerdì 15 dicembre 2017

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

La leggenda dei giubilei

di Francesco Ristori. Letto 814 volte. Dallo scaffale Fantasia

Vi voglio raccontare una leggenda, una storia che gli uomini hanno creato ma che di sicuro ha alle spalle qualcosa di vero. Ogni Anno Santo in Parad...

Vi voglio raccontare una leggenda, una storia che gli uomini hanno creato ma che di sicuro ha alle spalle qualcosa di vero. Ogni Anno Santo in Paradiso un angelo si prepara a scendere sulla terra per vedere e sperimentare la vita umana ed aiutare più da vicino gli uomini. Esso s'incarna nel corpo di un uomo o di una donna che nasca l'anno successivo nella stagione delle rose, quando la primavera è nel pieno del suo fiorire e l'estate si approssima a grandi passi per venire a scaldare le giornate e i cuori degli uomini. Essi durante la loro esperienza umana, vengono guidati da Dio vicino a coloro che hanno piccoli problemi ma che, proprio a causa di questi problemi, hanno bisogno di aver vicino qualcuno che dia loro sostegno morale e che sia molto molto speciale perchè messaggero celeste. I più sensibili agli influssi angelici si innamorano, i meno sensibili sono comunque sollevati dai loro problemi e, anche se non credono, si mettono a lodare Dio con le parole che secoli fa furono pronunciate dagli angeli a Behetlem : "Gloria a Dio nell'alto dei cieli!" Poi, queste creature, come sono arrivate nella vita delle persone con piccole difficoltà, quando non servono più ad aiutare, se ne vanno per conto loro. E poi vanno in cerca di un altra persona da aiutare, e si allontanano, e ne cercano un altra... fintanto che il Signore non li richiama su. Talvolta, anzi, spesso, capita anche a loro di soffrire e di essere in difficoltà perchè si sentono deboli e insicuri avendo perso temporaneamente alcuni poteri tipici degli angeli e vivendo con inaspettato senso di tormento e solitudine la lontananza da Dio, ma loro continuano ad aiutare gli altri con la loro presenza e in cambio continuano a chiedere soltanto un sorriso che aiuti a superare le proprie sofferenze.


Commenti


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: