ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 7.994 ewriters e abbiamo pubblicato 71.185 lavori, che sono stati letti 44.557.744 volte e commentati 54.254 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato martedì 17 gennaio 2006
ultima lettura martedì 15 agosto 2017

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

una bambina e il cane

di biancaneve. Letto 1980 volte. Dallo scaffale Fiabe

Una Bambina di nome Marika non avendo nessuno con cui giocare, desiderava avere un cucciolo di cane. I genitori non potevano permettersi di tenerlo pe...

Una Bambina di nome Marika non avendo nessuno con cui giocare, desiderava avere un cucciolo di cane. I genitori non potevano permettersi di tenerlo perchè lavoravano e non avevano tempo da dedicare anche al cane. Un pomeriggio Marika uscì in giardino e vide che dietro i cespugli si nascondeva un cucciolo di cane proprio come lei desiderava : lo prese, lo portò in casa ma quando lo fece vedere ai genitori, essi dissero di no perchè era soltanto un impegno in più. 
A Marika non importava niente del no dei suoi genitori perchè Lara, così aveva chiamato la sua cagnetta, era l' unica cosa che voleva e nient' altro: sapeva che quella cagnolina poteva essere la sua amica fidata. 
Così dopo l' ennesimo rifiuto Marika decise di scappare insieme al suo cucciolo e di non tornare mai più. Marika abitava in una casa di campagna vicina a un bosco molto fitto e pericoloso tanto che si diceva che chi entrava moriva perchè era pieno di pericoli. 
Marika incurante del pericolo si inoltrò e camminarono a lungo. 
Ormai si era fatto buio e tutte e due avevano freddo, fame e sete e allora si appoggiarono ad un albero per riposarsi ormai esauste. Da un buco sotterraneo le due videro uscire un piccolo topo parlante che chiese loro cosa facevano al freddo e al gelo così lontano da casa. La bambina e la cagnetta non ebbero il tempo di rispondere che il topolino disse che per fortuna aveva un' amica lepre che aveva una casina a quattro passi da dove erano loro. Così tutti entrarono nella casina della lepre e si misero accanto al camino per riposare e riscaldarsi. 
Nel frattempo, i genitori erano molto preoccupati, cercarono dappertutto sia nella casa che nel giardino senza trovare nessuno. Intanto Marika ringraziò tutti gli amici che l' avevano aiutata e disse che voleva ritornare a casa perchè le mancavano la mamma e il papà. Il topo che era molto gentile, per non farla perdere di nuovo nel bosco, la accompagnò fino a casa. 
Nel frattempo, i genitori erano molto preoccupati, cercarono dappertutto sia nella casa che nel giardino senza trovare nessuno. Intanto Marika ringraziò tutti gli amici che l' avevano aiutata e disse che voleva ritornare a casa perchè le mancavano la mamma e il papà. Il topo che era molto gentile, per non farla perdere di nuovo nel bosco, la accompagnò fino a casa. I genitori di Marika dopo le ricerche erano distrutti e preoccupati, non sapevano più dove cercare. A un certo punto sentirono bussare alla porta: era Marika con in braccio il cucciolo Lara. I genitori vollero una spiegazione, Marika spiegò tutto e alla fine richiese se poteva tenere la sua amica Lara. Questa volta i genitori dissero di si però, Marika promise che non sarebbe mai piî scappata. 




Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: