ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 23 maggio 2007
ultima lettura sabato 10 agosto 2019

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

Interno Notte

di Rossogeranio. Letto 1175 volte. Dallo scaffale Fantasia

Interno Notte Dissolvenza in apertura: Grand Hotel Royal. Trailer. In un notturno buio e tempestoso, rimango seduta sulla poltrona girevole del...

Interno Notte Dissolvenza in apertura: Grand Hotel Royal. Trailer. In un notturno buio e tempestoso, rimango seduta sulla poltrona girevole del mio ufficio, introducendo un pensiero diabolico e malizioso. L’inquadratura in campo medio a configurare uno spezzone di trivialità in bianco e nero, scandito come un filmato fantastico e suggestivo. Un racconto girato dall’occhio della mente. Cade un fulmine visibile attraverso la persiana. La mia versione implacabile, compromessa dall’alcool e dall’affascinamento per le perverse ed elastiche contorsioni, mi appanna completamente la prospettiva dell’indugio. Dietro la cinepresa di un’epoca farisea di scambi superficiali in libagioni sessuali, l’approccio visivo indossa facce, tegumenti e sensazioni che si riconducono sempre ad un carosello di angolature ardite. Un mondo di luci ed ombre in movimento Un’altra saetta spigola sul mio davanzale. Sullo schiocco ha inizio una contemporanea di sequenze. Sono sul cuore trafitto da due lance e la maniacalità sgancia il tridente diabolico di una strategia olocaustica e voluttuosa. I rivoletti di liquido meningeo rimangono copiosi fra i fragorosi fiumi celebrali ed avvicinarmi ad una nuova esperienza stimolante, è un azzardo sospettato. L’atomismo sensuale mi proietta in un dejà vu scomposto in ripartizione circolare. L’astratta illusione che credo e so, siano ordinati, quindi scomponibili. Riproducibili in sequenza umana. Esorcizzare la creatività ingiustificata in me medesima. La fosforescenza dell’ascensore mi conduce al piano attico. Abbraccio la telecamera. La vista è screziata di luce al neon e crea un disegno di schegge aperte. Una visione a tela di ragno contro pareti di liscio cemento. La ragazza ha la carnagione chiara, come una cascata fresca di montagna. Accompagna questi uomini bombati, che popolano la Suite da 1,500 Euro a notte, la migliore della città. Un fermo immagine in Panavision, singolarmente bello. Il Manager è vestito in gessato nero, con tanto di cravatta in tinta, alto più di 1,85. Sta bevendo dell’acqua Perrier direttamente dalla bottiglia. Un giovane marocchino dalla pelle ambrata, tamburella con le dita sullo scrittoio. Ha una chioma folta di capelli che gli arrivano al colletto della camicia di seta. Indossa jeans stretti, stivali texani ed un giubbottino di pelle scolorita. Al collo porta una sciarpa tetra. Un terzo uomo, d’età matura, con le guance incavate e ingrigite da un accenno di barba trascurata, annusa un grosso sigaro cubano. Inquadro un paio di mocassini lustri ed un appariscente anello intagliato con pietra scura e lucida. Lei è tatuata da una guaina aderente nera, come una stele a macchia d’inchiostro. Le braccia scoperte sono avviluppate da nastri di luce sfilacciata che filtrano tra le crepe delle tende in shantung. Vernice fosca che strappa i buchi della mia retina, in minuscoli frammenti optical. Intarsi di lama affilata. Si moltiplicano fili e nervi nel mio cervello, intricati senza sollievo né remissione. Come squarci sottili al centro del mirino, rimango con le unghie conficcate nell’impugnatura morbida dello strumento ottico. C’e’ un chiarore accigliato, come se la lampada del proiettore fosse uscita dal suo alloggiamento. La luce si contrae in una sfera poi in un punto luminoso. Scompare. Sono sul campo visivo. Il neon lampeggia, poi si spegne. Interno Notte. L’ambientazione è una vasta sala, con una locazione interrotta. Le veneziane grigio perla che vanno dal pavimento al soffitto e la moquette nella stessa tinta. Il mobile bar in onice di metallo cromato, i divani di pelle color ebano. Improvvisamente l’obiettivo è invaso da una tormenta di pois infinitesimali, per poi tornare preciso. Stacco immagine. Sono tutti nudi. Lei è adagiata sul pavimento, con le braccia lievemente discoste dal corpo. Mette in evidenza le natiche rotonde e rende prominenti i fianchi. Gli uomini celano una maschera sul volto. Sono corpi massicci avvolti in enormi stringhe di cuoio che ringhiano incrociandosi. Costumi luccicanti da borchie argentee e cerniere. I respiri risultano staccati. Nell’effetto chiaroscuro i personaggi sembrano godere delle loro nudità. Le hanno chiare in mente. Il ruotare pastoso attorno a se stesse. I genitali ignorati sino a questo momento si risvegliano. Sotto la cintura compaiono ampie aperture triangolari, con rigide verghe carnose che spuntano dalla macchia scura e spessa di peli riccioluti. Si stanno schierando intorno alla giovane donna, scrutandole le parti intime tra le gambe. Si toccano e palpano il membro, continuando la baldoria lenta, in un circolo vizioso in progressione. Come un accumulatore a distanza, l’intercapedine è alimentata dai miei occhi stretti in un pertugio d’illusione. Gli scorpioni irritati, snodano una danza in cerchio a quel tenero corpo ancora in sboccio, gli orifizi non avvezzi alle invasioni. Il viavai diventa sempre più frenetico, i gemiti più sonori. Il rumore arcaico, che prima era silente sta cercando di sentire i loro corpi per sconfinare nell’urlo. Lei rimane immobile ad accarezzarsi la propria pelle luminosa. Nessuno sembra prestarle attenzione materiale. Pone le mani sotto i seni rotondi e nivei nell’atto di sollevarli per metterli alla portata della lingua, ignorandone l’impraticabilità. Grazie a quel movimento la figura appare piu’ slanciata, i muscoli si dispongono diversamente. Le natiche si arrotondano e si stringono e le si forma una fossetta sul fianco, nel punto dove si snoda la coscia. La lingua non arriva a raggiungere i capezzoli, ma lei continua a tirarla dentro e fuori. Rigida, appuntita. Inizia a bramire guardandosi il petto, spremendosi i bottoni floridi, oramai aguzzati. Uno degli uomini le afferra i polsi roventi di battito forte e regolare. L’altro con un salto felino si attacca al suo dorso in modo così stretto che il suo membro scompare tra le dune bianche e prominenti. Come se il solco fosse un astuccio fatto su misura. Le applique ai muri danzano nascoste dietro i paralumi in stile Impero. Le braccia del terzo la cinge per la vita, conficcando il suo mento barbuto tra la scanalatura delle scapole. Le toglie le mani dai seni per portarle a flagellarsi nella vulva palpitante. Gli amplessi si fanno sempre più stretti. La camera si accende di gemiti, di grida soffocate, di sospiri, di rantoli, di lamenti. I corpi sudati rilucono al bagliore dei lampi artificiali. Non un nodo, ma il legamento di carne con più teste e più braccia. Un lombrico dalla linea perfetta nella miscela esotica di questo pulp pancromatico in bianco e nero. L’accoppiamento multiplo in un’alcova colore della brace. Esclamazioni, spasimi, mentre i cumuli si accavallano, si rotolano, si sollevano in nuove contorsioni. Un copioso fiotto di filamenti liquidi veloci. Esplosioni d’iridi nel sovvertire le scale dei vari colori. Messa a fuoco. I tentacoli spingono nel mio bulbo di vetro, per cercare una porta, lo spiraglio per sfondare il complesso. Scariche di energia statica crepitano sotto i rialzi dei miei tacchi e corrono in promozioni di scintille, brandendo la scena. L’ansia ludica è un reboante batticuore d’anticipazione nel montare e rimontare le forme tonde in una miriade di figure scintillanti. Il foglio di celluloide gocciola e langue per ingrassarsi della Passione altrui. Si avverte la massa interiora intrappolata tra le gambe nel lavorio dei circuiti sottili, infervorati e intrecciati tra loro. Un’inquadratura sensuale nel peso della massa informe di ventri e pubi, l’insistenza delle propaggini con le quali esplorare i tessuti. Dissolvenza in nero. Piomba su di me un cono d’ombra. Il silenzio perituro che si contrae, strappato dal potente grido nel punto culminante dell’appagamento. Le parole oscene, dopo la tensione, si diradano poco a poco, tornando selvagge ma misurate, bisognose di sciogliersi in risa pudiche di un fotogramma ristabilito. Si allargano, si restringono come un muscolo di polpa vivace, aderente ad una pigna di luce. Con l’atemporalità, l’illusione, l’effetto speciale che seduce. La morsa che sconvolge in un afflato questo effetto instabile e folle, che traina il proprio mezzo fuggevole sulla membrana invisibile della pellicola. Sono ad un passo dall’irruzione, la sto sfiorando con la punta del mio muscolo cardiaco. Ma improvvisamente sfugge, scappa lontano a tornire ancora il quadrante dal perigeo alla terra. L’emulsione fotosensibile spugnosa, disegna nuovi schizzi in matrice di gelatina. Il morbo onirico smette di gemere. Non finisco mai di rinascere e morire. Il lembi di stoffa candida tremano intorno alle mie gambe scoperte. La gamma dinamica che pascolo nelle mie viscere è la sagoma in fusione sulle membra oramai aride. Nessuno mi risponde. Oramai posso vedere tutto. Il senso come una profondità di campo, la latitudine di posa. Il grande anfratto sprecato e spremuto, esente dalle leggi digitali nel complesso storage del nuovo amplesso. Ho infranto le porte dei Regni per entrare nella voragine del pathos. L’audacia indefessa che si ottiene solo intagliando l’anima sul filo della squama in celluloide. La deriva dell’immaginario raccoglie un nastro sincopato che racconta in maniera digressiva le emozioni che vi hanno preso parte. Il poliestere in cellulosa è nel mio corpo che si adora, l’auriga che segnerà la strada per la mia fine e l’estrema guarigione. Il colpo allucinatorio del flashback della prossima esecuzione. Nell’arresto simbolico del mio controcampo, la metafora nel montaggio è perfetta. Ad un’ora dall’aurora, le cappe lordose della luna ritagliano una flebile fiamma nel tempo reale di una diversa panoramica. Dissolvenza in apertura. La luce cruda della clessidra del sole, spacca la sovrimpressione con una linea nitida e verticale. Torno al primo piano d’origine. Sprofondata nella poltrona ergonomica del mio ufficio, sgancio ogni repertorio del dubbio. Premuta contro l’enorme schienale, strizzo gli occhi contro la luce greggia della telecamera. Al Grand Hotel Royal, inizia un nuovo giorno. Ciak. Si gira.


Commenti

pubblicato il 23/05/2007 14.43.25
dawoR (k), ha scritto: nelle tue mani anche lo squallore si trasforma in arte :) dawoR***
pubblicato il 24/05/2007 0.11.36
dawoR (k), ha scritto: *** o forse volevo dire della sensazione che al di là del buio possa esserci qualcuno o qualcosa ad ascoltarmi,o che possa esserci tu come una stella,il cui unico tempo è quello in cui si può vedere :) dawoR***

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: