ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 3 marzo 2006
ultima lettura martedì 7 aprile 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

milano

di ernesto coliego. Letto 1753 volte. Dallo scaffale Pensieri

esiste una milano fatta di sangue e asfalto, fatta di paraurti rotti, atttaccati con lo sputo, esiste una milano di parole grosse che volano nella not...

esiste una milano fatta di sangue e asfalto, fatta di paraurti rotti, atttaccati con lo sputo, esiste una milano di parole grosse che volano nella notte, di paure forti e odori di aliti rancidi di birra. esiste una milano che ha bevuto troppo una milano di espedienti, esite una milano di notte dove ci si incontra ma soprattutto ci si scontra. esitste una milano che se ne va, una milano che ritorna. esiste una milano fatta di occhi fissi di sfida di galli grossi e di galli finti. esiste una milano che minaccia, che si azzuffa in cui la legge è lo spauracchio più grande, esiste una milano dei giochi e dei contro giochi delle provocazioni, delle notti dure dove solo a muso duro si capiscono le cose. esiste una milano in cui un furgone rotto parte alla seconda macchina che passa. esiste una milano che si schernisce, che si sfotte, che manca, che si mangia. esiste anche la milano che è una striscia di troppo, l’ultima, di una targa presa di una targa persa dove cento duecento euro si fanno facili con una assicurazione. esite una milano delle troppe birre una milano che risolve le cose ad un bar in un bar a volte a parole a volte col cric. esiste una milano dove mille baci su una portiera non bastano ad intenerire un fattone. esiste una milano dove ci fa grossi ci si sfida perché il primo che alza le mani non le prende ma ci perde… questa è la mia milano delle notti dure che avevo scordato, un'altra milano.


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: