ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 7 marzo 2002
ultima lettura venerdì 29 maggio 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Appress' 'u festivàl

di ArdiCore*. Letto 1134 volte. Dallo scaffale Attualita

Appress' 'u festivàl(cronaca di sette minuti passati davanti alla tv)Quel giorno odiai Mughini col suo timbro mono-corda ...

Appress' 'u festivàl
(cronaca di sette minuti passati davanti alla tv)

Quel giorno odiai Mughini col suo timbro mono-corda che se la poteva
scegliere migliore, la corda, ed impiccarsi. Eppure mi era stato sempre
simpatico. Ma quel giorno no. E da allora mai più. Se un giorno il Dolce
Ferrara mi eleggerà a suo vassallo chiederò di decapitarlo. Ma vi
racconto la storia: era l'anno duemilaedue e si svolgeva in Italia una
manifestazione sonora e canora detta di San Remo (evidentemente una
manifestazione anti-fascista, altrimenti l'avrebbero chiamata San Romolo
o San Romano, che sarebbe stato meglio ma vabbé), che era una ciliegina
sulla torta dell'apprendista televisione di regime ma che, siccome faceva
sempre più schifo, se la vedevano tutti e per farla vedere a proprio
tutti pensarono al dopo festival, un posto dove c'erano i
quantosiamobravi ed i quantosietecoglioni.
Quella sera c'era Mughini, cerniera fra le parti. E c'erano nella folla
ivi convenuta tre giornalisti di marca e un manipolo di minigiornalisti
delle radio private di benedizione statale e dj. I tre giornalisti di
marca erano - evidentemente - intelligenti. Intellettuali, dicevano loro,
mentre mi chiedevo chi sono i non intellettuali (le piante, forse?). Ad
un certo punto una dei giornalisti (l'unica femmina da Marinella) disse
che Fiordaliso era un escremento di cantante, o su per giù di lì. Apriti
cielo e terra con superbuonisti a difendere questa vittima. Ed io pure la
difendevo: che vabbè una ti può fare pure schifo ma tu mica lo puoi dire.
Poi è intervenuto un tizio strano, che non ricordo come si chiama e ha
detto prima che ci vuole la giuria di qualità e poi ha detto: "a
Fiordali' ma tu quanto minchia di dischi hai venduto".
Io c'ho avuto un attimo di titubanza e mi sono detto e che ciondolino
ascolto io, il suono dell'acqua che bolle? Sarà di qualità la musica che
si vende di più? Sarà merdolina vinilizzata quella che ascolto io? E se
così è che cazzo c'ha fatto Marco Masini e - udite rammentate ed udite -
Max Pezzali in cima alla classifica?
La risposta a tutto ciò, per il momento, è: bho.
Ma da allora ascolto solo i Luna Pop e le Lolli Pop. E mangio Pop corn
mentre mi vedo i film di Vanzina.
E Mughini?, direte voi!, bhe Mughini s'è dissociato da certo giornalismo
fatto di domande a cazzo e ha detto tante cose e ha fatto capire che il
giornalista non deve avere l'occhio asettico, "l'occhio da pesce lesso",
diceva Costanzo, ma quando parla non deve solo creare corrente,
altrimenti con tutti i giornalisti che ci sono, facciamo corrente e ci
viene il mucco. Perciò io lo odio.

Grazie signore Mughini per esserti fatto odiare.

Alvaro Candido.













Commenti


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: