ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 26 marzo 2007
ultima lettura sabato 16 marzo 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

tutto il resto signif crescere

di nox. Letto 713 volte. Dallo scaffale Pensieri

Ho sempre affermato di non temer la morte perchè essa è scritta in noi dal momento in cui nasciamo, perchè è inevitabile, perchè è la cosa più norma...

Ho sempre affermato di non temer la morte perchè essa è scritta in noi dal momento in cui nasciamo, perchè è inevitabile, perchè è la cosa più normale che io possa immaginare, non sono mai stata capace di soffrire per essa, non ho mai pianto al funerale delle persone amate (ed io sono una di quelle persone che piange tanto anche per una sciocchezza), anzi ho sempre pensato ad altro, distraendomi da tanta disperazione attorno…non ho mai capito a pieno il senso di tutta quella gente in lacrime quando ero piuttosto io quella che ci si sarebbe aspettato si fosse strappata di testa i capelli e che invece restava impassibile, estranea a quel baraccone di ben esibito dolore. Non è stata dunque la morte la causa della mia sofferenza. Sono stata io. Io il mio coltello. Puntato dritto nel cuore. Non si dovrebbe aver paura della morte piu di quanto ne si ha di se stessi… La mente è un ottimo architetto nel creare desolate prigioni. In realtà la mia poi tanto desolata non lo è stata, ho avuto a lungo ombre e fantasmi per compagnia. A regnare su tutti era il senso di colpa. Grande, potente, dominatore. Per tutto il NON della mia vita. Ho visto per anni ciò che NON era stato. Mi sono data colpe anche laddove in verità NON ce n’erano. ho odiato amando la mia stessa sofferenza. L’ho detestata desiderandola. Ho pianto. Si. Infine ho pianto. E tanto. Nel modo più grossolano. Non è stata dunque la morte. Sono stata io. Il mio coltello.


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: