ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 23 maggio 2007
ultima lettura lunedì 9 settembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Occhi da Scartare

di Mayra G Louis. Letto 1103 volte. Dallo scaffale Fantasia

I miei occhi nella distanza del domani, fisso lì il mio sguardo immobile. Trepida l'attesa e grida alla luna di fare presto spazio al levarsi del sole...

I miei occhi nella distanza del domani, fisso lì il mio sguardo immobile. Trepida l'attesa e grida alla luna di fare presto spazio al levarsi del sole, che solleverà energie, persone, in movimento verso una nuova meta. Sgomito al buio, nel silenzio delle voci, mentre dentro c'è un frastuono che si annoda forte in gola. Presto sarà Natale-penso tra me e me-un altro Natale da vivere. C'è smania nelle mie frasi, nei movimenti che girano in tondo alla rinfusa, nel cercare in "cassetti" e non trovare. C'è un albero da addobbare.Un significato da capire. Un senso da dare. Persone care da accogliere. Un cuore da aprire. Una magia da creare. Un credo da ascoltare. Brucia così veloce il tempo. In quella notte si regalano istantanee da incorniciare ai ricordi, attimi custoditi nei meandri della memoria, impressi sulle pareti del cuore. Una notte che nel tempo di 33 anni, non ha più quel luccichio, quella luce,che s'accendeva nei miei occhi di bambina. Brillava , come per incanto, il mio volto. Gli occhi si spalancavano di meraviglia nell'attimo in cui si avverava l'evento:la venuta di Babbo Natale! Una favola che mio nonno metteva in scena, diventando il mio Babbo Natale! Come un rito,mi teneva sulle ginocchia,per vedermi scartare i regali; con amore e dedizione, poi, mi raccontava storie, fiabe, impresse come un'incisione, rimarcate, anno dopo anno che crescevo. Un'icona da portare dentro, insieme a quel sacco di regali che aveva prolungamenti, parole mai prive di significato, scatole ripiene di grandi valori da appendere, di volta in volta, al mio albero della vita. Fu indimenticabile quel Natale. Intenta a scoprire chi c'era sotto quella barba bianca, riconobbi subito il suo volto! Lui mi strinse tra le braccia, mi guardò negli occhi e disse: Sei tu il mio Natale! La luce che sprigionano i tuoi occhi, è il più bel dono da scartare! Ogni volta che difenderai l'amore per la vita, che sarai strumento del prossimo,nel rispetto della verità, della giustizia, se saprai donare. anche un sorriso, ricorda, quel dì, è Natale!


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: