ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 20 febbraio 2006
ultima lettura lunedì 23 novembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Rincorse

di francesca mazzucato. Letto 4657 volte. Dallo scaffale Racconti

rincorse rincorse acquose nel fine settimana di terra ardita bastarda e puttana rincorse un torrente di pioggia battente tomenta ridente placen...

rincorse rincorse acquose nel fine settimana di terra ardita bastarda e puttana rincorse un torrente di pioggia battente tomenta ridente placenta di colori senza forma sformati molli di panorami di colli e di mare rincorse senza considerare lo scivolamento in agguato il passato azzannato da un pezzo di mare ricordare io e lui sulla spiaggia le onde lo scomodo lettino isolato come morto feticcio dell'estate lontana la leggera frenesia nell'immagine che appare ricordare dopo solo un istante rifarsi distante ritrovare un minuto un secondo in cui chiedere aiuto al presente rifiutando un passato ora morto ora inesistente latente pericolo di ferite riaperte rimanere per difesa a braccia conserte rincorse immaginare rincorse adolescenti mare acqua sabbia corpi non cadenti mai l'impressione di quello che poteva essere e che non è stato oppure è stato ed andato finito strappato cambiato immaginare rincorse dolenti quando tutto appare possibile quando cancellare appare incredibile rincorse ritrovando fra l'ipnosi dell'acqua fra il fremito per la schiena che blocca che carezza e che tocca il petto che veniva trapassato riportarlo dal passato al presente indenne intoccato ma ancora pieno di desiderio insolente ricorse profumo codardo di schiuma porosa che porta a riva ogni cosa anche il niente


Commenti

pubblicato il 18/08/2006 19.26.25
stage, ha scritto: Si sente una forzatura nelle tue parole. Ovunque, sembrano spingere più di quanto richiesto. Quasi un obbligo d'espressione, un linguaggio tutto esterno. Tradiscono una persuasione, forse un esercizio che s'è fatta abitudine. Manca il silenzio, l'assenza di movimento.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: