ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 23 maggio 2007
ultima lettura giovedì 21 febbraio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Il rito della danza edel fuoco

di Mayra G Louis. Letto 965 volte. Dallo scaffale Viaggi

Novecento metri d'altezza non sono tanti, si respira appena l'aria di montagna. Si è spettatori di spettacoli, visioni dall'alto delle cose. Una visio...

Novecento metri d'altezza non sono tanti, si respira appena l'aria di montagna. Si è spettatori di spettacoli, visioni dall'alto delle cose. Una visione di un paesino e dell'immensità che lo circonda come in un abbraccio, un'insieme che fa sentire piccoli davanti a quella vastità. Un granello dell'Universo, intimamente parte di esso...Arcinazzo era il nostro rifugio, sopratutto in autunno. Si raccoglievano castagne stese su letti di foglie, ci si scaldava stretti in quella piccola casa, alla sera, dove veniva consumato il rito della danza del fuoco. Sono pochi i ricordi che mi solleticano la mente di emozioni ancora forti legate alla mia famiglia d'origine, ancora unita...e questo ne è una perla rara. Mio padre era maestro nell'accendere il fuoco, ed io, mia madre e mia sorella lo guardavamo in silenzio, lasciando parlare i nostri occhi carichi d'ammirazione. Si restava a guardare il fuoco languire, poi si buttava un legnetto alla volta, ognuno di noi. Il silenzio era più forte, affascinati da quello spettacolo, si osservava la danza delle fiamme che ondeggiavano fra la legna. Il fuoco che cresceva, sempre di più, prendeva forza, irruente, inarrestabile, e quando era padrone della scena, ne era il detentore supremo. per un pò... poi si cominciavano ad intravedere dei punti dove la fiamma calava: il declino era iniziato. Cedimenti sempre più numerosi, che lasciavano spazio man mano alla brace, caldissima, meno appariscente, meno dispersiva, ma con un calore più concentrato, più intenso, più profondo. Mio padre una volta ci disse:questa danza raprresenta il ciclo della vita! Così, pian piano, ogni volta che mi accingevo ad accendere il fuoco, ad esserne testimone spettatrice, imparavo a prendere confidenza con quella legge universale, senza averne più paura..."quello che vivi davanti al camino lo ritrovi nella vita- diceva mio padre- nei rapporti umani, nelle attività, negli entusiasmi per le cose, per le idee, per le persone, la vita è il valore più importante, ha un suo ciclo, ed ogni fase del suo ciclo ha le sue caratteristiche, positive e negative. Ogni fase è un'evoluzione della precedente, non puoi far nulla per modificarle, solo essere in sintonia ed armonia con quella in corso. Questo richiede elasticità, ciò che ti permette di vivere meglio perchè ti permette di coglierne più i lati positivi...In questa continua evoluzione, la vita continua, e dalla vita viene la vita, e dalla fine della vita viene ancora altra vita..e quando la vita sembra finita, quello che resta è ancora base indispensabile per altra vita.. Ricorda sempre: quello che conta è COME rispetto a COSA vivi, sei tu a decidere la qualità della tua vita, sempre!


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: