ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 4 gennaio 2007
ultima lettura martedì 27 ottobre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Bile!

di Ciro Ascione. Letto 820 volte. Dallo scaffale Generico

Ieri sera sono arrivato a casa con un leggero mal di testa dovuto a (in ordine non crescente d'influenza)tabacco/stanchezza/freddone preso mentre aspe...

Ieri sera sono arrivato a casa con un leggero mal di testa dovuto a (in ordine non crescente d'influenza)tabacco/stanchezza/freddone preso mentre aspettavo il Cinisello che è in ritardo pure di notte che non c'è traffico. Entro in casa, vado in bagno mi tolgo le scarpe mi metto le pantofole e faccio uno squillo sul cellulare di Graziella. Spento, lo sapevo, glielo avevo detto io di spegnerlo ma alla fine l'ho fatto lo stesso in modo tale che domani mattina (stamattina) appena accendeva sapeva che ero arrivato a casa più o meno verso l'ora prevista. Fatto ciò vado in camera mia mi metto il pigiama e penso: “Adesso mi bevo un po' di latte, mi lavo i denti e mi metto a dormire”(nel frattempo il mal di testa si manteneva leggero). Vado in cucina e noto che c'è la tavola apparecchiata per una persona, una padella con delle orecchiette coi broccoletti.... mio padre arriva a casa verso le 6:30 del mattino vuoi vedere che....? Torno in camera mia metto il cellulare il carica, accendo e... (BIP BIP) (BIP BIP) (BIP BIP) (BIP BIP) (BIP BIP) (BIP BIP) 6 messaggi ricevuti del tipo ti ho chiamato alle ore XXX e sono XXX di cui 3 Papà Lavoro, 2 Casa e l'ultimo Rita Cell in una fascia oraria che va dalle 19,50 alle 20:30 (poi inizia un posto al sole e mia madre si scorda tutto!) BILE! In pratica mia madre, che si lamenta sempre che non l'ascolto ancora una volta non ha dato il buon esempio e quando ieri le ho detto (3 volte perchè la conosco) che non avrei cenato a casa si è fatta bellamente gli affari suoi e oggi (ieri) non lo sapeva o se ne era dimenticata. Visto che ormai il sapore di bile mi avrebbe guastato il sapore del latte decido di passare al lavaggio dei denti. Vado in bagno e.... BILE! E' finito il dentifricio (ed io mi chiedo che cazzo ha fatto tutto il giorno a casa mio padre visto che si lamenta sempre che io e mia sorella non facciamo nulla ma lui non è che dia il buon esempio pari cum paribus aggregantur chi si somiglia si piglia) Ritorno in camera mia e mi metto a letto. Descrizione camera: Buio, due orologi che da anni segnano il tempo con il loro ticchettio, un ragazzo con l'alito di fogna rannicchiato nel letto gelido. Come al solito prima di addormentarmi faccio partire il defrag delle cose che ho fatto durante la giornata (dura circa una mezz'oretta non ho mai molto da sistemare). Parte ma.... ERRORE L'applicazione mal di testa sta utilizzando la risorsa. Vuoi far ripartire il defrag? SI! BILE! Dopo dieci tentativi di avvio la situazione è questa: Buio, ragazzo con alito di fogna disteso nel letto e due fastidiosi orologi che segnano il tempo ed il mal di testa ne frattempo ha impegnato il 50% delle risorse del sistema tic tac tic tac tic tac tic tac tic tac tic tac tic tac tic tac tic tac tic tac tic tac tic tac tic tac tic tac Decido di ricorrere ai farmaci. Vado in bagno, apro il mobiletto dei medicinali e mi metto a cercare qualcosa che possa essere utile alla causa. BILE! Non trovo nulla. Visto tutta la bile accumulata decido di farmi una camomilla e riprovare a dormire. Fatto. Ritorno in camera. Descrizione: Buio, ragazzo con alito di fogna, camomilla e bile di nuovo rannicchiato nel letto di nuovo gelido, due fastidiosi orologi che fanno casino ed il mal di testa nel frattempo ha impegnato tutte le risorse del sistema. TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC Non ce la facciò più mi metto a giocare con l'interruttore della luce sopra il mio letto CLICK accesa CLICK spenta CLICK accesa CLICK spenta CLICK accesa CLICK spenta CLICK accesa CLICK spenta Il mal di testa non vuole proprio rilasciare le risorse. Il giochino va avanti un bel po' fino a quando decido (graze alla bile ed al poco sonno che non sono certo buone consigliere) che e il momento di andare in camera di mia madre.... accendo la luce e: "PORCAPUTTANA MA COME CAZZO E' CHE ABBIAMO TUTTI I TIPI DI FARMACI, LE GARZINE, I CEROTTI E CHISSA' CHE ALTRO MA NON ABBIAMO UN CAZZO PER IL MAL DI TESTA! E DIRE CHE LAVORI IN UN OSPEDALE!" (come sono fine!) Mia madre senza scomporsi: "Chiedilo a tua sorella" Io: "MA COSE LA CHIEDO CHE SONO LE 5 DEL MATTINO E DOMANI DEVO ANDARE IN UNIVERSITA' FRA 3 ORE MI DEVO ALZARE COSE LE CHIEDO? NON C'È NIENTE E BASTA!" Mia madre senza scomporsi: "Chiedilo a tua sorella e ringraziala perchè è lei che si prende le bustine di AULIN come se fossero acqua fresca" Poi torna a dormire. Io torno in camera mia ringraziando, fra me e me, mia sorella ed il signore cantandone le lodi. BILE,BILE, BILE L'ultimo rumore che mi ricordo è mio padre che apre la porta di casa. MI sono alzato alle dieci per un antico istinto aminale. Ho fatto quello che dovevo fare. ho mandato un sms a Simone e sono tornato a dormire (fino alle 13).


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: