ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 13 agosto 2006
ultima lettura sabato 28 settembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

SCRITTO SULLA SABBIA

di DOMENICO DE FERRARO. Letto 1440 volte. Dallo scaffale Sogni

SCRITTO SULLA SABBIA Mare d’estate, bianche vele lo solcano rade vanno verso l’orizzonte come un sogno rapito dalle mani del loro creatore. ...

SCRITTO SULLA SABBIA Mare d’estate, bianche vele lo solcano rade vanno verso l’orizzonte come un sogno rapito dalle mani del loro creatore. Risuona il senso perduto delle cose alla ricerca di diverse canzoni. La gente si raduna in riva al mare concerti impazzano in ogni luogo. Amori giovanili, gialli, rossi come cocomeri ragazzini sui motorini comete nel traffico venditori di granite dialogano con gli angeli del paradiso le loro umili disgrazie d’ogni giorno. Barche , donne canotto donne a tribordo , donne dipinte abbronzate bionde e brune risuona l’eco cocco bello. La spiaggia affollata un po’ d’ombra costa una fortuna. Una bibita all’arancia, il mare una vasca da bagno Il nonno e il nipotino a costruire castelli di sabbia lui che per una vita ha fatto il geometra adesso in pensione non sa come fare per far reggere in piedi quel maniero di sabbia. Le strade deserte nel tardo meriggio un lieve zefiro una salvezza . Il lungo treno delle vacanze partito in ritardo scende sale và chi mai lo fermerà verso quale luogo ci porterà. Alla stazione sono tanti armati fino ai denti pronti a partire per un’avventurosa vacanza un briciolo di nonsenso ricompensa ai tanti grigi giorni del gelido inverno trascorso. Un bimbo e la sua ciambella Un bagnino e la sua bella Un bagnante e la sua lagna sorda risuona per tutta la spiaggia .


Commenti

pubblicato il 22/08/2006 23.58.09
Leonardo Colombi, ha scritto: Ciao! Ho letto questa tua descrizione in versi di una giornata al mare, una fotografia che hai voluto regalarci dei tanti personaggi che popolano le nostre spiagge. Di sicuro non hai dimenticato nulla e nessuno, ironizzando anche su alcune umane situazioni (il nonno geometra su tutto) però, personalmente, mi sembra che ci sia poco collante tra i versi, come se fosse tutto un susseguirsi di frasi senza uno scopo o un messaggio preciso da definire. Non so...a me ha fatto questa impressione.. A rileggerti, comunque!

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: